acronis-cloud-backup-7-7

Acronis Data Cloud 7.7

Tutte le novita’ della versione Acronis Cloud Backup 7.7

   ♦ Release di Acronis Cloud Backup

      ◊ Con il nuovo portale di gestione multi-servizio

   ♦ Release di Acronis Disaster Recovery Cloud

   ♦ Acronis Files Cloud integrato in Acronis Cloud Backup

   ♦ Acronis Cloud Backup con cinque miglioramenti chiave

      ◊ Acronis Active Protection

      ◊ Acronis ASign

      ◊ Supporto VMware vSphere 6.5

      ◊ Backup cloud-to-cloud delle caselle di posta Microsoft Office 365

      ◊ Integrazione con Autotask

 

Release di Acronis Data Cloud 7.7

La release di Acronis Data Cloud 7.7 presenta una serie di utili miglioramenti:

   ♦ Esecuzione rapida e più facile delle operazioni quotidiane.

   ♦ Migliore visibilità nell’infrastruttura di protezione dei dati utilizzata.

   ♦ Riduzione delle spese nel tempo e conseguimento di una qualità migliore del servizio.

 

Tutte le novita’ di Acronis Data Cloud 7.7

Console fino a cinque volte più veloce

Console fino a cinque volte più veloce

Dashboard delle operazioni di backup

Dashboard delle operazioni di backup

Report di backup personalizzabili

Report di backup personalizzabili

Nuovi controlli sull’utilizzo dello storage

Nuovi controlli utilizzo dello storage

Impostazioni di branding migliorate

Impostazioni di branding migliorate

Riprogettazione della scheda Storage

Scheda “Storage”

Numerosi miglioramenti UX

Numerosi miglioramenti UX

Riprogettazione della scheda Storage

Integrazione con AppDirect

Contattaci

 

Console fino a cinque volte piu’ veloce

Console

 

Gestione più veloce delle operazioni

Il funzionamento del portale di gestione di Acronis Cloud Backup è oggi fino
a cinque volte più veloce (velocità di apertura delle pagine, drill-down a un altro tenant ecc.).

 

Dashboard delle operazioni di backup

Dashboard

Gestione immediata delle operazioni di backup

Analisi rapida dello stato dell’infrastruttura di backup. È possibile configurare i widget affinché mostrino
i dati globali (aggregati su tutti i clienti) o i dati per singolo cliente.

Personalizzazione della visualizzazione

È possibile creare una dashboard specifica per le esigenze aggiungendo e personalizzando i seguenti widget:

   ♦ Attivita’

   ♦ Avvisi attivi

   ♦ Riepilogo avvisi

   ♦ Dispositivi protetti

   ♦ Attività quotidiane

   ♦ Avvisi

Conversione dei tenant da “partner” a “cartella”

Alcuni partner erano soliti creare tenant “partner” per raggruppare i clienti. Poiché nella nuova dashboard è possibile visualizzare esclusivamente le informazioni relative ai propri clienti diretti, abbiamo aggiunto la capacità di convertire i tenant “partner” in tenant “cartella” per poter visualizzare le statistiche per tutti i clienti in un unico dashboard.

 

Report di backup personalizzabili

Report

Creazione di report clienti

È possibile creare report aggiungendo e personalizzando widget che mostrano dati di
tutti i clienti o di singoli clienti, oppure usare semplicemente un modello di report preconfigurato.

Invia e ricevi report tramite email

È possibile inviare i report a un elenco di destinatari una volta o tramite una pianificazione.

Invio di report a chiunque

Per ricevere dei report, non è necessario che il destinatario possieda i diritti di amministratore. È sufficiente aggiungere un indirizzo e-mail nel campo “destinatario”.

Scarica o invia report in più formati

È possibile salvare i report nel formato desiderato:

   ♦ XLS

   ♦ CSV

   ♦ PDF

 

Riprogettazione della scheda “Storage”

Storage

Visualizzazione dei dettagli di memorizzazione di Sincronizzazione e condivisione file
Lo storage dei servizi di sincronizzazione e condivisione dei file è ora visibile di fianco allo storage dei servizi di backup.

