Ransomware Critici Cover Giacomo Lanzi

Ransomware critici: esempi di attacchi andati a segno

Ultimamente ci sono stati casi critici di ransomware degni di nota. L’Universita’ Tor Vergata ha subito un attacco che ha messo fuori gioco circa un centinaio di computer. L’accesso ai sistemi da parte di docenti e studenti e’ stato bloccato. L’attacco ha interessato una serie di documenti legati alla ricerca su COVID-19 che sono stati criptati e quindi resi inaccessibili. A settembre, inoltre, altri due casi degni di nota hanno scosso strutture ospedaliere. Il primo e’ avvenuto in Germania, a Düsseldorf, dove una donna ha persona la vita in seguito a un attacco che ha bloccato anche i macchinari che la tenevano in vita. Il secondo e’ accaduta negli USA a ha coinvolto l’UHS (Universal Health Services). In quel caso l’assistenza ai pazienti e’ stata mantenuta in sicurezza, ma le applicazioni informatiche erano fuori uso.

Per chi non lo sapesse, gli attacchi di tipo ransomware avvengono in questo modo: gli assalitori prendono possesso dei dati presenti su un computer e li rimuovono o li sottopongono a crittografia. Li rendono, in definitiva, inutilizzabili e intimano alla vittima il pagamento di un riscatto per liberare nuovamente i dati.

I costi di un attacco

Secondo il report Cost of a data Breach, un attacco ransomware critico puo’ costare mediamente $4.44M. E’ una cifra impressionante che dovrebbe far riflettere sul valore dei dati gestiti dalle aziende e sulla protezione degli stessi

Vediamo nel dettaglio alcuni attacchi e quali conseguenze hanno avuto.

Un ransomware fatale

ransomware critici ambulanza

Per la prima volta, una donna muore dopo un attacco informatico a un ospedale. Il 9 settembre 2020, un attacco ransomware critico, sferrato a un ospedale di Düsseldorf, ha fatto si’ che i sistemi vitali a cui la paziente era collegata non funzionassero piu’ correttamente. La vittima ha dovuto essere trasferita in un altro ospedale il piu’ rapidamente possibile. Per piu’ di 30 chilometri, i paramedici hanno lottato per la vita della vittima, ma alla fine senza successo.

Molte domande rimangono in sospeso riguardo a questo caso, prima tra tutte come mai le macchine che tenevano in vita la donna fossero collegate a una rete violabile. Le indagini proseguono mostrando comunque come la rete debba essere protetta per la sicurezza anche fisica degli utenti, per evitare tragiche conseguenze.

Un attacco alla ricerca

ransomware critici tor vergata

All’Universita’ di Tor Vergata sono stati bloccati gli accessi di studenti e docenti con un attacco ransomware critico che ha reso inaccessibili dei documenti riguardanti la ricerca sul COVID-19. Gli aggressori sono riusciti in poche ore a penetrare nei sistemi e a criptare i file sui dischi rigidi. A distanza di un mese, ancora non era stato chiesto alcun riscatto. 

Un attacco di questo genere potrebbe rallentare la ricerca, ostacolandone il processo. Anche se non fosse richiesto alcun riscatto, i danni sarebbero comunque tangibili.

Attacco all’UHS

Per fortuna finito meglio dell’attacco di Düsseldorf, un altro episodio ha colpito ambienti vicino alla sanita’. Le strutture che utilizzano i sistemi dell’UHS (Universal Health Services) hanno visto bloccarsi gli accessi al sistema a causa di un attacco. Fortunatamente non ci sono state vittime e le cura ai pazienti sono state garantite per tutto il tempo, come dichiarato dall’UHS stesso.

Altri attacchi ransomware critici

Attacchi ransomware critici avvengono di continuo e possono avere risvolti non immediati. Per esempio, Fragomen, uno studio legale di New York, ha subito un attacco e un conseguente data breach che ha coinvolto i dati personali di alcuni dipendenti di Google. 

Un altro attacco ha colpito Enel, a cui e’ stato chiesto un riscatto di €14M in bitcoin. L’attacco fa riferimento al download di dati privati, contatti, database, documenti finanziari e riguardanti i clienti per un totale pari a 4,5 TB. Enel non ha fornito alcun comunicato in merito all’attacco. 

Correre ai ripari

Purtroppo gli attacchi ransomware sono tra i piu’ subdoli e fastidiosi, perche’ fanno leva anche su un fattore psicologico della vittima che vede una via di uscita (il pagamento) e cerca essa stessa di coprire l’accaduto per non perdere la reputazione. Purtroppo, in seguito a un attacco riuscito, i dati sono comunque violati e la sicurezza si e’ rivelata non efficace.

Come fare quindi per assicurarsi che questi attacchi siano neutralizzati? Bisogna implementare misure di sicurezza adeguate per impedire per quanto possibile gli attacchi e fornire una risposta veloce in situazioni critiche. 

Servizi di sicurezza

Servizi come quelli offerti in partnership con Acronis e il SOCaaS di SOD sono strumenti essenziali per la difesa dei propri dati e della rete aziendale. Il primo servizio proposto mette in sicurezza i dati tramite backup e monitora i cambiamenti dei file. Non appena viene rilevato un tentativo di criptazione, i dati vengono bloccati e messi in sicurezza per evitare il peggio. Nel malaugurato caso che l’attacco vada a buon fine, i backup riducono la gravita’ delle conseguenze e scongiurano la perdita effettiva dei dati.

Il SOC as a Service e’ una soluzione a tutto tondo che monitora tutta l’infrastruttura IT a cui si fa riferimento. La difesa non e’ specifica per un tipo di attacco, ma si concentra invece nel rilevare anomalie, anche nel comportamento degli utenti, che possono indicare attacchi in corso di ogni tipo. 

