Ransomware Giacomo Lanzi

Acronis Active Protection: difesa dai ransomware

Tempo di lettura: 4 min

Acronis Active Protection e’ una tecnologia anti-ransomware avanzata. Protegge attivamente tutti i dati dei vostri sistemi: documenti, dati di ogni tipo e file di backup Acronis. E’ una tecnologia disponibile per i sistemi operativi Windows e Mac OS X e protegge dalle piu’ recenti azioni ransomware come Petya, WannaCry, Locky e Osiris.

Cos’e’ un Ransomware?

Il Ransomware e’ un tipo di malware particolarmente doloroso. Il malware e’ un “software ostile o intrusivo” introdotto illegalmente nel vostro sistema per motivi malevoli. Quando il ransomware infetta il sistema blocca l’accesso ai dati. Chi ha introdotto il malware fara’ quindi una richiesta in denaro per sbloccare i dati. Il meccanismo e’ quello del riscatto, insomma.

Per difendersi da questo tipo di attacco, e’ necessario monitorare costantemente le attivita’ che avvengono nel sistema. 

Individuare i pattern

Acronis Active Protection osserva costantemente gli schemi nel modo in cui i file e i dati vengono modificati. Un insieme di comportamenti puo’ essere tipico e atteso. Un altro puo’ segnalare un processo sospetto che ha il fine di avviare azioni ostili contro i dati.

L’approccio di Acronis e’ il seguente: esaminare queste azioni e confrontarle con i modelli di comportamento malevolo. Questo modo di procedere puo’ essere eccezionalmente potente nell’identificazione di attacchi ransomware, anche da varianti che non sono ancora state segnalate. La piu’ recente versione di Acronis Active Protection aggiunge ulteriori schemi comportamentali per migliorare il rilevamento dei ransomware.

Acronis ha investito molto in una nuova infrastruttura dedicata al Machine Learning utilizzata per la telemetria e l’elaborazione dei dati. Il primo passo del processo e’ un’analisi dello stack trace. E’ possibile rilevare il codice malevolo utilizzando l’analisi dello stack trace di un processo basata sull’approccio del machine learning.

I dati da studiare e analizzare sono i dump / frame dello stack trace che sono inviati come input al modulo Acronis Machine Learning. L’output dell’analisi sara’ il verdetto: dati puliti o infetti. Questo approccio porta la protezione attiva su un nuovo livello, specialmente quando si parla di minacce mai usate prima (dette Zero Day).

Il sistema non richiede firme di alcun tipo, ma crea piuttosto un modello di cio’ che e’ accettabile e cio’ che non lo e’. In questo modo, quando gli hacker troveranno una nuova vulnerabilita’ o un nuovo approccio per infiltrarsi nel sistema, difficilmente potranno superare questo controllo del comportamento fatto grazie ai modelli di applicati da Acronis.

Difesa contro minacce avanzate

Acronis Active Protection e’ in grado di rilevare minacce ransomware molto sofisticate che normalmente appaiono come operazioni legittime. La rilevazione degli attacchi avviene grazie all’applicazione di euristiche avanzate e machine learning, ma non solo.

Infatti, vengono adottati anche speciali approcci matematici per calcolare l’entropia dei file, in modo da poter capire se il file e’ stato modificato anche se l’intestazione rimane la stessa. Molte soluzioni anti-ransomware, invece, agiscono solo in base alle intestazioni dei file.

Un modo in cui i criminali potrebbero scegliere di compromettere i file sarebbe quello di attaccare il software di backup stesso per corrompere i file di backup che crea. Per proteggersi da questo, Acronis ha implementato un robusto meccanismo di autodifesa che non permettera’ ai criminali di interrompere il lavoro dell’applicazione Acronis o il contenuto dei file di backup. Inoltre, Acronis Active Protection controlla il Master Boot Record dei computer basati su Windows. Quindi, non permettera’ di apportare modifiche illegittime per impedire di avviare il computer. 

Come interviene

Se l’attacco ransomware inizia a criptare i file, Acronis rileva e arresta rapidamente questo processo. Poiche’ Acronis e’ una soluzione di backup, tutti i dati che sono stati esposti e crittografati prima dell’arresto del processo possono essere recuperati da una varieta’ di fonti. Questo e’ notevole, considerando che, non solo le soluzioni anti-ransomware comunemente non possono terminare un attacco una volta iniziato, ma non hanno nemmeno modo di recuperare i file crittografati dall’attacco.

Acronis Active Protection rileva e devia gli attacchi e ripristina i file di qualsiasi dimensione.

Le metodologie rilevano e deflettono gli attacchi e ripristinano in modo avanzato i file. Questi approcci di protezione non solo sono all’avanguardia rispetto ai criminali, ma sono piu’ innovativi e avanzati di qualsiasi altra metodologia anti-ransomware disponibile.

La soluzione di Acronis e’ in grado di individuare:

– Hacker che cercano di infettare o compromettere i backup locali o nel cloud
– Attacchi ridotti e solitamente piu’ difficili da individuare (per esempio cambiare solo una piccola porzione di un documento o una foto stoccata in profondita’ nel disco rigido)
– Gli aggressori che escogitano nuovi modi creativi per tentare di modificare i file in modo malizioso

Conclusioni

L’applicazione dell’intelligenza artificiale nel campo della cyber security ha permesso di fare passi da gigante nella difesa e sta rendendo la vita estremamente complicata per gli hacker. La ricerca di soluzioni innovative, ormai, e’ orientata all’implementazione del machine learning per cercare di cogliere i comportamenti maliziosi piuttosto che gli attacchi stessi. Acronis Active Protection agisce in quest’ottica e lo fa in modo efficace, offrendo una protezione completa ed efficiente dagli attacchi ransomware.