Semplice eliminazione dello storage

I partner che hanno registrato la propria istanza di storage possono ora eliminarla con il portale di gestione senza dover contattare il supporto della Secure Online Desktop.

 

Impostazioni di branding migliorate

Brand

Personalizzazione del proprio branding

La pagina del branding è stata riprogettata per accelerare e facilitare la personalizzazione.

Anteprima delle modifiche al branding

Grazie all’anteprima dello stile in una nuova scheda è possibile visualizzare ciò che verrà visto dal cliente.

Personalizzazione del titolo della pagina

Ora il titolo della pagina della console di servizio coincide con il “Nome servizio” definito nelle impostazioni del branding.

Il cliente in primo piano

La nuova favicon “neutrale” sostituisce il logo Acronis in modo che il brand del cliente sia frontale e centrale.

 

Controlli di utilizzo storage

Controlli di utilizzo storage

Visualizzazione dei parametri per “Total cloud storage size” (Dimensioni totali dello storage nel cloud)
Ora è possibile vedere il totale di storage nel cloud utilizzato per tutti i tenant clienti e partner in tutti i livelli.

Analisi dettagliata dell’utilizzo dello storage

La nuova impostazione presente nelle schede Overview (Panoramica) e Clients (Clienti) consente di avere una vista dettagliata di tutti gli usi dello storage.

Rilevamento e controllo dell’utilizzo del backup locale

È possibile rilevare e regolare l’utilizzo delle destinazioni del backup locale mediante l’opzione aggiornata “Local backup” (Backup locale).

 

Miglioramenti UX della scheda “Clients” (Client)

UX

Ordina clienti per colonne

È possibile regolare le colonne della tabella secondo necessità.

Visualizzazione facile dello stato tenant

È possibile visualizzare rapidamente se un tenant è attivo, disabilitato o in modalità di prova.

Drill-down spontaneo alla ricerca dei dettagli

È possibile estrarre informazioni mediante un approccio più intuitivo. Per scorrere fino al tenant è sufficiente fare clic sul nome del cliente.

Azioni intuitive

Un nuovo menu a discesa consente di spostare, eliminare o eseguire un’altra azione in modo intuitivo relativamente ai tenant.

 

Altri miglioramenti UX

UX2

Ricerca dei dettagli nascosti nella navigazione

Il nuovo menu a discesa consente di navigare rapidamente tra tenant di livelli diversi.

Ricezione più facile delle notifiche

Il riprogettato pannello delle notifiche ora visualizza più sistemi di notifica.

Miglioramento delle informazioni sulle configurazioni di servizio
Nell’interfaccia di configurazione dei servizi abbiamo aggiunto alcune descrizioni che facilitano la comprensione delle finalità del servizio offerto.

 

Integrazione con AppDirect

Appdirect

Grazie alla nuova integrazione, i fornitori di servizi di telecomunicazioni, VAR
e MSP nel mondo sono in grado di vendere i servizi Acronis Data Cloud tramite la rinomata piattaforma commerciale cloud di AppDirect, comprendente un mercato di servizi white-label, la fatturazione per iscrizione e servizi di gestione rivenditori.

 

Nuovo elemento nell’offerta di backup locale

Backup locale

Uno dei miglioramenti previsti dalla versione 7.7 è l’offerta del backup locale, che permette di:

 

   ♦ Abilitare o disabilitare l’opzione di storage locale per i backup (locale, in rete e cartelle) per clienti e sub-partner.

   ♦ Farsi un’idea dell’utilizzo dello storage di backup locale attraverso la console di gestione Acronis Data Cloud o mediante comuni report sull’utilizzo.

   ♦ Ottenere un guadagno maggiore attraverso il rilevamento dell’utilizzo del backup locale e iniziare a metterlo in conto.

 

Backup locale – Report sull’utilizzo

Backup locale

È possibile farsi un’idea dell’utilizzo dello storage di backup locale (parametro “Local backup”, Backup locale) mediante:

1. La console di gestione Acronis Data 2. Comuni report sull’utilizzo Cloud (schede “Clients” (Client)
e “Usage” (Utilizzo)

 

Backup locale – Calcolo dell’utilizzo

   ♦ Il backup locale mostra le dimensioni dei backup archiviati nella sede del cliente.

