NIST Cybersecurity Framework Giacomo Lanzi

NIST Cybersecurity Framework

Il NIST Cybersecurity Framework è un insieme di linee guida sviluppato per ridurre i rischi legati alla sicurezza informatica. Elenca delle attività specifiche associate alla gestione del rischio di sicurezza informatica basandosi su standard e linee guida già esistenti. È uno dei più popolari framework dedicati alla sicurezza informatica ed è impiegato in modo diffuso perché fornisce un aiuto sotto l’aspetto della gestione del rischio.

Redatto dal National Institute of Standards and Technology (NIST), questo quadro di cybersecurity affronta la mancanza di standard quando si tratta di cybersecurity. Infatti, fornisce un insieme uniforme di regole, linee guida e standard per le organizzazioni da utilizzare nei vari settori. Il NIST Cybersecurity Framework (a volte abbreviato NIST CSF) è ampiamente considerato come il gold-standard per costruire un programma di cybersecurity.

Sia che tu abbia appena iniziato a stabilire un programma di cybersecurity o che tu stia già eseguendo un programma abbastanza maturo, il framework può fornire valore aggiunto. Agisce come uno strumento di gestione della sicurezza di alto livello che aiuta a valutare il rischio di cybersecurity in tutta l’organizzazione.

NIST Cybersecurity Framework

La struttura del NIST Cybersecurity Framework

Il NIST Cybersecurity Framework è strutturato principalmente in tre parti:

Core: contiene una serie di attività, risultati e riferimenti su aspetti e approcci legati alla sicurezza informatica.
Implementation Tiers: è un sistema di classificazione che aiuta le organizzazioni a fare chiarezza sugli aspetti dedicati alla gestione del rischio di sicurezza informatica.
Profile: in sostanza è l’elenco dei risultati che un’organizzazione ha scelto, in base alle proprie necessità, dalle categorie e sotto-categorie della struttura.

Funzioni e categorie delle attività di cybersecurity

Il Core del NIST possiamo dividerlo in 5 sezioni, che a loro volta sono suddivise in 23 categorie. Per ogni categoria si definisce una serie di sotto-categorie, per un totale complessivo di 108 sotto-categorie. Ogni sotto-categoria, fornisce delle Risorse informative che fanno riferimento a sezioni specifiche di altri standard di sicurezza, come ISO 27001, COBIT, NIST SP 800-53, ANSI/ISA e CCS CSC.

La complessità di questo framework, ha dato origine alla creazione di progetti di legge che guidano il NIST a creare delle linee guida facilmente accessibili alle piccole e alle medie imprese.

Sezioni del NIST Cybersecurity Framework

NIST Sezioni

Identificazione (Identify)

La funzione di identificazione si concentra sul porre le basi per un efficace programma di cybersecurity. Questa funzione assiste nello sviluppo di una comprensione organizzativa per gestire il rischio di cybersecurity per sistemi, persone, beni, dati e capacità. Per consentire a un’organizzazione di concentrare e dare priorità ai suoi sforzi, coerentemente con la sua strategia di gestione del rischio e le esigenze di business, questa funzione ha sottolineato l’importanza di comprendere il contesto di business, le risorse che supportano le funzioni critiche, e i relativi rischi di cybersecurity.

Le attività essenziali in questa sezione del NIST includono:

Individuare le risorse fisiche e software per stabilire la base di un programma di gestione delle risorse
Definire l’ambiente di business dell’organizzazione, compreso il suo ruolo nella catena di fornitura
Scegliere le politiche di cybersecurity stabilite per definire il programma di governance e identificare i requisiti legali e normativi relativi alle capacità di cybersecurity dell’organizzazione
Identificare le vulnerabilità degli asset, le minacce alle risorse organizzative interne ed esterne e le attività di risposta al rischio per valutare il rischio
Stabilire una strategia di gestione del rischio, compresa l’identificazione della tolleranza al rischio
Produrre una strategia di gestione del rischio della catena di fornitura, comprese le priorità, i vincoli, le tolleranze di rischio e le ipotesi usate per sostenere le decisioni di rischio associate alla gestione dei rischi della catena di fornitura

Protezione (Protect)

La funzione di protezione del NIST delinea salvaguardie appropriate per garantire la fornitura di servizi di infrastrutture critiche. Inoltre, supporta la capacità di limitare o contenere l’impatto di un potenziale evento di cybersecurity.

