shadow IT Giacomo Lanzi

Shadow IT: una panoramica

Tempo di lettura: 4 min

La pratica dello shadow IT e’ l’utilizzo di sistemi informatici, dispositivi, software, applicazioni e servizi senza l’approvazione esplicita del reparto IT. Negli ultimi anni e’ cresciuto in modo esponenziale con l’adozione di applicazioni e servizi basati sul cloud.

Se da un lato lo shadow IT potrebbe migliorare la produttivita’ dei dipendenti e guidare l’innovazione, dall’altro puo’ anche introdurre gravi rischi per la sicurezza dell’organizzazione a causa di data breach, potenziali violazioni della conformita’ e altro ancora.

Perche’ gli utenti praticano shadow IT

Uno dei motivi principali per cui i dipendenti applicano lo shadow IT e’ semplicemente quello di lavorare in modo piu’ efficiente. Uno studio RSA del 2012 ha riportato che il 35% dei dipendenti ritiene di dover aggirare le politiche di sicurezza della propria azienda solo per riuscire a svolgere il proprio lavoro a dovere. Ad esempio, un dipendente potrebbe scoprire un’applicazione di condivisione dei file migliore di quella ufficialmente consentita. Una volta che inizia a utilizzarla, l’uso potrebbe diffondersi ad altri membri del suo reparto.

La rapida crescita delle applicazioni consumer basate sul cloud ha anche aumentato l’adozione di pratiche shadow IT. Sono ormai lontani i tempi dei software confezionati; applicazioni comuni come Slack e Dropbox sono disponibili con un semplice clic, e i dati aziendali vengono facilmente copiati oltre le applicazioni di lavoro anche ai dispositivi personali dei dipendenti, come smartphone o laptop, soprattutto in condizioni di lavoro di tipo BYOD (Bring Your Own Device).

Shadow IT: rischi e sfide per la sicurezza

Il punto e’ che se il reparto IT non e’ a conoscenza dell’uso di un’applicazione, non puo’ supportare o garantire che sia sicura. L’azienda analista di settore Gartner prevedeva, nel 2018, che entro il 2020, un terzo degli attacchi di successo che le aziende sperimentano si concentrano sulle loro risorse soggette a shadow IT.

Anche se e’ chiaro che la pratica non scomparira’, le organizzazioni possono minimizzare i rischi educando gli utenti finali e prendendo misure preventive per monitorare e gestire le applicazioni non autorizzate.

Non tutto lo shadow IT e’ intrinsecamente pericoloso, ma alcune funzionalita’ come la condivisione dei file e l’archiviazione e la collaborazione (ad esempio, Google Docs) possono provocare fughe di dati sensibili. Questo rischio va oltre le sole applicazioni: lo studio RSA riferisce anche che il 63% dei dipendenti invia documenti di lavoro alla propria email personale per lavorare da casa, esponendo i dati a reti che non possono essere monitorate.

In tempi come quello che stiamo vivendo, in cui il telelavoro e’ incentivato e, in alcuni casi, l’unica soluzione possibile, e’ indispensabile avere un’occhio di riguardo per le applicazioni in uso nei computer dei dipendenti.

Vantaggi di Shadow IT

Nonostante i rischi, lo shadow IT ha i suoi vantaggi. Ottenere l’approvazione dell’IT puo’ richiedere tempo che i dipendenti non possono permettersi di perdere. Per molti dipendenti l’approvazione e’ un collo di bottiglia per la produttivita’, soprattutto quando possono ottenere la soluzione in pochi minuti.

Avere l’IT che si comporta come un “Grande Fratello” orwelliano non sempre favorisce la produttivita’. Discernere i casi di shadow IT positivo puo’ essere il miglior compromesso. Trovare una via di mezzo puo’ consentire agli utenti finali di ricercare soluzioni che funzionano meglio per loro. In questo modo si da tempo all’IT di controllare i dati e le autorizzazioni degli utenti per le applicazioni. Se gli utenti finali non hanno bisogno di richiedere nuove soluzioni, si da tempo al reparto IT di concentrarsi su attivita’ piu’ critiche.

Difesa proattiva

Qualunque sia il motivo per cui lo shadow IT avviene, se il reparto IT non ne e’ a conoscenza, il rischio di breach e’ elevato. Quello che i reparti addetti alla cyber security aziendale dovrebbero fare, e’ mettere in campo sistemi automatizzati di controllo del traffico e del comportamento.

La soluzione offerta da un SOC as a Service e’ la piu’ completa sotto questo aspetto. Consente di tenere sotto controllo tutti i dispositivi del sistema e monitorare anche i comportamenti degli utenti.