   ♦ Sono comprese le seguenti destinazioni di backup:

      ◊ Cartelle locali

      ◊ Cartelle di rete

      ◊ Cartelle NFS

      ◊ Secure Zone

   ♦ Le seguenti operazioni consentono di aggiornare l’utilizzo del backup locale:

      ◊ Backup manuale e programmato

      ◊ Replica del backup

      ◊ Conservazione del backup

      ◊ Eliminazione di una sezione

      ◊ Eliminazione di un archivio

      ◊ Eliminazione di un deposito (destinazione del backup)

   ♦ L’eliminazione manuale dei file in un file system non comporta l’aggiornamento dell’utilizzo del backup locale.

 

Backup locale – Quote

   ♦ I partner possono limitare la quantità di storage del backup locale per i clienti e partner mediante l’impostazione di quote moderate.

   ♦ Il backup locale supporta esclusivamente quote moderate. Se si supera questo valore, l’amministratore del gruppo e gli amministratori del gruppo principale riceveranno una notifica via e-mail.

   ♦ I partner possono disattivare completamente l’opzione di backup locale per i clienti o partner.

 

Installazione dell’agente di backup senza specifiche credenziali

Acronis Data Cloud 7.7

La nuova possibilità di registrare gli agenti di backup tramite OAuth 2.0 offre i seguenti vantaggi:

   ♦ Convenienza. Per installare l’agente, non è necessario ricordare le credenziali di accesso.

   ♦ Miglioramento della sicurezza. Non è più necessario memorizzare le credenziali di amministratore su un computer protetto.

 

Ora ci sono altri due modi per registrare l’agente (oltre a quello basato sulle credenziali standard):

   1. Tramite codice di registrazione. Verrà fornito un codice di registrazione personalizzato nel programma di installazione dell’agente. È sufficiente inserire questo codice nella console di backup per completare il processo di installazione.

   2. Tramite contrassegno di registrazione. Generare una chiave sicura nella console di backup e utilizzarla per installare l’agente su uno o più computer.

 

Altri miglioramenti

Formato di backup di prossima generazione introdotto in Acronis Backup Cloud

   ♦ Backup più rapido e più affidabile

   ♦ Pausa/ripristino del backup in qualsiasi momento (per i backup sia a immagine completa sia a livello di file)

Backup MS Exchange più sicuro

Per gli amministratori che non vogliono condividere le credenziali di amministratore di MS Exchange, per eseguire il backup dei server di MS Exchange indipendenti è possibile utilizzare il ruolo “Server management” (Gestione server)
al posto del ruolo “Organization management” (Gestione dell’organizzazione).

Aggiornamento di massa degli agenti tramite console web
Ora è possibile selezionare un numero illimitato di agenti di backup nella console di backup e ottenere un singolo aggiornamento.

La funzione CBT (Change Block Tracking) è ora supportata per le macchine virtuali Hyper-V ospitate su volumi condivisi clusterizzati (CSV).

 

Contattaci

 

Link utili:

Rimani in controllo dei tuoi dati

Prodotti

Acronis Cloud Backup

Backup as a Service

Public Cloud Reggio Emilia

Public Cloud

Acronis Data Cloud 7.7 | Backup locale

Configura Acronis Data Cloud 7.7

 

backup locale

Nuove modalita’ di fatturazione e reporting per l’offerta Backup locale

In occasione del rilascio di Acronis Data Cloud 7.7 all’interno del nostro servizio Acronis Cloud Backup stiamo introducendo alcune migliorie allo scopo di aiutarti a fornire servizi di maggiore qualità ai tuoi clienti, incrementando al tempo stesso il tuo fatturato. Tra queste novita’ figura l’opzione di offerta di backup locale, che ti permette di attivare o disattivare la possibilita’ di utilizzare lo storage locale come destinazione di backup, di registrare i relativi dati di utilizzo e di iniziare a fatturare questa opzione aggiuntiva.

