Sviluppo informatico-application programming interface Giacomo Lanzi

Application programming interface: le nostre User API

Tempo di lettura: 5 min

Nel processo di sviluppo informatico, prima o poi ci si imbatte nei servizi API, acronimo di Application Programming Interface. Ad oggi e’ impossibile immaginare uno sviluppo informatico senza. Con le API e’ possibile collegare un servizio a un applicativo e integrarlo in modo efficiente. Prima di introdurre le API specifiche del servizio Cloud Server, e’ bene sapere a grandi linee cosa sia un’API e perche’ sono cosi’ tanto usate in informatica.

Cos’e’ un’API e come funziona?

Un application programming interface e’ come un linguaggio aperto, le cui regole sono condivise da un certo servizio. Insegnando le regole del linguaggio a un’applicazione, questa puo’ comunicare con il servizio e accedere a tutte le funzioni e i dati che sono a disposizione.

Parlando in modo un po’ piu’ formale: l’API e’ un’interfaccia che permette a un’app di interagire con un servizio esterno tramite un set di comandi. Non e’ necessario conoscere la logica interna del servizio, basta utilizzare un semplice comando e il servizio restituira’ i dati richiesti.

Voglio proporre una analogia che puo’ tornare utile per comprendere questo strumento. Quando entri in un ristorante e parli con un cameriere, puoi ordinare le pietanze, fare domande sul menu’, chiedere il conto e cosi’ via. Questa persona e’ come un filtro che ti separa da tutte le complicazioni che ci sono dietro le quinte. Non dovrai preoccuparti di stoviglie, forni, personale o riserve di cibo. Il cameriere diventa l’interfaccia che ti permette di usufruire di tutti i servizi, senza doverti preoccupare di come funzioni un ristorante. Ecco, il cameriere puo’ essere interpretato come l’API del ristorante.

Il comando specifico, il metodo di richiesta (o chiamata) e la sintassi da utilizzare, sono informazioni descritte nella documentazione del servizio che offre le application programming interface.

 

Utilizzi

Application programming interface e Sviluppo InformaticoQuesto potente strumento si trova ormai dappertutto, tanto che spesso non ci rendiamo nemmeno conto di quanti servizi utilizziamo tramite API. Principalmente le application programming interface sono un ottimo modo per eseguire uno dei seguenti compiti:

Scambio di dati
Nell’esempio del ristorante, fare una domanda al cameriere equivale a uno scambio di dati. Sarebbe come una risposta a una domanda che riguarda i dati messi a disposizione.
Nascondere parti complesse e compiere operazioni
Nell’esempio del ristorante, non e’ necessario che tu sappia come cucinare una perfetta lasagna, ti limiterai a ordinarla. La richiesta prevede che il servizio fornisca un prodotto, non semplicemente dati grezzi.
Estendere funzionalita’
Per esempio, nei sistemi operativi dei dispositivi mobili, i widget, che mostrano informazioni utili a schermo come parte dello sfondo, sono usati tramite API. Il SO richiede all’app che fornisce il widget, tutte le informazioni che servono per mostrare in modo corretto questa funzionalita’. Anche questo avviene tramite API.
Aumentare la sicurezza
Poiche’ e’ il SO a gestire le autorizzazioni d’uso dei vari componenti hardware, e’ incaricato di richiedere all’utente l’autorizzazione alla condivisione di un componente. E’ quindi il SO il responsabile per la sicurezza e gestione dei dati raccolti dai sensori del cellulare.

Per approfondire l’argomento API, vi condividiamo un video di spiegazione dal canale Simply Explained.

User API di Secure Online Desktop

Secure Online Desktop mette a disposizione le proprie User API per abilitare il controllo completo del proprio account e servizi dalle proprie app/sistemi. Tramite le HTTP REST API messe a disposizione e’ possibile anche rivendere i servizi con formula white label, quindi potendo brandizzare in piena liberta’ i servizi.

HTTP REST API

Questo tipo di API si caratterizza per una comunicazione tramite protocollo HTTP e il rispetto di principi architetturali definiti come REpresentational State Transfer. Se il protocollo HTTP e i suoi metodi di comunicazione sono abbastanza noti e largamente compresi, forse e’ bene accennare ai principi REST.

In un’analisi universitaria pubblicata come tesi da Roy Fielding, venivano analizzati i principi per un’architettura software che consentisse di vedere il Web come una piattaforma di elaborazione distribuita. Secondo questa analisi, che ipotizzava una generica architettura, il Web e’ risultato avere tutto quello serve per essere considerato una perfetta piattaforma per l’elaborazione distribuita.

Un set di API che rispetta la logica REST ipotizzata nel 2000 da Roy Fielding, e’ chiamata RESTful API. Anche se i termini creano confusione, in realta’ rispecchiano perfettamente il concetto che REST non e’ una tecnologia o un linguaggio, ma sono semplicemente delle linee guida che possono essere rispettate o meno. 

REST API spiegate

White Label

Le nostre API sono offerte appositamente per offrire la possibilita’ ai nostri clienti di proporre i nostri servizi in modalita’ white labelQuesto significa che i nostri servizi possono essere offerti ai clienti dei nostri clienti, senza che questi si accorgano di nulla.

La pratica del white label, infatti, consiste proprio nell’offerta di prodotti senza brand, con il preciso intento di invogliare al rebranding del servizio. Un altro interessante vantaggio derivato dall’uso delle API.

