EDR - lucchetto Piergiorgio Venuti

EDR (Endpoint Detection and Response)

Estimated reading time: 8 minuti

Gli EDR (Endpoint Detection and Response) sono una tecnologia di sicurezza informatica che mira a proteggere gli endpoint, ovvero i dispositivi che collegano gli utenti al network aziendale, come desktop, laptop, tablet e smartphone. Gli EDR sono progettati per rilevare e rispondere a minacce informatiche, come malware, ransomware, phishing e altre forme di attacco informatico, che possono mettere a rischio la sicurezza dei dati aziendali e il normale funzionamento del business.

EDR - Centrale di controllo

EDR nel dettaglio

Uno dei principali vantaggi degli EDR è la loro capacità di fornire una protezione in tempo reale contro le minacce informatiche. Gli EDR monitorano costantemente l’attività degli endpoint e utilizzano algoritmi di intelligenza artificiale e machine learning per identificare comportamenti sospetti o anomali. In caso di rilevamento di una minaccia, gli EDR possono bloccarla o rimuoverla immediatamente, evitando che danni irreversibili vengano causati al sistema o ai dati.

Gli EDR sono anche in grado di fornire una visibilità completa sull’attività degli endpoint, fornendo agli amministratori di sistema e agli analisti di sicurezza una panoramica dettagliata di ciò che sta accadendo all’interno della rete aziendale. Questo include il monitoraggio del traffico di rete, l’analisi delle attività dell’utente e la visualizzazione delle applicazioni in esecuzione sugli endpoint. In questo modo, gli EDR possono aiutare a identificare le fonti di eventuali problemi di sicurezza o di prestazioni e a risolvere i problemi in modo tempestivo.

Gli EDR sono anche in grado di raccogliere e conservare i dati sulla sicurezza degli endpoint per periodi di tempo prolungati, consentendo di effettuare analisi storiche e di individuare tendenze nelle minacce informatiche. Questo può essere particolarmente utile per le aziende che devono rispettare le normative sulla conservazione dei dati o che desiderano utilizzare questi dati per migliorare le loro strategie di sicurezza.

Esistono diverse soluzioni EDR sul mercato, ognuna delle quali può essere adattata alle esigenze specifiche di un’azienda. Alcune soluzioni EDR sono progettate per funzionare come software standalone che può essere installato sugli endpoint dell’azienda, mentre altre sono offerte come servizi cloud gestiti dal fornitore.

EDR – come funzionano

Gli EDR (Endpoint Detection and Response) sono sistemi di sicurezza progettati per proteggere le reti aziendali dalle minacce informatiche e per individuare e rispondere rapidamente a qualsiasi attività sospetta o dannosa. Si basano su una combinazione di tecnologie di rilevamento e analisi dei dati, che consentono di identificare in tempo reale i comportamenti anomali e di prendere provvedimenti tempestivi per proteggere la rete.

Endpoint Detection and Response - squadra al lavoro

Uno dei principali vantaggi degli EDR è la loro capacità di raccogliere e analizzare grandi quantità di dati in tempo reale, al fine di individuare in modo tempestivo eventuali minacce alla sicurezza della rete. Ad esempio, gli EDR possono rilevare comportamenti anomali che potrebbero indicare l’esistenza di un attacco informatico in corso, come la connessione a siti web dannosi o il download di malware. Una volta rilevata una minaccia, gli EDR possono intervenire per bloccare l’attacco e proteggere la rete.

EDR – Vantaggi

Gli EDR sono spesso utilizzati in combinazione con altre soluzioni di sicurezza, come gli antivirus e i firewall, per fornire una protezione completa contro le minacce informatiche. Tuttavia, rispetto a queste altre soluzioni, gli EDR offrono un livello di protezione più avanzato, poiché sono in grado di rilevare e rispondere a minacce che altre soluzioni potrebbero non essere in grado di rilevare.

Un altro vantaggio degli EDR è che possono essere facilmente configurati per funzionare in modo autonomo, il che significa che non è necessario un intervento manuale per la gestione della sicurezza. Inoltre, gli EDR possono essere facilmente integrati con altre soluzioni di sicurezza aziendale, come i sistemi di gestione della sicurezza (SMS) e i sistemi di gestione degli incidenti di sicurezza (SIEM).

Ci sono alcuni svantaggi nell’utilizzo degli EDR, tuttavia. Ad esempio, possono essere costosi da implementare e richiedere una manutenzione regolare per garantire che funzionino correttamente. Inoltre, possono generare un elevato volume di falsi positivi, ovvero segnalare minacce dove in realtà non esistono. Questo può essere frustrante per gli utenti e può portare a una diminuzione della produttività.

