Soluzioni Corporate di backup Alessandro Stesi

Soluzioni Corporate di backup Test di auto-protezione

Tempo di lettura: 4 min

Introduzione

Alla luce del crescente numero di attacchi ransomware in cui i cryptolocker interrompono i processi di database per sbloccare i file di database per la crittografia (Cerber, GlobeImposter, Rapid, Serpent) e possono crittografare backup locali e di rete per richiedere il pagamento di un riscatto (Rapid, Spora), abbiamo deciso di testare le capacità di auto- protezione delle migliori soluzioni di backup utilizzate negli ambienti aziendali disponibili per la prova.

Il test mira a controllare la sostenibilità dei processi e dei servizi dei prodotti contro gli attacchi tipici al software di sicurezza descritti di seguito, nonché l’auto-protezione del backup locale e dei file dei prodotti. Il ransomware può crittografare i file di configurazione e i file di backup locali che appartengono a un programma di backup disabilitando il ripristino dei file. Inoltre, una volta ottenuto l’accesso ai processi dell’agente o del server, l’utente autore dell’attacco può eliminare le copie di backup dei file non solo a livello locale, ma anche nel cloud per conto di una soluzione di backup.

Questo documento è un riepilogo del report di test delle soluzioni di backup aziendali e include la descrizione dell’ambiente di test, l’elenco delle soluzioni testate e delle relative versioni, la panoramica degli scenari di test, nonché i risultati e le conclusioni basati su questi risultati. Non classifichiamo le soluzioni testate e non assegniamo alcun premio, ma forniamo i risultati “così come sono” a solo scopo informativo.

 

Ambiente di test

I test sono stati condotti sulle macchine virtuali di:

  • Windows 8.1 SP1 32 bit build 9600

  • Windows 10 Enterprise 64 bit Build 16299

  • Windows Server 2012 R2 Standard 64 bit

    v. 6.3.9600 Build 9600

Abbiamo testato soluzioni di backup su piattaforme
a 32 e 64 bit perché le tecniche di iniezione di processo utilizzate negli scenari di test differiscono su queste piattaforme. Inoltre, le build di prodotto a 32 e 64 bit possono contenere una diversa serie di funzionalità, tra cui quelle di auto-protezione, e la loro implementazione può dipendere dall’architettura del sistema operativo.

 

Prodotti testati

Sono state testate le versioni più recenti dei seguenti prodotti disponibili al momento del test:

Nome prodotto

Componenti

Versione

Acronis Backup

Management Server

Agent

12.5 9010

12.5 9010

Arcserve

Unified Data Protection Server

Unified Data Protection Client

6.5.4175 Aggiornamento 2 Build 667

6.5.4175.791 v.r6.5

Veeam

Backup & Replication

Agent for Microsoft Windows

9.5 Aggiornamento 3

2.1.0.423

Veritas Backup Exec

Server

Agent Utility pour Windows

16.0 Rev. 1142

16.0 Rev. 1142-1632

 

Ogni prodotto è stato installato con le impostazioni predefinite e aggiornato prima dell’esecuzione del test.

 

Scenari dei test

La suite di test comprende 31 test che simulano attacchi a file di backup locali, file dei prodotti, processi, servizi e un cloud storage che mirano al blocco del servizio di backup e ripristino. La categoria di test “Protezione dei file dei prodotti” contiene semplici test volti a distruggere i file di backup e di applicazione rendendo impossibile il recupero dei dati crittografati da ransomware.

Il secondo gruppo di test “Protezione dei processi e dei servizi dei prodotti” è essenziale per l’auto-protezione poiché il malware può iniettare il codice dannoso in un agente di backup e agire per conto di una soluzione di backup ottenendo tutti i privilegi necessari per controllare i file di backup. Per volere di un aggressore, un processo dannoso può interrompere processi e servizi con conseguente blocco dell’applicazione di backup e ripristino

o eliminazione di file di backup per conto di una soluzione di backup. L’ultima serie di test è “Protezione del backup e del ripristino del cloud” ed è indirizzata alle interfacce di comunicazione con lo storage cloud. L’attacco di poisoning del DNS o l’uso improprio della CLI possono causare l’interruzione del servizio di backup del cloud.

 

Conclusioni

 

Lo scopo del test consisteva nel verificare le capacità di auto-protezione del software di backup per proteggere i relativi file, processi, servizi e cloud storage dagli scenari che possono essere potenzialmente eseguiti dal ransomware.

I risultati hanno mostrato che la maggior parte dei prodotti testati non è pronta in molti casi a contrastare gli attacchi di tipo ransomware consentendo a un potenziale aggressore di bloccare i backup dell’utente e disabilitare i servizi di backup e ripristino. Soltanto Acronis Backup ha mostrato buoni risultati con un tasso di efficacia dell’87% e dell’81% per prodotti a 32 bit e 64 bit, fornendo in modo analogo funzionalità complete di auto-protezione e sostenibilità dei servizi.

