penetration test Piergiorgio Venuti

Penetration test vs. Breach Attack Simulation: differenze e vantaggi per una sicurezza informatica completa

Estimated reading time: 8 minuti

Negli ultimi anni, la sicurezza informatica è diventata una preoccupazione sempre più importante per le aziende di ogni dimensione. Le minacce informatiche sono sempre in aumento e gli hacker hanno sviluppato tecniche sempre più sofisticate per violare la sicurezza delle aziende. In questo contesto, due approcci alla sicurezza informatica che sono diventati sempre più popolari sono il penetration test e la breach attack simulation (BAS).

In questo articolo, esploreremo le differenze tra queste due tecniche, discuteremo le loro relative utilità e determineremo se ha ancora senso eseguire i penetration test.

Cos’è un penetration test?

Un penetration test (o pen test) è un test di sicurezza informatica che viene eseguito per identificare i punti vulnerabili in un sistema informatico. Il test viene eseguito da un team di esperti in sicurezza informatica che cercano di penetrare nel sistema utilizzando tecniche di hacking simili a quelle utilizzate dagli hacker reali.

Il penetration test viene eseguito in modo approfondito e prende in considerazione tutte le possibili vulnerabilità del sistema. Ciò include la valutazione della sicurezza delle applicazioni web, dei server, delle reti, dei dispositivi mobili e delle infrastrutture cloud. L’obiettivo del penetration test è quello di identificare i punti deboli del sistema e fornire raccomandazioni per migliorare la sicurezza.

Cos’è una breach attack simulation?

Una breach attack simulation (BAS) è un test di sicurezza informatica che simula un attacco informatico dal punto di vista dell’hacker. Invece di cercare di penetrare nel sistema utilizzando tecniche di hacking, il team di esperti in sicurezza informatica simula un attacco informatico utilizzando strumenti e tecniche che gli hacker reali utilizzano comunemente.

La BAS simula un attacco informatico in modo completo e realistico, valutando la sicurezza del sistema in modo simile a quello che farebbe un hacker reale. Ciò include la valutazione della sicurezza delle applicazioni web, dei server, delle reti, dei dispositivi mobili e delle infrastrutture cloud. L’obiettivo della BAS è quello di identificare i punti deboli del sistema e fornire raccomandazioni per migliorare la sicurezza.

Qual è la differenza tra un penetration test e una breach attack simulation?

Il penetration test e la BAS hanno obiettivi simili, ma differiscono nella loro metodologia di esecuzione. Il penetration test utilizza tecniche di hacking reali per cercare di penetrare nel sistema, mentre la BAS utilizza strumenti e tecniche simili a quelle utilizzate dagli hacker reali per simulare un attacco informatico.

Inoltre, il penetration test è più approfondito e prende in considerazione tutte le possibili vulnerabilità del sistema, mentre la BAS si concentra su un attacco specifico e simula solo quelle tecniche utilizzate in quell’attacco.

Qual è più utile, un penetration test o una breach attack simulation?

Sia il penetration test che la BAS sono utili per identificare i punti deboli del sistema e fornire raccomandazioni per migliorare la sicurezza. Tuttavia, la BAS è più utile quando si vuole simulare un attacco specifico o quando si vuole testare la capacità di risposta dell’azienda in caso di attacco informatico.

Il penetration test è più utile quando si vuole identificare tutte le possibili vulnerabilità del sistema e quando si vuole testare la sicurezza del sistema in modo approfondito.

Ha ancora senso eseguire i penetration test?

Nonostante l’aumento della popolarità della BAS, i penetration test sono ancora importanti per garantire la sicurezza informatica delle aziende. Il penetration test offre una valutazione più approfondita della sicurezza del sistema, identificando tutte le possibili vulnerabilità del sistema.

Inoltre, il penetration test è più utile per identificare le vulnerabilità che potrebbero non essere state prese in considerazione durante la valutazione della BAS. Ciò include le vulnerabilità che si verificano a livello di applicazione o che coinvolgono l’interazione tra più componenti del sistema.