EDR – rilevamento delle minacce

Gli EDR sono diventati sempre più importanti negli ultimi anni a causa dell’aumento delle minacce informatiche e della crescente complessità delle reti aziendali. Le minacce informatiche possono assumere diverse forme, come malware, phishing, attacchi di ransomware e altro ancora, e possono causare danni significativi alle aziende, sia in termini di perdita di dati che di riduzione della produttività. Gli EDR sono progettati per proteggere le aziende da queste minacce e aiutare a mantenere la sicurezza della rete.

Uno dei modi in cui gli EDR proteggono le reti aziendali è attraverso il rilevamento delle attività sospette. Ad esempio, se un utente tenta di accedere a un sito web dannoso o di scaricare un file contenente malware, gli EDR possono rilevare questa attività e intervenire per bloccare l’accesso o il download. Gli EDR possono anche rilevare il tentativo di esecuzione di codice dannoso o il tentativo di accedere ai dati aziendali senza autorizzazione.

EDR – risposta agli incidenti

Oltre al rilevamento delle attività sospette, gli EDR possono anche fornire una protezione attiva contro le minacce informatiche. Ad esempio, possono essere configurati per bloccare l’accesso a siti web dannosi o per impedire il download di file contenenti malware. Inoltre, possono essere configurati per eseguire la scansione del sistema alla ricerca di malware o altre minacce e per rimuoverle in caso di rilevamento.

Un altro modo in cui gli EDR proteggono le reti aziendali è attraverso l’analisi dei dati. Gli EDR raccolgono e analizzano grandi quantità di dati provenienti da diverse fonti, come il traffico di rete, gli eventi di sistema e gli accessi ai dati. Questi dati vengono utilizzati per individuare comportamenti anomali e per prendere provvedimenti per proteggere la rete. Ad esempio, se viene rilevato un tentativo di accesso non autorizzato ai dati aziendali, gli EDR possono intervenire per impedire l’accesso o per segnalare l’incidente a un responsabile della sicurezza.

Gli EDR possono anche essere utilizzati per monitorare le attività dei dipendenti all’interno dell’azienda. Ad esempio, possono essere configurati per registrare le attività dei dipendenti sui computer aziendali, in modo da tracciare una baseline di comportamento e misurare lo scostamento da essa al fine di individuare comportamenti non consueti e quindi possibilmente pericolosi.

Differenze tra EDR e Antivirus

Endpoint Detection and Response (EDR) e antivirus sono entrambe soluzioni di sicurezza progettate per proteggere i computer e altri dispositivi da minacce informatiche. Tuttavia, ci sono alcune differenze chiave tra i due:

  1. Ambito di protezione: l’antivirus è principalmente focalizzato sulla protezione di un singolo dispositivo dal malware, mentre l’EDR è progettato per proteggere un’intera rete di dispositivi e fornire visibilità sull’attività sull’intera rete.
  2. Metodo di protezione: l’antivirus utilizza la rilevazione basata su firme per identificare e bloccare il malware noto, mentre l’EDR utilizza algoritmi avanzati e tecniche di machine learning per identificare comportamenti sospetti e potenziali minacce.
  3. Livello di visibilità e controllo: l’EDR fornisce una visibilità dettagliata sull’attività dei dispositivi endpoint e consente agli analisti di sicurezza di indagare e rispondere alle minacce in tempo reale, mentre l’antivirus fornisce in genere solo avvisi di base e non offre lo stesso livello di visibilità e controllo.
  4. Approccio reattivo vs proattivo: l’antivirus è principalmente una soluzione reattiva progettata per identificare e bloccare le minacce note dopo che sono state incontrate, mentre l’EDR ha un approccio più proattivo e viene progettato per identificare e mitigare le minacce prima che possano causare danni.

In generale, sebbene l’antivirus sia un componente importante di qualsiasi strategia di sicurezza, l’EDR è una soluzione più completa che fornisce un livello di protezione e visibilità maggiore sull’intera rete di dispositivi di un’organizzazione.

EDR – perché adottarlo?

Ci sono diverse ragioni per cui le organizzazioni potrebbero scegliere di adottare un EDR:

  1. Miglioramento del rilevamento delle minacce: le soluzioni EDR utilizzano algoritmi avanzati e tecniche di machine learning per identificare attività anomale o maligne sui dispositivi endpoint, che possono essere più efficaci nel rilevare le minacce rispetto alle soluzioni di sicurezza tradizionali che si basano sulla rilevazione basata su firme.
  2. Risposta più rapida agli incidenti: le soluzioni EDR possono fornire avvisi in tempo reale e consentire agli analisti di sicurezza di indagare e rispondere rapidamente alle minacce, riducendo il tempo necessario per contenere e mitigare un incidente.
  3. Maggiore visibilità e controllo: le soluzioni EDR forniscono visibilità sull’attività dei dispositivi endpoint, consentendo alle organizzazioni di comprendere meglio ciò che accade sulla loro rete e prendere il controllo della situazione.
  4. Semplificazione della conformità: le soluzioni EDR possono aiutare le organizzazioni a soddisfare i requisiti di conformità fornendo prove delle misure di sicurezza in atto e dimostrando di adottare le opportuni misure per proteggere i dati sensibili.