Le minacce non terminano una volta verificata la sicurezza dei propri sistemi e del perimetro, bisogna adottare soluzioni di difesa e verifica costante per assicurare i propri dati nel modo migliore possibile.

Link utili:

Condividi


RSS

Piu’ articoli…

Categorie …

Tags

RSS CSIRT

RSS Dark Reading:

RSS Full Disclosure

  • Backdoor.Win32.NetBull.11.a / Remote Buffer Overflow Gennaio 19, 2021
    Posted by malvuln on Jan 19Discovery / credits: Malvuln - malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/80e98fdf726a3e727f3414bdbf2e86bb.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.NetBull.11.a Vulnerability: Remote Buffer Overflow Description: Netbull listens on both TCP ports 23444 and 23445, sending a large string of junk chars causes stack corruption overwriting EDX register. Type: PE32 MD5:...
  • Email-Worm.Win32.Agent.gi / Remote Stack Buffer Overflow - (UDP Datagram) Gennaio 19, 2021
    Posted by malvuln on Jan 19Discovery / credits: Malvuln - malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/74e65773735f977185f6a09f1472ea46.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Email-Worm.Win32.Agent.gi Vulnerability: Remote Stack Buffer Overflow - (UDP Datagram) Description: Creates a service "Microsoft ASPI Manager" and listens on TCP ports 80, 81 and UDP 53. The service process is a […]
  • Constructor.Win32.SMWG.c / Insecure Permissions Gennaio 19, 2021
    Posted by malvuln on Jan 19Discovery / credits: Malvuln - malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/47e819a6ce3d5e93819f4842cfbe23d6.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Constructor.Win32.SMWG.c Vulnerability: Insecure Permissions Description: Description: SMWG - P2P VBS.sucke.gen worm generator by sevenC / N0:7 outputs its malicious VBS script granting change (C) permissions to authenticated users group. Type:...
  • Constructor.Win32.SMWG.a / Insecure Permissions Gennaio 19, 2021
    Posted by malvuln on Jan 19Discovery / credits: Malvuln - malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/07cd532823d6ab05d6e5e3a56f7afbfd.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Constructor.Win32.SMWG.a Vulnerability: Insecure Permissions Description: Win32.SMWG VBS.sucke.gen worm generator by sevenC / N0:7 outputs its malicious VBS script granting change (C) permissions to authenticated users group. Type: PE32 MD5:...
  • Newfuture Trojan V.1.0 BETA 1 / Insecure Permissions Gennaio 19, 2021
    Posted by malvuln on Jan 19Discovery / credits: Malvuln - malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/4f9376824718ff23a6238c877f73ff73.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Newfuture Trojan V.1.0 BETA 1 Vulnerability: Insecure Permissions Description: Newfuture by Wider is a remote access client and has a (Fast_sms) server component, it is written in spanish. On installation it […]
  • Backdoor.Win32.Mnets / Remote Stack Buffer Overflow - (UDP Datagram Proto) Gennaio 19, 2021
    Posted by malvuln on Jan 19Discovery / credits: Malvuln - malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/1e42493dcef54a62bc28e0a1338c1142.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Mnets Vulnerability: Remote Stack Buffer Overflow - (UDP Datagram Proto) Description: The backdoor listens for commands on UDP ports 2222 and 4444. Sending a mere 323 bytes we can overwrite the […]
  • Backdoor.Win32.Whgrx / Remote Host Header Stack Buffer Overflow Gennaio 19, 2021
    Posted by malvuln on Jan 19Discovery / credits: Malvuln - malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/eb6fd418cd3b52132ffb029b52839edf.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Whgrx Vulnerability: Remote Host Header Stack Buffer Overflow Description: The specimen listens on datagram UDP port 65000, by sending a specially crafted HTTP PUT request and specifying a large string of […]
  • Backdoor.Win32.Latinus.b / Remote Buffer Overflow Gennaio 19, 2021
    Posted by malvuln on Jan 19Discovery / credits: Malvuln - malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/9adffcc98cd658a7f9c5419480013f72.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Latinus.b Vulnerability: Remote Buffer Overflow Description: Malware listens on both TCP ports 11831 and 29559, by sending an HTTP OPTIONS request with about 8945 bytes we trigger buffer overflow and overwriting […]
  • Backdoor.Win32.Nucleroot.t - MaskPE 1.6 / File Based Buffer Overflow Gennaio 19, 2021
    Posted by malvuln on Jan 19Discovery / credits: Malvuln - malvuln.com (c) 20211 Original source: https://malvuln.com/advisory/170d3ccf9f036c552aef6690bf419b2e.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Nucleroot.t - MaskPE 1.6 Vulnerability: File Based Buffer Overflow Description: Description: MaskPE by yzkzero is a tool for implanting backdoors in existing PE files. The Backdoor tool doesnt properly check the […]
  • Backdoor.Win32.Nucleroot.bi - MaskPE 2.0 / File Based Buffer Overflow Gennaio 19, 2021
    Posted by malvuln on Jan 19Discovery / credits: Malvuln - malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/25e0570cc803cd77abc2268b41237937.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Nucleroot.bi - MaskPE 2.0 Vulnerability: File Based Buffer Overflow Description: MaskPE by yzkzero is a tool for implanting backdoors in existing PE files. The Backdoor tool doesnt properly check the files […]

Customers

Newsletter