Le attività critiche in questo gruppo includono:

Implementare le protezioni per la gestione delle identità e il controllo degli accessi all’interno dell’organizzazione, compreso l’accesso fisico e remoto
Responsabilizzare il personale attraverso la formazione sulla consapevolezza della sicurezza, compresa la formazione degli utenti privilegiati e basata sui ruoli
Stabilire una protezione della sicurezza dei dati coerente con la strategia di rischio dell’organizzazione per proteggere la riservatezza, l’integrità e la disponibilità delle informazioni
Implementare processi e procedure per mantenere e gestire le protezioni dei sistemi informativi e delle risorse
Proteggere le risorse organizzative attraverso la manutenzione, comprese le attività di manutenzione a distanza
Gestire la tecnologia per garantire la sicurezza e la resilienza dei sistemi, coerentemente con le politiche, le procedure e gli accordi organizzativi

Rilevamenti (Detect)

Rilevare potenziali incidenti di cybersecurity è fondamentale e questa funzione del Framework definisce le attività appropriate per identificare il verificarsi di un evento di cybersecurity in modo tempestivo. Le attività in questa funzione includono:

Garantire il rilevamento di anomalie ed eventi e la comprensione del loro potenziale impatto
Implementare capacità di monitoraggio continuo per monitorare gli eventi di cybersecurity e verificare l’efficacia delle misure di protezione, comprese le attività di rete e fisiche

Risposte (Respond)

La funzione di risposta del NIST si concentra sulle attività appropriate per agire in caso di un incidente di cybersecurity rilevato e supporta la capacità di contenere l’impatto di un potenziale incidente di cybersecurity.

Le attività essenziali per questa funzione includono:

Garantire l’esecuzione del processo di pianificazione della risposta durante e dopo un incidente
Gestire le comunicazioni con gli stakeholder interni ed esterni durante e dopo un Analizzare l’incidente per Garantire una risposta efficace e sostenere le attività di recupero, compresa l’analisi forense e la determinazione dell’impatto degli incidenti
Eseguire attività di mitigazione per prevenire l’espansione di un evento e per risolvere l’incidente
Implementare miglioramenti incorporando le lezioni apprese dalle attività di rilevamento/risposta attuali e precedenti

Recupero (Recover)

La funzione recupero del framework identifica le attività appropriate per rinnovare e mantenere i piani di resilienza e per ripristinare qualsiasi capacità o servizio che sia stato compromesso a causa di un incidente di cybersecurity. Il recupero tempestivo alle normali operazioni è importante per ridurre l’impatto di un incidente.

Le attività essenziali per questa funzione si sovrappongono in qualche modo a quelle di risposta e includono:

Assicurare che l’organizzazione implementi processi e procedure di pianificazione del recupero per ripristinare i sistemi e/o gli asset colpiti da incidenti di cybersecurity
Implementare miglioramenti basati sulle lezioni apprese e sulle revisioni delle strategie esistenti
Le comunicazioni interne ed esterne sono coordinate durante e dopo il recupero da un incidente di cybersecurity

Come iniziare con il NIST Cybersecurity Framework

Allinearsi con il framework significa enumerare tutte le vostre attività ed etichettare questi elementi con una di queste 5 etichette di funzione. Per esempio, l’etichetta Identify sarà per gli strumenti che vi aiutano a inventariare le vostre risorse. Strumenti come Firewall andranno in Protect. Tuttavia, a seconda delle loro capacità, li potreste voler mettere anche in Detect insieme ai vostri SIEM. Gli strumenti di risposta agli incidenti e i playbook vanno in Respond. I vostri strumenti di backup e ripristino fanno parte di Recover.

Una volta che avete fatto questo esercizio, alcune delle sezioni potrebbero sembrare più vuote di altre e potreste sentirvi a disagio per la descrizione della funzione corrispondente.

Questo è un bene, perché ora potete articolare ciò che manca al vostro programma di cybersecurity.

Conclusioni

In questo articolo abbiamo compreso cos’è il NIST Cybersecurity Framework e come è strutturato analizzando alcune delle sue sezioni principali e degli elementi che compongono queste sezioni.

Tuttavia, il nostro consiglio è quello di rivolgervi a un provider SaaS che vi possa fornire gli strumenti per implementare il NIST in modo efficiente senza alcun rischio. Le nostre soluzioni SaaS possono aiutare in questo senso e invitiamo a contattarci per sapere come i nostri servizi possono aiutare la tua azienda in ambito di sicurezza informatica.

Non esitare a contattarci per saperne di più, risponderemo a ogni vostra domanda.