Conclusioni

In sintesi, le soluzioni EDR possono aiutare le organizzazioni a rilevare e rispondere alle minacce informatiche in modo più efficace, migliorando il loro profilo di sicurezza complessivo e riducendo il rischio di violazioni dei dati e altri incidenti informatici.

Per qualunque domanda su come i nostri servizi possano essere utili alla tua azienda, non esitare a contattarci, saremo lieti di rispondere.

In nostro servizio di SOCaaS con EDR aiuta le aziende ad avere sempre attiva una misura di protezione proattiva e reattiva.

Useful links:

Condividi


RSS

Piu’ articoli…

Categorie …

Tags

RSS CSIRT

  • Rilevato sfruttamento in rete di vulnerabilità relative a OpenMetadata (AL03/240422/CSIRT-ITA) Aprile 22, 2024
    Rilevato lo sfruttamento attivo in rete di 5 vulnerabilità, di cui una con gravità “critica” - già sanate dal vendor il 15 marzo 2024 - in carichi di lavoro Kubernetes di OpenMetadata, piattaforma open source per la gestione di metadati. Tali vulnerabilità, potrebbero consentire a un attaccante remoto l'esecuzione arbitraria di codice sulle istanze Kubernetes […]
  • Sanate vulnerabilità su GitHub Enterprise Server (AL02/240422/CSIRT-ITA) Aprile 22, 2024
    Rilasciati aggiornamenti di sicurezza che risolvono 3 vulnerabilità, di cui 2 con gravità “alta”, in GitHub Enterprise Server, nota piattaforma di sviluppo software.
  • Vulnerabilità in prodotti Solarwinds (AL01/240422/CSIRT-ITA) Aprile 22, 2024
    Rilevate 2 vulnerabilità di sicurezza con gravità “alta” in SolarWinds Platform. Tali vulnerabilità, qualora sfruttate, potrebbero permettere l’accesso e la manipolazione di informazioni sensibili sui dispositivi interessati.
  • La Settimana Cibernetica del 21 aprile 2024 Aprile 22, 2024
    Scarica il riepilogo delle notizie pubblicate dallo CSIRT Italia dal 15 al 21 aprile 2024.
  • Risolte vulnerabilità in prodotti Cisco (AL04/240418/CSIRT-ITA) - Aggiornamento Aprile 19, 2024
    Aggiornamenti di sicurezza Cisco sanano alcune vulnerabilità, di cui 2 con gravità “alta” presenti nell'interfaccia web e nell'interfaccia a linea di comando (CLI) del prodotto Integrated Management Controller (IMC). Tali vulnerabilità qualora sfruttate, potrebbero permettere l’esecuzione di codice arbitrario sui dispositivi interessati.
  • Aggiornamenti per ClamAV (AL05/240418/CSIRT-ITA) Aprile 18, 2024
    Sanata vulnerabilità di sicurezza con gravità “alta” in ClamAV, noto software antivirus multipiattaforma open source. Tale vulnerabilità, qualora sfruttata, potrebbe permettere la compromissione della disponibilità del servizio sui dispositivi interessati.
  • Ivanti: risolte vulnerabilità nel prodotto Avalanche (AL03/240418/CSIRT-ITA) Aprile 18, 2024
    Ivanti rilascia aggiornamenti di sicurezza che risolvono molteplici vulnerabilità, di cui 2 con gravità “critica” e 17 con gravità “alta”, relative al prodotto Avalanche, soluzione di Enterprise Mobility Management (EMM) e Mobile Device Management (MDM). Tali vulnerabilità, qualora sfruttate, potrebbero permettere, a un utente malintenzionato remoto, la compromissione della disponibilità del servizio, l’esecuzione di codice […]
  • Rilevate vulnerabilità in prodotti Atlassian (AL02/240418/CSIRT-ITA) Aprile 18, 2024
    Aggiornamenti di sicurezza sanano 6 vulnerabilità con gravità “alta”, presenti nei propri prodotti.
  • Vulnerabilità in prodotti Solarwinds (AL01/240418/CSIRT-ITA) Aprile 18, 2024
    Rilevata vulnerabilità di sicurezza in SolarWinds Serv-U, software per il trasferimento dati sicuro (Managed File Transfer - MFT). Tale vulnerabilità, qualora sfruttata da un utente remoto con privilegi elevati, potrebbe permettere l’esecuzione di codice arbitrario sui sistemi interessati, attraverso la manipolazione impropria dei percorsi delle directory (Directory Traversal)
  • Aggiornamenti di sicurezza per prodotti Mozilla (AL03/240417/CSIRT-ITA) Aprile 17, 2024
    Mozilla ha rilasciato aggiornamenti di sicurezza per sanare alcune vulnerabilità, di cui 9 con gravità “alta”, nei prodotti Firefox e Firefox ESR.