Grazie ai sistemi Nextgen SIEM e UEBA, infatti, la raccolta dei dati di utilizzo e’ facile e gestibile in tempo reale. I dati raccolti sono arricchiti e aggregati per dare agli analisti la visione piu’ completa possibile e permettere l’intervento rapido. Il sistema UEBA, intanto, verifica che non ci siano comportamenti anomali da parte degli utenti o traffico sospetto di dati in uscita.

Lo shadow IT, per quanto non sia solitamente un attacco malizioso, e’ una pratica che dovrebbe essere scoraggiata e, in quanto rischiosa, bloccata sul nascere.

Link utili:

Condividi


RSS

Piu’ articoli…

Categorie …

Tags

RSS CSIRT

  • Rilevato sfruttamento in rete di vulnerabilità relative a OpenMetadata (AL03/240422/CSIRT-ITA) Aprile 22, 2024
    Rilevato lo sfruttamento attivo in rete di 5 vulnerabilità, di cui una con gravità “critica” - già sanate dal vendor il 15 marzo 2024 - in carichi di lavoro Kubernetes di OpenMetadata, piattaforma open source per la gestione di metadati. Tali vulnerabilità, potrebbero consentire a un attaccante remoto l'esecuzione arbitraria di codice sulle istanze Kubernetes […]
  • Sanate vulnerabilità su GitHub Enterprise Server (AL02/240422/CSIRT-ITA) Aprile 22, 2024
    Rilasciati aggiornamenti di sicurezza che risolvono 3 vulnerabilità, di cui 2 con gravità “alta”, in GitHub Enterprise Server, nota piattaforma di sviluppo software.
  • Vulnerabilità in prodotti Solarwinds (AL01/240422/CSIRT-ITA) Aprile 22, 2024
    Rilevate 2 vulnerabilità di sicurezza con gravità “alta” in SolarWinds Platform. Tali vulnerabilità, qualora sfruttate, potrebbero permettere l’accesso e la manipolazione di informazioni sensibili sui dispositivi interessati.
  • La Settimana Cibernetica del 21 aprile 2024 Aprile 22, 2024
    Scarica il riepilogo delle notizie pubblicate dallo CSIRT Italia dal 15 al 21 aprile 2024.
  • Risolte vulnerabilità in prodotti Cisco (AL04/240418/CSIRT-ITA) - Aggiornamento Aprile 19, 2024
    Aggiornamenti di sicurezza Cisco sanano alcune vulnerabilità, di cui 2 con gravità “alta” presenti nell'interfaccia web e nell'interfaccia a linea di comando (CLI) del prodotto Integrated Management Controller (IMC). Tali vulnerabilità qualora sfruttate, potrebbero permettere l’esecuzione di codice arbitrario sui dispositivi interessati.
  • Aggiornamenti per ClamAV (AL05/240418/CSIRT-ITA) Aprile 18, 2024
    Sanata vulnerabilità di sicurezza con gravità “alta” in ClamAV, noto software antivirus multipiattaforma open source. Tale vulnerabilità, qualora sfruttata, potrebbe permettere la compromissione della disponibilità del servizio sui dispositivi interessati.
  • Ivanti: risolte vulnerabilità nel prodotto Avalanche (AL03/240418/CSIRT-ITA) Aprile 18, 2024
    Ivanti rilascia aggiornamenti di sicurezza che risolvono molteplici vulnerabilità, di cui 2 con gravità “critica” e 17 con gravità “alta”, relative al prodotto Avalanche, soluzione di Enterprise Mobility Management (EMM) e Mobile Device Management (MDM). Tali vulnerabilità, qualora sfruttate, potrebbero permettere, a un utente malintenzionato remoto, la compromissione della disponibilità del servizio, l’esecuzione di codice […]
  • Rilevate vulnerabilità in prodotti Atlassian (AL02/240418/CSIRT-ITA) Aprile 18, 2024
    Aggiornamenti di sicurezza sanano 6 vulnerabilità con gravità “alta”, presenti nei propri prodotti.
  • Vulnerabilità in prodotti Solarwinds (AL01/240418/CSIRT-ITA) Aprile 18, 2024
    Rilevata vulnerabilità di sicurezza in SolarWinds Serv-U, software per il trasferimento dati sicuro (Managed File Transfer - MFT). Tale vulnerabilità, qualora sfruttata da un utente remoto con privilegi elevati, potrebbe permettere l’esecuzione di codice arbitrario sui sistemi interessati, attraverso la manipolazione impropria dei percorsi delle directory (Directory Traversal)
  • Aggiornamenti di sicurezza per prodotti Mozilla (AL03/240417/CSIRT-ITA) Aprile 17, 2024
    Mozilla ha rilasciato aggiornamenti di sicurezza per sanare alcune vulnerabilità, di cui 9 con gravità “alta”, nei prodotti Firefox e Firefox ESR.