Quali sono le differenze tra le vulnerabilità identificate da un penetration test e quelle identificate da una breach attack simulation?

breach attack simulation

Le vulnerabilità identificate da un penetration test e quelle identificate da una breach attack simulation possono differire per diversi motivi.

In un penetration test, l’obiettivo principale è quello di individuare tutte le vulnerabilità del sistema, indipendentemente dal fatto che siano sfruttabili o meno. Questo significa che il team di esperti in sicurezza informatica cerca di identificare tutte le possibili falle di sicurezza, anche se non sono facilmente sfruttabili dagli hacker reali. Ciò include vulnerabilità a livello di sistema, vulnerabilità a livello di applicazione, vulnerabilità di configurazione, vulnerabilità di rete e così via.

D’altra parte, in una breach attack simulation, il team di esperti in sicurezza informatica si concentra sull’identificazione di vulnerabilità che potrebbero essere utilizzate da un hacker reale per compromettere il sistema. Ciò significa che il team si concentra su tecniche di attacco specifiche, come phishing, exploitation di vulnerabilità note, attacchi a password e così via.

Inoltre, durante una breach attack simulation, il team di esperti in sicurezza informatica può anche cercare di identificare le vulnerabilità che potrebbero essere utilizzate per eseguire un attacco laterale o per ottenere l’accesso a un sistema diverso da quello iniziale. Questo tipo di vulnerabilità potrebbe non essere identificato durante un penetration test tradizionale, poiché richiede una comprensione più approfondita dell’architettura del sistema.

Infine, le vulnerabilità identificate durante una breach attack simulation possono essere più realistiche e rilevanti per l’azienda, poiché si basano su tecniche di attacco reali e possono essere utilizzate dagli hacker reali per compromettere il sistema.

In sintesi, le vulnerabilità identificate durante un penetration test e una breach attack simulation possono differire per diversi motivi. Tuttavia, entrambe le tecniche sono utili per garantire la sicurezza informatica dell’azienda e dovrebbero essere utilizzate in modo complementare per identificare tutte le possibili vulnerabilità del sistema.

Quali sono i vantaggi di utilizzare entrambe le tecniche?

Utilizzare entrambe le tecniche, ovvero il penetration test e la breach attack simulation (BAS), può offrire numerosi vantaggi per garantire una sicurezza informatica completa e robusta. Di seguito sono elencati alcuni dei principali vantaggi dell’utilizzo combinato di queste tecniche:

  1. Identificare tutte le vulnerabilità del sistema: il penetration test e la BAS si concentrano su diversi tipi di vulnerabilità e tecniche di attacco. Utilizzando entrambe le tecniche, si possono identificare più vulnerabilità del sistema, inclusi quelli che potrebbero essere stati trascurati da una sola tecnica.
  2. Valutazione della sicurezza in modo approfondito: il penetration test fornisce una valutazione più approfondita della sicurezza del sistema, individuando tutte le possibili vulnerabilità del sistema. D’altra parte, la BAS si concentra su un singolo tipo di attacco e fornisce una valutazione più specifica sulla preparazione dell’azienda per affrontare quel tipo di attacco.
  3. Simulazione di attacchi realistici: la BAS simula un attacco informatico dal punto di vista dell’hacker e può offrire una valutazione realistica della preparazione dell’azienda per affrontare un attacco. Ciò significa che l’azienda può testare i suoi processi di sicurezza, la capacità di rilevare e rispondere ad un attacco e la preparazione del personale.
  4. Miglioramento della sicurezza informatica: utilizzando sia il penetration test che la BAS, l’azienda può ottenere una visione completa della sicurezza informatica e delle aree che richiedono miglioramenti. Ciò può aiutare l’azienda a sviluppare un piano di miglioramento della sicurezza informatica efficace e indirizzare le risorse ai problemi più critici.
  5. Conformità alle normative di sicurezza: molte normative richiedono alle aziende di eseguire test di sicurezza informatica regolari e di dimostrare di avere misure di sicurezza adeguate in atto. Utilizzando entrambe le tecniche, l’azienda può dimostrare di avere una rigorosa approccio alla sicurezza informatica e di essere conforme alle normative di sicurezza.