RSS darkreading

RSS Full Disclosure

  • BACKDOOR.WIN32.DUMADOR.C / Remote Stack Buffer Overflow (SEH) Aprile 19, 2024
    Posted by malvuln on Apr 19Discovery / credits: Malvuln (John Page aka hyp3rlinx) (c) 2024 Original source: https://malvuln.com/advisory/6cc630843cabf23621375830df474bc5.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Dumador.c Vulnerability: Remote Stack Buffer Overflow (SEH) Description: The malware runs an FTP server on TCP port 10000. Third-party adversaries who can reach the server can send a specially […]
  • SEC Consult SA-20240418-0 :: Broken authorization in Dreamehome app Aprile 19, 2024
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab via Fulldisclosure on Apr 19SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20240418-0 > ======================================================================= title: Broken authorization product: Dreamehome app vulnerable version:
  • MindManager 23 - full disclosure Aprile 19, 2024
    Posted by Pawel Karwowski via Fulldisclosure on Apr 19Resending! Thank you for your efforts. GitHub - pawlokk/mindmanager-poc: public disclosure Affected application: MindManager23_setup.exe Platform: Windows Issue: Local Privilege Escalation via MSI installer Repair Mode (EXE hijacking race condition) Discovered and reported by: Pawel Karwowski and Julian Horoszkiewicz (Eviden Red Team) Proposed mitigation:...
  • CVE-2024-31705 Aprile 14, 2024
    Posted by V3locidad on Apr 14CVE ID: CVE-2024-31705 Title : RCE to Shell Commands" Plugin / GLPI Shell Command Management Interface Affected Product : GLPI - 10.X.X and last version Description: An issue in Infotel Conseil GLPI v.10.X.X and after allows a remote attacker to execute arbitrary code via the insufficient validation of user-supplied input. […]
  • SEC Consult SA-20240411-0 :: Database Passwords in Server Response in Amazon AWS Glue Aprile 14, 2024
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab via Fulldisclosure on Apr 14SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20240411-0 > ======================================================================= title: Database Passwords in Server Response product: Amazon AWS Glue vulnerable version: until 2024-02-23 fixed version: as of 2024-02-23 CVE number: - impact: medium homepage: https://aws.amazon.com/glue/ found:...
  • [KIS-2024-03] Invision Community <= 4.7.16 (toolbar.php) Remote Code Execution Vulnerability Aprile 11, 2024
    Posted by Egidio Romano on Apr 10------------------------------------------------------------------------------ Invision Community
  • [KIS-2024-02] Invision Community <= 4.7.15 (store.php) SQL Injection Vulnerability Aprile 11, 2024
    Posted by Egidio Romano on Apr 10-------------------------------------------------------------------- Invision Community
  • Multiple Issues in concretecmsv9.2.7 Aprile 11, 2024
    Posted by Andrey Stoykov on Apr 10# Exploit Title: Multiple Web Flaws in concretecmsv9.2.7 # Date: 4/2024 # Exploit Author: Andrey Stoykov # Version: 9.2.7 # Tested on: Ubuntu 22.04 # Blog: http://msecureltd.blogspot.com Verbose Error Message - Stack Trace: 1. Directly browse to edit profile page 2. Error should come up with verbose stack trace […]
  • OXAS-ADV-2024-0001: OX App Suite Security Advisory Aprile 11, 2024
    Posted by Martin Heiland via Fulldisclosure on Apr 10Dear subscribers, We&apos;re sharing our latest advisory with you and like to thank everyone who contributed in finding and solving those vulnerabilities. Feel free to join our bug bounty programs for OX App Suite, Dovecot and PowerDNS at YesWeHack. This advisory has also been published at https://documentation.open-xchange.com/appsuite/security/advisories/html/2024/oxas-adv-2024-0001.html. […]
  • Trojan.Win32.Razy.abc / Insecure Permissions (In memory IPC) Aprile 11, 2024
    Posted by malvuln on Apr 10Discovery / credits: Malvuln (John Page aka hyp3rlinx) (c) 2024 Original source: https://malvuln.com/advisory/0eb4a9089d3f7cf431d6547db3b9484d.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Trojan.Win32.Razy.abc Vulnerability: Insecure Permissions (In memory IPC) Family: Razy Type: PE32 MD5: 0eb4a9089d3f7cf431d6547db3b9484d SHA256: 3d82fee314e7febb8307ccf8a7396b6dd53c7d979a74aa56f3c4a6d0702fd098 Vuln ID: MVID-2024-0678...

Customers

Newsletter

{subscription_form_2}