NIST Cybersecurity Framework Giacomo Lanzi

NIST Cybersecurity Framework

Il NIST Cybersecurity Framework è un insieme di linee guida sviluppato per ridurre i rischi legati alla sicurezza informatica. Elenca delle attività specifiche associate alla gestione del rischio di sicurezza informatica basandosi su standard e linee guida già esistenti. È uno dei più popolari framework dedicati alla sicurezza informatica ed è impiegato in modo diffuso perché fornisce un aiuto sotto l’aspetto della gestione del rischio.

Redatto dal National Institute of Standards and Technology (NIST), questo quadro di cybersecurity affronta la mancanza di standard quando si tratta di cybersecurity. Infatti, fornisce un insieme uniforme di regole, linee guida e standard per le organizzazioni da utilizzare nei vari settori. Il NIST Cybersecurity Framework (a volte abbreviato NIST CSF) è ampiamente considerato come il gold-standard per costruire un programma di cybersecurity.

Sia che tu abbia appena iniziato a stabilire un programma di cybersecurity o che tu stia già eseguendo un programma abbastanza maturo, il framework può fornire valore aggiunto. Agisce come uno strumento di gestione della sicurezza di alto livello che aiuta a valutare il rischio di cybersecurity in tutta l’organizzazione.

NIST Cybersecurity Framework

La struttura del NIST Cybersecurity Framework

Il NIST Cybersecurity Framework è strutturato principalmente in tre parti:

Core: contiene una serie di attività, risultati e riferimenti su aspetti e approcci legati alla sicurezza informatica.
Implementation Tiers: è un sistema di classificazione che aiuta le organizzazioni a fare chiarezza sugli aspetti dedicati alla gestione del rischio di sicurezza informatica.
Profile: in sostanza è l’elenco dei risultati che un’organizzazione ha scelto, in base alle proprie necessità, dalle categorie e sotto-categorie della struttura.

Funzioni e categorie delle attività di cybersecurity

Il Core del NIST possiamo dividerlo in 5 sezioni, che a loro volta sono suddivise in 23 categorie. Per ogni categoria si definisce una serie di sotto-categorie, per un totale complessivo di 108 sotto-categorie. Ogni sotto-categoria, fornisce delle Risorse informative che fanno riferimento a sezioni specifiche di altri standard di sicurezza, come ISO 27001, COBIT, NIST SP 800-53, ANSI/ISA e CCS CSC.

La complessità di questo framework, ha dato origine alla creazione di progetti di legge che guidano il NIST a creare delle linee guida facilmente accessibili alle piccole e alle medie imprese.

Sezioni del NIST Cybersecurity Framework

NIST Sezioni

Identificazione (Identify)

La funzione di identificazione si concentra sul porre le basi per un efficace programma di cybersecurity. Questa funzione assiste nello sviluppo di una comprensione organizzativa per gestire il rischio di cybersecurity per sistemi, persone, beni, dati e capacità. Per consentire a un’organizzazione di concentrare e dare priorità ai suoi sforzi, coerentemente con la sua strategia di gestione del rischio e le esigenze di business, questa funzione ha sottolineato l’importanza di comprendere il contesto di business, le risorse che supportano le funzioni critiche, e i relativi rischi di cybersecurity.

Le attività essenziali in questa sezione del NIST includono:

Individuare le risorse fisiche e software per stabilire la base di un programma di gestione delle risorse
Definire l’ambiente di business dell’organizzazione, compreso il suo ruolo nella catena di fornitura
Scegliere le politiche di cybersecurity stabilite per definire il programma di governance e identificare i requisiti legali e normativi relativi alle capacità di cybersecurity dell’organizzazione
Identificare le vulnerabilità degli asset, le minacce alle risorse organizzative interne ed esterne e le attività di risposta al rischio per valutare il rischio
Stabilire una strategia di gestione del rischio, compresa l’identificazione della tolleranza al rischio
Produrre una strategia di gestione del rischio della catena di fornitura, comprese le priorità, i vincoli, le tolleranze di rischio e le ipotesi usate per sostenere le decisioni di rischio associate alla gestione dei rischi della catena di fornitura

Protezione (Protect)

La funzione di protezione del NIST delinea salvaguardie appropriate per garantire la fornitura di servizi di infrastrutture critiche. Inoltre, supporta la capacità di limitare o contenere l’impatto di un potenziale evento di cybersecurity.