In conclusione, utilizzare sia il penetration test che la breach attack simulation può offrire numerosi vantaggi per garantire una sicurezza informatica completa e robusta. Queste tecniche possono essere utilizzate in modo complementare per identificare tutte le possibili vulnerabilità del sistema e valutare la preparazione dell’azienda per affrontare gli attacchi informatici.

Come si può garantire che le vulnerabilità identificate siano corrette?

Garantire che le vulnerabilità identificate durante un penetration test o una breach attack simulation siano corrette è essenziale per garantire che l’azienda adotti le misure di sicurezza corrette per proteggere il sistema. Di seguito sono elencati alcuni dei metodi utilizzati per verificare l’accuratezza delle vulnerabilità identificate:

  1. Confronto con fonti di sicurezza: il team di esperti in sicurezza informatica può confrontare le vulnerabilità identificate con fonti di sicurezza pubbliche, come CVE (Common Vulnerabilities and Exposures) o NIST (National Institute of Standards and Technology), per verificare se le vulnerabilità identificate sono note e sono state documentate.
  2. Verifica manuale: il team di esperti in sicurezza informatica può eseguire una verifica manuale delle vulnerabilità identificate per verificare se sono effettivamente presenti. Ciò può includere l’esecuzione di test aggiuntivi o la verifica dei log del sistema per verificare se sono stati registrati tentativi di attacco.
  3. Utilizzo di strumenti di scansione: il team di esperti in sicurezza informatica può utilizzare strumenti di scansione automatici per verificare la presenza delle vulnerabilità identificate. Questi strumenti possono eseguire una scansione completa del sistema e identificare le vulnerabilità che potrebbero essere state trascurate durante il test manuale.
  4. Verifica incrociata: il team di esperti in sicurezza informatica può utilizzare una combinazione di metodi per verificare l’accuratezza delle vulnerabilità identificate. Ciò può includere la verifica manuale, l’utilizzo di strumenti di scansione e il confronto con fonti di sicurezza.
  5. Utilizzo di esperti esterni: l’azienda può utilizzare esperti esterni per verificare l’accuratezza delle vulnerabilità identificate. Ciò può includere la revisione dei rapporti di test da parte di esperti in sicurezza informatica indipendenti o l’assunzione di un secondo team di esperti in sicurezza informatica per eseguire un test indipendente.

In sintesi, garantire che le vulnerabilità identificate siano corrette è essenziale per garantire la sicurezza informatica dell’azienda. Il team di esperti in sicurezza informatica può utilizzare una combinazione di metodi per verificare l’accuratezza delle vulnerabilità identificate, inclusi il confronto con fonti di sicurezza, la verifica manuale, l’utilizzo di strumenti di scansione, la verifica incrociata e l’utilizzo di esperti esterni.

Conclusioni

In conclusione, sia il penetration test che la breach attack simulation sono tecniche utili per garantire la sicurezza informatica delle aziende. Tuttavia, il penetration test è ancora importante per identificare tutte le possibili vulnerabilità del sistema e per garantire la sicurezza del sistema in modo approfondito.

Useful links:

Condividi


RSS

Piu’ articoli…

Categorie …

Tags

RSS CSIRT

RSS darkreading

RSS Full Disclosure

  • BACKDOOR.WIN32.DUMADOR.C / Remote Stack Buffer Overflow (SEH) Aprile 19, 2024
    Posted by malvuln on Apr 19Discovery / credits: Malvuln (John Page aka hyp3rlinx) (c) 2024 Original source: https://malvuln.com/advisory/6cc630843cabf23621375830df474bc5.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Dumador.c Vulnerability: Remote Stack Buffer Overflow (SEH) Description: The malware runs an FTP server on TCP port 10000. Third-party adversaries who can reach the server can send a specially […]
  • SEC Consult SA-20240418-0 :: Broken authorization in Dreamehome app Aprile 19, 2024
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab via Fulldisclosure on Apr 19SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20240418-0 > ======================================================================= title: Broken authorization product: Dreamehome app vulnerable version:
  • MindManager 23 - full disclosure Aprile 19, 2024
    Posted by Pawel Karwowski via Fulldisclosure on Apr 19Resending! Thank you for your efforts. GitHub - pawlokk/mindmanager-poc: public disclosure Affected application: MindManager23_setup.exe Platform: Windows Issue: Local Privilege Escalation via MSI installer Repair Mode (EXE hijacking race condition) Discovered and reported by: Pawel Karwowski and Julian Horoszkiewicz (Eviden Red Team) Proposed mitigation:...
  • CVE-2024-31705 Aprile 14, 2024
    Posted by V3locidad on Apr 14CVE ID: CVE-2024-31705 Title : RCE to Shell Commands" Plugin / GLPI Shell Command Management Interface Affected Product : GLPI - 10.X.X and last version Description: An issue in Infotel Conseil GLPI v.10.X.X and after allows a remote attacker to execute arbitrary code via the insufficient validation of user-supplied input. […]
  • SEC Consult SA-20240411-0 :: Database Passwords in Server Response in Amazon AWS Glue Aprile 14, 2024
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab via Fulldisclosure on Apr 14SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20240411-0 > ======================================================================= title: Database Passwords in Server Response product: Amazon AWS Glue vulnerable version: until 2024-02-23 fixed version: as of 2024-02-23 CVE number: - impact: medium homepage: https://aws.amazon.com/glue/ found:...
  • [KIS-2024-03] Invision Community <= 4.7.16 (toolbar.php) Remote Code Execution Vulnerability Aprile 11, 2024
    Posted by Egidio Romano on Apr 10------------------------------------------------------------------------------ Invision Community
  • [KIS-2024-02] Invision Community <= 4.7.15 (store.php) SQL Injection Vulnerability Aprile 11, 2024
    Posted by Egidio Romano on Apr 10-------------------------------------------------------------------- Invision Community
  • Multiple Issues in concretecmsv9.2.7 Aprile 11, 2024
    Posted by Andrey Stoykov on Apr 10# Exploit Title: Multiple Web Flaws in concretecmsv9.2.7 # Date: 4/2024 # Exploit Author: Andrey Stoykov # Version: 9.2.7 # Tested on: Ubuntu 22.04 # Blog: http://msecureltd.blogspot.com Verbose Error Message - Stack Trace: 1. Directly browse to edit profile page 2. Error should come up with verbose stack trace […]
  • OXAS-ADV-2024-0001: OX App Suite Security Advisory Aprile 11, 2024
    Posted by Martin Heiland via Fulldisclosure on Apr 10Dear subscribers, We&apos;re sharing our latest advisory with you and like to thank everyone who contributed in finding and solving those vulnerabilities. Feel free to join our bug bounty programs for OX App Suite, Dovecot and PowerDNS at YesWeHack. This advisory has also been published at https://documentation.open-xchange.com/appsuite/security/advisories/html/2024/oxas-adv-2024-0001.html. […]
  • Trojan.Win32.Razy.abc / Insecure Permissions (In memory IPC) Aprile 11, 2024
    Posted by malvuln on Apr 10Discovery / credits: Malvuln (John Page aka hyp3rlinx) (c) 2024 Original source: https://malvuln.com/advisory/0eb4a9089d3f7cf431d6547db3b9484d.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Trojan.Win32.Razy.abc Vulnerability: Insecure Permissions (In memory IPC) Family: Razy Type: PE32 MD5: 0eb4a9089d3f7cf431d6547db3b9484d SHA256: 3d82fee314e7febb8307ccf8a7396b6dd53c7d979a74aa56f3c4a6d0702fd098 Vuln ID: MVID-2024-0678...

Customers

Newsletter

{subscription_form_2}