Con la release 7.7, desideriamo anche farti sapere che questa nuova voce di offerta del backup locale e’ a pagamento. Poiché immaginiamo che tu abbia delle domande sull’argomento, ti riportiamo di seguito le risposte a quelle più comuni.

 

Perche’ Secure Online Desktop fa pagare il backup locale in Acronis Cloud Backup?

Secure Online Desktop non fa pagare il backup locale, bensi’ il software utilizzato dai nostri clienti/partner. La tariffa tiene conto dei costi di sviluppo, implementazione e gestione di tutte funzionalita’ di cui i nostri clienti/partner usufruiscono e beneficiano.

Fino alla release 7.7, l’uso dello storage locale non veniva registrato ne’ incluso nei report generali sull’utilizzo, quindi i partner non potevano fatturarlo ai clienti. Ora che la registrazione di questo tipo di dati e’ stata abilitata e i partner hanno la possibilità di addebitare ai clienti l’utilizzo dello storage locale, Secure Online Desktop sta aggiornando le sue tariffe per tenerne conto.

 

In che modo i partner possono beneficiare della possibilita’ di registrare e fatturare l’utilizzo del backup locale?

Con questo componente dell’offerta, i service partner ora possono:

Guadagnare di piu’ registrando e addebitando l’utilizzo del backup su storage locale da parte dei clienti.

Espandere l’offerta dei servizi di backup proposta ai clienti definendo facilmente tre tipi di servizio di backup con capacità di storage limitata o illimitata:

  •    ♦ Backup locale;
  •    ♦ Backup nel cloud;
  •    ♦ Backup ibrido (locale e cloud combinati).

Comprendiamo che questo cambiamento possa sollevare qualche dubbio. Come partner dedicato al tuo successo, Secure Online Desktop  intende assisterti durante il processo di transizione.

Innanzi tutto, offriremo un grace period  in cui potrai visualizzare i dati di utilizzo dello storage locale nei tuoi report di utilizzo generali e nella console di gestione, ma non riceverai alcun addebito. Il grace period termina il 31 agosto 2018.

In secondo luogo, i nostri responsabili commerciali sono a tua disposizione per aiutarti a individuare e gestire i dubbi e le domande che i tuoi clienti potrebbero avere. Lavorando insieme, saremo in grado di rassicurarli.

Per saperne di più su questo nuovo componente dell’offerta e sulla relativa tariffa, consulta la presentazione “Novita’ di Acronis Data Cloud 7.7” .

 

Cosa cambia per i clienti/partner esistenti?

La quota disco Cloud esistente (quella specificata in fase di acquisto) verra’ utilizzata per gestire sia lo spazio disco in Cloud sia quello locale. E’ necessario pertanto controllare che la somma dello storage Cloud e di quello locale sia inferiore alla quota disco a disposizione.

backup-locale-utilizzo

 

È possibile farsi un’idea dell’utilizzo dello storage di backup locale (parametro “Local backup”, Backup locale) mediante:

   ♦ La console di gestione Acronis Cloud Backup (schede “Clients” (Client) e “Usage” (Utilizzo);

   ♦ Report di utilizzo.

 

 

Contattaci

Link utili:

Prodotti

Acronis Cloud Backup

Backup as a Service

Public Cloud Reggio Emilia

Public Cloud

 

Backup

Le aziende e gli enti pubblici con sede nell’Unione Europea (UE) hanno ormai sentito certamente parlare del nuovo regolamento generale UE sulla protezione dei dati (GDPR), una serie di norme in materia di privacy che entrera’ in vigore il 25 maggio 2018. Ciò che forse non è immediatamente evidente per chi ha la sede al di fuori della UE è che questo nuovo regime normativo si applica a tutte le aziende globali che hanno relazioni commerciali con la UE e con i clienti UE online.

Se hai clienti o partner che operano all’interno dei confini della UE, è bene che inizi subito ad informarti sul GDPR e ad adottare in fretta provvedimenti che consentano alla tua azienda di garantire la conformita’ al regolamento, o viceversa prepararti a sostenere pesanti sanzioni pecuniarie che potrebbero avere un impatto negativo sulla capacita’ della tua azienda di svolgere la sua attività nella UE in modo redditizio.