Scarica il reparto completo qui: Nio Guard Independent Study_IT

 

Articoli correlati:

Acronis Cyber Cloud Active Protection: Racconto di due attacchi di ramsoware

Acronis Data Cloud 7.7 | Backup locale

Acronis Data Cloud 7.7 | Tutte le novita’ della versione 7.7

Protezione dati moderna: La differenza e’ nel Cloud

Condividi


RSS

Piu’ articoli…

Categorie …

Tags

RSS CSIRT

RSS Dark Reading

RSS Full Disclosure

  • JAHx221 - RCE in copy/pasted PHP compat libraries, json_decode function Luglio 1, 2022
    Posted by Eldar Marcussen on Jun 30JAHx221 - RCE in copy/pasted PHP compat libraries, json_decode function =============================================================================== Several PHP compatability libraries contain a potential remote code execution flaw in their `json_decode()` function based on having copy pasted existing vulnerable code. Identifiers --------------------------------------- * JAHx221 - http://www.justanotherhacker.com/advisories/JAHx221.txt...
  • Backdoor.Win32.EvilGoat.b / Weak Hardcoded Credentials Luglio 1, 2022
    Posted by malvuln on Jun 30Discovery / credits: Malvuln (John Page aka hyp3rlinx) (c) 2022 Original source: https://malvuln.com/advisory/20daf01e941f966b21a7ae431faefc65.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.EvilGoat.b Vulnerability: Weak Hardcoded Credentials Description: The malware listens on TCP port 13014. Authentication is required, however the credentials "evilgoat / penix" are weak and found within the PE...
  • Backdoor.Win32.Coredoor.10.a / Authentication Bypass Luglio 1, 2022
    Posted by malvuln on Jun 30Discovery / credits: Malvuln (John Page aka hyp3rlinx) (c) 2022 Original source: https://malvuln.com/advisory/49da40a2ac819103da9dc5ed10d08ddb.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Coredoor.10.a Vulnerability: Authentication Bypass Description: The malware runs an FTP server on TCP port 21000. Third-party attackers who can reach infected systems can logon using any username/password combination....
  • Backdoor.Win32.Cafeini.b / Weak Hardcoded Credentials Luglio 1, 2022
    Posted by malvuln on Jun 30Discovery / credits: Malvuln (John Page aka hyp3rlinx) (c) 2022 Original source: https://malvuln.com/advisory/a8fc1b3f7a605dc06a319bf0e14ca68b.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Cafeini.b Vulnerability: Weak Hardcoded Credentials Description: The malware listens on TCP ports 51966 and 23. Authentication is required, however the password "mama" is weak and found within the PE […]
  • BigBlueButton - Stored XSS in username (CVE-2022-31064) Luglio 1, 2022
    Posted by Rick Verdoes via Fulldisclosure on Jun 30CVE-2022-31064 - Stored Cross-Site Scripting in BigBlueButton. ========================= Exploit Title: Stored Cross-Site Scripting (XSS) in BigBlueButton Product: BigBlueButton Vendor: BigBlueButton Vulnerable Versions: 2.3,
  • typeorm CVE-2022-33171 Luglio 1, 2022
    Posted by lixts via Fulldisclosure on Jun 30typeorm CVE-2022-33171 findOne(id), findOneOrFail(id) The findOne function in TypeORM before 0.3.0 can either be supplied with a string or a FindOneOptions object. When input to the function is a user-controlled parsed JSON object, supplying a crafted FindOneOptions instead of an id string leads to SQL injection. The issue […]
  • 🐞 CFP for Hardwear.io NL 2022 is OPEN! Luglio 1, 2022
    Posted by Andrea Simonca on Jun 30*🐞 CFP for Hardwear.io NL 2022 is OPEN!* If you have groundbreaking embedded research or an awesome open-source tool you’d like to showcase before the global hardware security community, this is your chance. Send in your ideas on various hardware subjects, including but not limited to Chips, Processors, ICS/SCADA, […]
  • [Extension: CPSIoTSec 2022] The Workshop on CPS&IoT Security and Privacy **Submission Deadline: July 25, 2022** Luglio 1, 2022
    Posted by alcaraz on Jun 30[Apologies for cross-posting] -------------------------------------------------------------------------- C a l l F o r P a p e r s The Workshop on CPS&IoT Security and Privacy (CPSIoTSec 2022), in conjunction with the ACM Conference on Computer and Communications Security (ACM CCS) November 7-11, 2022, Los Angeles, U.S.A. https://cpsiotsec2022.github.io/cpsiotsec/...
  • Backdoor.Win32.InfecDoor.17.c / Insecure Permissions Giugno 28, 2022
    Posted by malvuln on Jun 27Discovery / credits: Malvuln (John Page aka hyp3rlinx) (c) 2022 Original source: https://malvuln.com/advisory/1fd70e41918c3a75c634b1c234ec36fb.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.InfecDoor.17.c Vulnerability: Insecure Permissions Description: The malware writes a ".420" settings file type to c drive granting change (C) permissions to the authenticated user group. Standard users can...
  • Trojan-Mailfinder.Win32.VB.p / Insecure Permissions Giugno 28, 2022
    Posted by malvuln on Jun 27Discovery / credits: Malvuln (John Page aka hyp3rlinx) (c) 2022 Original source: https://malvuln.com/advisory/20e438d84aa2828826d52540d80bf7f.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Trojan-Mailfinder.Win32.VB.p Vulnerability: Insecure Permissions Description: The malware writes a dir with multiple PE files to c drive granting change (C) permissions to the authenticated user group. Standard users can […]

Customers

Newsletter