Le attività critiche in questo gruppo includono:

Implementare le protezioni per la gestione delle identità e il controllo degli accessi all’interno dell’organizzazione, compreso l’accesso fisico e remoto
Responsabilizzare il personale attraverso la formazione sulla consapevolezza della sicurezza, compresa la formazione degli utenti privilegiati e basata sui ruoli
Stabilire una protezione della sicurezza dei dati coerente con la strategia di rischio dell’organizzazione per proteggere la riservatezza, l’integrità e la disponibilità delle informazioni
Implementare processi e procedure per mantenere e gestire le protezioni dei sistemi informativi e delle risorse
Proteggere le risorse organizzative attraverso la manutenzione, comprese le attività di manutenzione a distanza
Gestire la tecnologia per garantire la sicurezza e la resilienza dei sistemi, coerentemente con le politiche, le procedure e gli accordi organizzativi

Rilevamenti (Detect)

Rilevare potenziali incidenti di cybersecurity è fondamentale e questa funzione del Framework definisce le attività appropriate per identificare il verificarsi di un evento di cybersecurity in modo tempestivo. Le attività in questa funzione includono:

Garantire il rilevamento di anomalie ed eventi e la comprensione del loro potenziale impatto
Implementare capacità di monitoraggio continuo per monitorare gli eventi di cybersecurity e verificare l’efficacia delle misure di protezione, comprese le attività di rete e fisiche

Risposte (Respond)

La funzione di risposta del NIST si concentra sulle attività appropriate per agire in caso di un incidente di cybersecurity rilevato e supporta la capacità di contenere l’impatto di un potenziale incidente di cybersecurity.

Le attività essenziali per questa funzione includono:

Garantire l’esecuzione del processo di pianificazione della risposta durante e dopo un incidente
Gestire le comunicazioni con gli stakeholder interni ed esterni durante e dopo un Analizzare l’incidente per Garantire una risposta efficace e sostenere le attività di recupero, compresa l’analisi forense e la determinazione dell’impatto degli incidenti
Eseguire attività di mitigazione per prevenire l’espansione di un evento e per risolvere l’incidente
Implementare miglioramenti incorporando le lezioni apprese dalle attività di rilevamento/risposta attuali e precedenti

Recupero (Recover)

La funzione recupero del framework identifica le attività appropriate per rinnovare e mantenere i piani di resilienza e per ripristinare qualsiasi capacità o servizio che sia stato compromesso a causa di un incidente di cybersecurity. Il recupero tempestivo alle normali operazioni è importante per ridurre l’impatto di un incidente.

Le attività essenziali per questa funzione si sovrappongono in qualche modo a quelle di risposta e includono:

Assicurare che l’organizzazione implementi processi e procedure di pianificazione del recupero per ripristinare i sistemi e/o gli asset colpiti da incidenti di cybersecurity
Implementare miglioramenti basati sulle lezioni apprese e sulle revisioni delle strategie esistenti
Le comunicazioni interne ed esterne sono coordinate durante e dopo il recupero da un incidente di cybersecurity

Come iniziare con il NIST Cybersecurity Framework

Allinearsi con il framework significa enumerare tutte le vostre attività ed etichettare questi elementi con una di queste 5 etichette di funzione. Per esempio, l’etichetta Identify sarà per gli strumenti che vi aiutano a inventariare le vostre risorse. Strumenti come Firewall andranno in Protect. Tuttavia, a seconda delle loro capacità, li potreste voler mettere anche in Detect insieme ai vostri SIEM. Gli strumenti di risposta agli incidenti e i playbook vanno in Respond. I vostri strumenti di backup e ripristino fanno parte di Recover.

Una volta che avete fatto questo esercizio, alcune delle sezioni potrebbero sembrare più vuote di altre e potreste sentirvi a disagio per la descrizione della funzione corrispondente.

Questo è un bene, perché ora potete articolare ciò che manca al vostro programma di cybersecurity.

Conclusioni

In questo articolo abbiamo compreso cos’è il NIST Cybersecurity Framework e come è strutturato analizzando alcune delle sue sezioni principali e degli elementi che compongono queste sezioni.

Tuttavia, il nostro consiglio è quello di rivolgervi a un provider SaaS che vi possa fornire gli strumenti per implementare il NIST in modo efficiente senza alcun rischio. Le nostre soluzioni SaaS possono aiutare in questo senso e invitiamo a contattarci per sapere come i nostri servizi possono aiutare la tua azienda in ambito di sicurezza informatica.

Non esitare a contattarci per saperne di più, risponderemo a ogni vostra domanda.