Link utili:

Link utili:

Condividi


RSS

Piu’ articoli…

Categorie …

Tags

RSS CSIRT

RSS Dark Reading

RSS Full Disclosure

  • Disclosing Vulnerability of CLink Office 2.0 Maggio 23, 2022
    Posted by chan chan on May 23Dear Sir/Madam, I would like to submit a vulnerability found on CLink Office 2.0. I had contacted the vendor 60 days before but in vain. # Exploit Title: Multiple blind SQL injection vulnerabilities in in CLink Office 2.0 Anti-Spam management console # Date: 30 Mar 2022 # Exploit Author: […]
  • [tool] tplink backup decryptor. Maggio 23, 2022
    Posted by retset on May 23Yet another "tool" to decrypt a backup configs for some tplink wifi routers. Only tested on latest fw for "Archer C7". I hope that it will be useful for someone. https://github.com/ret5et/tplink_backup_decrypt_2022.bin
  • SEC Consult SA-20220518-0 :: Multiple Critical Vulnerabilities in SAP® Application Server, ABAP and ABAP® Platform (Different Software Components) Maggio 18, 2022
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab, Research via Fulldisclosure on May 18SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20220518-0 > ======================================================================= title: Multiple Critical Vulnerabilities product: SAP® Application Server ABAP and ABAP® Platform (Different Software Components) vulnerable version: see section "Vulnerable / tested versions" fixed version: see SAP security notes...
  • PHPIPAM 1.4.4 - CVE-2021-46426 Maggio 18, 2022
    Posted by Rodolfo Augusto do Nascimento Tavares via Fulldisclosure on May 18=====[ Tempest Security Intelligence - ADV-03/2022 ]========================== PHPIPAM - Version 1.4.4 Author: Rodolfo Tavares Tempest Security Intelligence - Recife, Pernambuco - Brazil =====[ Table of Contents ]================================================== * Overview * Detailed description * Timeline of disclosure * Thanks & Acknowledgements * References =====[ Vulnerability […]
  • LiquidFiles - 3.4.15 - Stored XSS - CVE-2021-30140 Maggio 18, 2022
    Posted by Rodolfo Augusto do Nascimento Tavares via Fulldisclosure on May 18=====[ Tempest Security Intelligence - ADV-12/2021 ]========================== LiquidFiles - 3.4.15 Author: Rodolfo Tavares Tempest Security Intelligence - Recife, Pernambuco - Brazil =====[ Table of Contents]================================================== * Overview * Detailed description * Timeline of disclosure * Thanks & Acknowledgements * References =====[ Vulnerability...
  • Watch multiple LockBit Ransom get DESTROYED Mass PWNAGE at scale! Maggio 18, 2022
    Posted by malvuln on May 18Watch multiple LockBit Ransom get DESTROYED Mass PWNAGE at scale! https://www.youtube.com/watch?v=eg3l8a_HSSU
  • github.com/malvuln/RansomDLLs / Catalog of current DLLs affecting vulnerable Ransomware strains. Maggio 18, 2022
    Posted by malvuln on May 18Reference list for my Ransomware exploitation research. Lists current DLLs I have seen to date that some ransomware search for, which I have used successfully to hijack and intercept vulnerable strains executing arbitrary code pre-encryption. https://github.com/malvuln/RansomDLLs
  • APPLE-SA-2022-05-16-2 macOS Monterey 12.4 Maggio 17, 2022
    Posted by Apple Product Security via Fulldisclosure on May 16APPLE-SA-2022-05-16-2 macOS Monterey 12.4 macOS Monterey 12.4 addresses the following issues. Information about the security content is also available at https://support.apple.com/HT213257. AMD Available for: macOS Monterey Impact: An application may be able to execute arbitrary code with kernel privileges Description: A memory corruption issue was addressed […]
  • APPLE-SA-2022-05-16-6 tvOS 15.5 Maggio 17, 2022
    Posted by Apple Product Security via Fulldisclosure on May 16APPLE-SA-2022-05-16-6 tvOS 15.5 tvOS 15.5 addresses the following issues. Information about the security content is also available at https://support.apple.com/HT213254. AppleAVD Available for: Apple TV 4K, Apple TV 4K (2nd generation), and Apple TV HD Impact: An application may be able to execute arbitrary code with kernel […]
  • APPLE-SA-2022-05-16-5 watchOS 8.6 Maggio 17, 2022
    Posted by Apple Product Security via Fulldisclosure on May 16APPLE-SA-2022-05-16-5 watchOS 8.6 watchOS 8.6 addresses the following issues. Information about the security content is also available at https://support.apple.com/HT213253. AppleAVD Available for: Apple Watch Series 3 and later Impact: An application may be able to execute arbitrary code with kernel privileges Description: A use after free […]

Customers

Newsletter