Prevenzione

Infine, per verificare che il proprio sistema sia protetto, e’ possibile richiedere servizi preventivi come Vulnerability Assessment e Penetration Test. Questi mettono alla prova le infrastrutture con attacchi controllati in modo da stimolare la risposta della sicurezza e individuare le aree che vanno rinforzate. Consigliamo di implementare questo tipo di servizi regolarmente durante l’anno come misura preventiva.

Se hai domande sui servizi o vuoi parlarci della tua situazione per richiedere un intervento, non esitare a contattarci, saremo lieti di rispondere alle tue domande.

Link utili:

 

Please follow and like us:

RSS

Piu’ articoli…

Categorie …

Tags

RSS CSIRT

RSS Dark Reading:

RSS Full Disclosure

  • SEC Consult SA-20210113-1 :: Multiple vulnerabilities in flatCore CMS Gennaio 13, 2021
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab on Jan 13SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20210113-1 > ======================================================================= title: Multiple Vulnerabilities product: flatCore CMS vulnerable version: < 2.0.0 Build 139 fixed version: Release 2.0.0 Build 139 CVE number: CVE-2021-23835, CVE-2021-23836, CVE-2021-23837, CVE-2021-23838 impact: High homepage:...
  • SEC Consult SA-20210113-0 :: Multiple vulnerabilities in Pepperl+Fuchs IO-Link Master Series Gennaio 13, 2021
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab on Jan 13SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20210113-0 > ======================================================================= title: Multiple vulnerabilities product: Pepperl+Fuchs IO-Link Master Series See "Vulnerable / tested versions" vulnerable version: System 1.36 / Application 1.5.28 fixed version: System 1.52 / Application 1.6.11 CVE number:...
  • Backdoor.Win32.Zombam.a / Remote Stack Buffer Overflow Gennaio 13, 2021
    Posted by malvuln on Jan 12Discovery / credits: malvuln - Malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/6c5081e9b65a52963b0b1ae612ef7eb4.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Zombam.a Vulnerability: Remote Stack Buffer Overflow Description: The malware listens on TCP port 80, sending an HTTP GET request with 300 or more bytes will trigger buffer overflow overwriting EIP. Type: […]
  • Backdoor.Win32.Levelone.b / Remote Stack Buffer Overflow Gennaio 13, 2021
    Posted by malvuln on Jan 12Discovery / credits: malvuln - Malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/3f82e6ddc9f5242f5af200d2fbae4ce4.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Levelone.b Vulnerability: Remote Stack Buffer Overflow Description: The backdoor listens on Port 7777, sending two large consecutive HTTP OPTIONS requests trigger the buffer overflow overwriting EIP. Type: PE32 MD5:...
  • Backdoor.Win32.Levelone.a / Remote Stack Buffer Overflow Gennaio 13, 2021
    Posted by malvuln on Jan 12Discovery / credits: malvuln - Malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/6a2d09c4527cf222e4e2571b074fcc0c.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Levelone.a Vulnerability: Remote Stack Buffer Overflow Description: The malware listens on Port 1500, sending a specially crafted HTTP TRACE request causes a buffer overflow and overwrites EIP with our payload. If […]
  • Backdoor.Win32.Ketch.b / Remote Stack Buffer Overflow Gennaio 13, 2021
    Posted by malvuln on Jan 12Discovery / credits: malvuln - Malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/9d7be3799594a82bf7056905f501af03.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Ketch.b Vulnerability: Remote Stack Buffer Overflow Description: Makes HTTP GET request for a file "script.dat", and writes the server response to temporary file named "watchb.tmp" under c:\Windows dir. At 1032...
  • Re: Backdoor.Win32.Xtreme.yvp / Insecure Permissions EoP Gennaio 13, 2021
    Posted by bo0od on Jan 12When you say backdoor, you mean backdoor which microsoft remotely using it or you mean a malware can take advantage of? malvuln:
  • Advisory: ES2021-01 - Loopback access control bypass in coturn by using 0.0.0.0, [::1] or [::] as the peer address Gennaio 13, 2021
    Posted by Sandro Gauci on Jan 12# Loopback access control bypass in coturn by using 0.0.0.0, [::1] or [::] as the peer address - Fixed version: 4.5.2 - Enable Security Advisory: https://github.com/EnableSecurity/advisories/tree/master/ES2021-01-coturn-access-control-bypass - Coturn Security Advisory: https://github.com/coturn/coturn/security/advisories/GHSA-6g6j-r9rf-cm7p - Other references: - CVE-2020-26262 -...
  • Re: Trovent Security Advisory 2010-01 [updated] / CVE-2020-28208: Rocket.Chat email address enumeration vulnerability Gennaio 13, 2021
    Posted by Stefan Pietsch on Jan 12# Trovent Security Advisory 2010-01 # ##################################### Email address enumeration in reset password ########################################### Overview ######## Advisory ID: TRSA-2010-01 Advisory version: 1.1 Advisory status: Public Advisory URL: https://trovent.io/security-advisory-2010-01 Affected product: Web application Rocket.Chat Affected version:
  • Envira Gallery - Lite Edition - Version 1.8.3.2 CVE-2020-35581 CVE-2020-35582 Gennaio 13, 2021
    Posted by Rodolfo Augusto do Nascimento Tavares on Jan 12==== [Tempest Security Intelligence - ADV-12/2020] ============================= Envira Gallery - Lite Edition - Version 1.8.3.2 Author: Rodolfo Tavares Tempest Security Intelligence - Recife, Pernambuco - Brazil ===== [Table of Contents] ================================================ • Overview • Detailed description • Disclosure timeline • Acknowledgements • References ===== [Vulnerability Information]...

Customers

Newsletter