Link utili:

Link utili:

Condividi


RSS

Piu’ articoli…

Categorie …

Tags

RSS CSIRT

RSS Dark Reading

RSS Full Disclosure

  • Backdoor.Win32.Hellza.120 / Authentication Bypass Settembre 20, 2022
    Posted by malvuln on Sep 19Discovery / credits: Malvuln (John Page aka hyp3rlinx) (c) 2022 Original source: https://malvuln.com/advisory/2cbd0fcf4d5fd5fb6c8014390efb0b21_B.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Hellza.120 Vulnerability: Authentication Bypass Description: The malware listens on TCP ports 12122, 21. Third-party adversarys who can reach infected systems can logon using any username/password combination....
  • Backdoor.Win32.Hellza.120 / Unauthorized Remote Command Execution Settembre 20, 2022
    Posted by malvuln on Sep 19Discovery / credits: Malvuln (John Page aka hyp3rlinx) (c) 2022 Original source: https://malvuln.com/advisory/2cbd0fcf4d5fd5fb6c8014390efb0b21.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Hellza.120 Vulnerability: Unauthorized Remote Command Execution Description: The malware listens on TCP ports 12122, 21. Third-party adversarys who can reach infected systems can issue commands made available by the...
  • Trojan.Ransom.Ryuk.A / Arbitrary Code Execution Settembre 20, 2022
    Posted by malvuln on Sep 19Discovery / credits: Malvuln (John Page aka hyp3rlinx) (c) 2022 Original source: https://malvuln.com/advisory/5ac0f050f93f86e69026faea1fbb4450.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Trojan.Ransom.Ryuk.A Vulnerability: Arbitrary Code Execution Description: The ransomware looks for and executes DLLs in its current directory. Therefore, we can potentially hijack a vuln DLL execute our own code, […]
  • Trojan-Dropper.Win32.Corty.10 / Insecure Credential Storage Settembre 20, 2022
    Posted by malvuln on Sep 19Discovery / credits: Malvuln (John Page aka hyp3rlinx) (c) 2022 Original source: https://malvuln.com/advisory/f72138e574743640bdcdb9f102dff0a5.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Trojan-Dropper.Win32.Corty.10 Vulnerability: Insecure Credential Storage Description: The malware stores its credentials in cleartext within the Windows registry. Family: Corty Type: PE32 MD5: f72138e574743640bdcdb9f102dff0a5 Vuln ID:...
  • Re: over 2000 packages depend on abort()ing libgmp Settembre 20, 2022
    Posted by Matthew Fernandez on Sep 19What is the security boundary being violated here? As a maintainer of some of the packages implicated here, I’m unsure what my actionable tasks are. The threat model(s) for my packages does not consider crashes to be a security violation. On the other side, things like crypto code frequently […]
  • SEC Consult SA-20220915-0 :: Local Privilege Escalation im SAP® SAPControl Web Service Interface (sapuxuserchk) Settembre 16, 2022
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab, Research via Fulldisclosure on Sep 15SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20220915-0 > ======================================================================= title: Local privilege escalation product: SAP® SAPControl Web Service Interface (sapuxuserchk) vulnerable version: see section "Vulnerable / tested versions" fixed version: see SAP security note 3158619 CVE number: CVE-2022-29614...
  • SEC Consult SA-20220914-0 :: Improper Access Control in SAP® SAProuter Settembre 16, 2022
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab, Research via Fulldisclosure on Sep 15SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20220914-0 > ======================================================================= title: Improper Access Control product: SAP® SAProuter vulnerable version: see section "Vulnerable / tested versions" fixed version: see SAP security note 3158375 CVE number: CVE-2022-27668 impact: high homepage:...
  • over 2000 packages depend on abort()ing libgmp Settembre 16, 2022
    Posted by Georgi Guninski on Sep 15ping world libgmp is library about big numbers. it is not a library for very big numbers, because if libgmp meets a very big number, it calls abort() and coredumps. 2442 packages depend on libgmp on ubuntu20. [email protected]:~/prim$ apt-cache rdepends libgmp10 | wc -l 2442 gawk crash: [email protected]:~/prim$ gawk […]
  • APPLE-SA-2022-09-12-5 Safari 16 Settembre 12, 2022
    Posted by Apple Product Security via Fulldisclosure on Sep 12APPLE-SA-2022-09-12-5 Safari 16 Safari 16 addresses the following issues. Information about the security content is also available at https://support.apple.com/HT213442. Safari Extensions Available for: macOS Big Sur and macOS Monterey Impact: A website may be able to track users through Safari web extensions Description: A logic issue […]
  • APPLE-SA-2022-09-12-4 macOS Monterey 12.6 Settembre 12, 2022
    Posted by Apple Product Security via Fulldisclosure on Sep 12APPLE-SA-2022-09-12-4 macOS Monterey 12.6 macOS Monterey 12.6 addresses the following issues. Information about the security content is also available at https://support.apple.com/HT213444. ATS Available for: macOS Monterey Impact: An app may be able to bypass Privacy preferences Description: A logic issue was addressed with improved state management. […]

Customers

Newsletter