Conclusioni

Oltre che la possibilita’ di offrire in white label i nostri servizi ai vostri clienti, potrete anche utilizzare le API per implementare i servizi direttamente nelle vostre app, ampliando le possibilita’ di sviluppo disponibili.

Le API sono offerte con una documentazione completa di tutti i metodi di richiesta offerti. Sono consentite una moltitudine di diverse chiamate API che comprendono la gestione degli utenti, dei domini, dei DNS, delle macchine virtuali e molto altro.

Riassumendo, tramite le HTTP REST API di SOD e’ possibile:

1. implementare l’accesso alle macchine virtuali, hypervisor, rete, dischi, backup e molto altro nei loro applicativi
2. offrire i nostri servizi ribrandizzati ai vostri clienti

Richiedi ulteriori informazioni o una consulenza a riguardo.

 

Link utili:

Cloud Server Cloud API

Condividi


RSS

Piu’ articoli…

Categorie …

Tags

RSS CSIRT

RSS Dark Reading

RSS Full Disclosure

  • Re: Responsible Full disclosure for LiquidFiles 3.5.13 Novembre 23, 2021
    Posted by Riccardo Spampinato on Nov 23Dear Full Disclosure Team, This is to ask you to kindly update our responsible disclosure. Following the updated advisory. =============================================================================== title: LiquidFiles Privilege Escalation product: LiquidFiles v3.5.13 vulnerability type: Privilege Escalation severity: High CVSSv3 score: 8.8 CVSSv3 vector:...
  • Backdoor.Win32.BlueAdept.02.a / Remote Buffer Overflow Novembre 21, 2021
    Posted by malvuln on Nov 21Discovery / credits: Malvuln - malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/694d21679cc212c59515584d1b65dc84.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.BlueAdept.02.a Vulnerability: Remote Buffer Overflow Description: The malware listens on TCP port 6969, after connecting to the infected host TCP ports 6970, 6971 are then opened. The newly opened port 6970 […]
  • Backdoor.Win32.BNLite / Remote Heap Based Buffer Overflow Novembre 21, 2021
    Posted by malvuln on Nov 21Discovery / credits: Malvuln - malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/a8818da39c7d36d9b5497d1a875798b8.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.BNLite Vulnerability: Remote Heap Based Buffer Overflow Description: The malware listens on TCP port 5000. Third party attackers who can reach the system can send a specially crafted payload to trigger […]
  • Backdoor.Win32.Agent.ad / Insecure Credential Storage Novembre 21, 2021
    Posted by malvuln on Nov 21Discovery / credits: Malvuln - malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/d2b933ebadd5c808ca4c68ae173e2d62.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Agent.ad Vulnerability: Insecure Credential Storage Description: The malware listens on TCP port 87, its default password "hoanggia" is stored in the Windows registry in cleartext under "clrprv.oo" in...
  • Backdoor.Win32.Wollf.h / Hardcoded Cleartext Password Novembre 21, 2021
    Posted by malvuln on Nov 21Discovery / credits: Malvuln - malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/5494b78dcfaf16aa43b5dbd563dc5582.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Wollf.h Vulnerability: Hardcoded Cleartext Password Description: The malware listens on TCP port 7300 and runs with SYSTEM integrity. Authentication is required for remote user access. However, the password "grish5800" is...
  • Backdoor.Win32.Wollf.a / Weak Hardcoded Password Novembre 21, 2021
    Posted by malvuln on Nov 21Discovery / credits: Malvuln - malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/52d1341f73c34ba2638581469120b68a.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Wollf.a Vulnerability: Weak Hardcoded Password Description: The malware listens on TCP port 1698 and runs with SYSTEM integrity. Authentication is required for remote user access. However, the password "23706373" is weak...
  • Backdoor.Win32.Antilam.11 / Unauthenticated Remote Command Execution Novembre 21, 2021
    Posted by malvuln on Nov 21Discovery / credits: Malvuln - malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/290477c9707f64a316888493ae67b1ef.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Antilam.11 Vulnerability: Unauthenticated Remote Command Execution Description: The malware listens on TCP ports 29559, 47891. Third party attackers who can reach infected systems can execute commands made available by the backdoor....
  • Backdoor.Win32.Curioso.zp / Insecure Permissions Novembre 21, 2021
    Posted by malvuln on Nov 21Discovery / credits: Malvuln - malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/1ae08493913b2a0c8cbcb0541da5a8bc.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Curioso.zp Vulnerability: Insecure Permissions Description: The malware creates a dir with insecure permissions under c:\ drive granting change (C) permissions to the authenticated user group. Standard users can rename the...
  • Backdoor.Win32.Acropolis.10 / Insecure Permissions Novembre 21, 2021
    Posted by malvuln on Nov 21Discovery / credits: Malvuln - malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/e865fc7225c84165d7aa0c7d8a1bcb77.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Acropolis.10 Vulnerability: Insecure Permissions Description: The malware writes an .EXE with insecure permissions under c:\ drive granting change (C) permissions to the authenticated user group. Standard users can rename the...
  • Open-Xchange Security Advisory 2021-11-19 Novembre 21, 2021
    Posted by Open-Xchange GmbH via Fulldisclosure on Nov 21Dear subscribers, we're sharing our latest advisory with you and like to thank everyone who contributed in finding and solving those vulnerabilities. Feel free to join our bug bounty programs for OX AppSuite, Dovecot and PowerDNS at HackerOne. Yours sincerely, Martin Heiland, Open-Xchange GmbH Product: OX App […]

Customers

Newsletter