RSS darkreading

RSS Full Disclosure

  • BACKDOOR.WIN32.DUMADOR.C / Remote Stack Buffer Overflow (SEH) Aprile 19, 2024
    Posted by malvuln on Apr 19Discovery / credits: Malvuln (John Page aka hyp3rlinx) (c) 2024 Original source: https://malvuln.com/advisory/6cc630843cabf23621375830df474bc5.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Dumador.c Vulnerability: Remote Stack Buffer Overflow (SEH) Description: The malware runs an FTP server on TCP port 10000. Third-party adversaries who can reach the server can send a specially […]
  • SEC Consult SA-20240418-0 :: Broken authorization in Dreamehome app Aprile 19, 2024
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab via Fulldisclosure on Apr 19SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20240418-0 > ======================================================================= title: Broken authorization product: Dreamehome app vulnerable version:
  • MindManager 23 - full disclosure Aprile 19, 2024
    Posted by Pawel Karwowski via Fulldisclosure on Apr 19Resending! Thank you for your efforts. GitHub - pawlokk/mindmanager-poc: public disclosure Affected application: MindManager23_setup.exe Platform: Windows Issue: Local Privilege Escalation via MSI installer Repair Mode (EXE hijacking race condition) Discovered and reported by: Pawel Karwowski and Julian Horoszkiewicz (Eviden Red Team) Proposed mitigation:...
  • CVE-2024-31705 Aprile 14, 2024
    Posted by V3locidad on Apr 14CVE ID: CVE-2024-31705 Title : RCE to Shell Commands" Plugin / GLPI Shell Command Management Interface Affected Product : GLPI - 10.X.X and last version Description: An issue in Infotel Conseil GLPI v.10.X.X and after allows a remote attacker to execute arbitrary code via the insufficient validation of user-supplied input. […]
  • SEC Consult SA-20240411-0 :: Database Passwords in Server Response in Amazon AWS Glue Aprile 14, 2024
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab via Fulldisclosure on Apr 14SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20240411-0 > ======================================================================= title: Database Passwords in Server Response product: Amazon AWS Glue vulnerable version: until 2024-02-23 fixed version: as of 2024-02-23 CVE number: - impact: medium homepage: https://aws.amazon.com/glue/ found:...
  • [KIS-2024-03] Invision Community <= 4.7.16 (toolbar.php) Remote Code Execution Vulnerability Aprile 11, 2024
    Posted by Egidio Romano on Apr 10------------------------------------------------------------------------------ Invision Community
  • [KIS-2024-02] Invision Community <= 4.7.15 (store.php) SQL Injection Vulnerability Aprile 11, 2024
    Posted by Egidio Romano on Apr 10-------------------------------------------------------------------- Invision Community
  • Multiple Issues in concretecmsv9.2.7 Aprile 11, 2024
    Posted by Andrey Stoykov on Apr 10# Exploit Title: Multiple Web Flaws in concretecmsv9.2.7 # Date: 4/2024 # Exploit Author: Andrey Stoykov # Version: 9.2.7 # Tested on: Ubuntu 22.04 # Blog: http://msecureltd.blogspot.com Verbose Error Message - Stack Trace: 1. Directly browse to edit profile page 2. Error should come up with verbose stack trace […]
  • OXAS-ADV-2024-0001: OX App Suite Security Advisory Aprile 11, 2024
    Posted by Martin Heiland via Fulldisclosure on Apr 10Dear subscribers, We&apos;re sharing our latest advisory with you and like to thank everyone who contributed in finding and solving those vulnerabilities. Feel free to join our bug bounty programs for OX App Suite, Dovecot and PowerDNS at YesWeHack. This advisory has also been published at https://documentation.open-xchange.com/appsuite/security/advisories/html/2024/oxas-adv-2024-0001.html. […]
  • Trojan.Win32.Razy.abc / Insecure Permissions (In memory IPC) Aprile 11, 2024
    Posted by malvuln on Apr 10Discovery / credits: Malvuln (John Page aka hyp3rlinx) (c) 2024 Original source: https://malvuln.com/advisory/0eb4a9089d3f7cf431d6547db3b9484d.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Trojan.Win32.Razy.abc Vulnerability: Insecure Permissions (In memory IPC) Family: Razy Type: PE32 MD5: 0eb4a9089d3f7cf431d6547db3b9484d SHA256: 3d82fee314e7febb8307ccf8a7396b6dd53c7d979a74aa56f3c4a6d0702fd098 Vuln ID: MVID-2024-0678...

Customers

Newsletter

{subscription_form_2}