Immagina di essere multato con una sanzione pecuniaria di 10 milioni di euro o del 2% del tuo fatturato globale annuo, a seconda di quale sia il maggiore, per la mancata conformità al GDPR.

L’obiettivo principale del GDPR è proteggere i diritti di proprietà individuale dei cittadini UE e, rispetto alla precedente legislazione UE sulla privacy, la nuova legislazione amplia sensibilmente la definizione di cio’ che costituisce i dati personali e privati fino a includere non solo la documentazione finanziaria, della pubblica amministrazione e medica ma anche le informazioni di natura genetica, culturale e sociale. Con il GDPR le aziende devono ottenere il consenso esplicito di una persona prima di poter utilizzarne i dati personali e devono altresì onorare il loro “diritto all’oblio”, inteso come il diritto ad avere i propri dati personali eliminati dall’azienda che li detiene, su richiesta.

Le aziende sono anche tenute a soddisfare diversi altri requisiti per dimostrare la propria conformita’ continua al GDPR, nominando una persona responsabile delle questioni GDPR per l’azienda (il cosiddetto “responsabile della protezione dei dati”), segnalando qualsiasi incidente di violazione della sicurezza e archiviando i dati personali all’interno dei confini fisici della UE. Quest’ultima prescrizione rispecchia la preoccupazione della UE per il fatto che gli altri paesi al di fuori della UE possano non disporre di standard altrettanto elevati per la privacy dei dati dei cittadini e che i dati archiviati al di fuori della UE siano maggiormente a rischio di vigilanza da parte di agenzie governative di spionaggio e criminali.

 

Comprensione del GDPR attraverso la lente della Sarbanes-Oxley (SOX)

Per i professionisti IT di una certa generazione, le sfide presentate dalla conformità al GDPR potrebbero riportare alla memoria la Sarbanes-Oxley Act (SOX) degli Stati Uniti dei primi anni 2000. Come il GDPR, la SOX era un nuovo rigido regime normativo imposto sulle aziende di ogni tipo e dimensione. Benché fosse stato imposto unilateralmente dagli Stati Uniti per le aziende attive all’interno dei confini federali, riguardava un mercato talmente esteso che anche le aziende di tutto il mondo ne sono state interessate. Come ha fatto la UE con il GDPR, gli Stati Uniti avevano ideato una tabella di marcia aggressiva per la conformità e ne hanno assicurato l’applicazione con consistenti sanzioni pecuniarie. E proprio come sta succedendo per il GDPR, la SOX ha generato molta confusione e ansia tra le aziende sotto la sua lente d’ingrandimento, specie per quanto riguarda i costi della conformità.

Per altri versi invece, i professionisti IT nel 2017 e 2018 hanno vita assai più facile rispetto ai loro omologhi degli inizi del XXI secolo. Ad esempio, oggi le aziende hanno a disposizione una tecnologia più efficace per supportare i requisiti di segnalazione e per dimostrare alle autorità di avere messo in atto le politiche, i controlli e le procedure richiesti a supporto della conformità GDPR. I quadri di controllo di governance, gestione del rischio e conformità si sono sensibilmente evoluti negli ultimi 10 anni, come pure la disciplina della gestione del ciclo di vita delle politiche. Grazie, in parte, a normative come la SOX e la Direttiva UE 1995 sulla protezione dei dati, le aziende hanno una maggiore padronanza della valutazione dell’impatto sulla privacy e della governance dell’accesso ai dati. Oggi sono disponibili strumenti sensibilmente migliorati e maggiormente automatizzati per il monitoraggio, la segnalazione e la mitigazione della violazione dei dati.

Ma anche il mondo ha subito un’evoluzione dai tempi della SOX e in modi che complicano la conformità GDPR L’archiviazione dei dati ha subito un’accelerazione straordinaria in termini di velocità, volume, diversità dei media (compreso lo storage cloud) e complessità.

L’universo delle minacce alla sicurezza IT dei dati da parte di criminali e aggressori istituzionali è a sua volta diventato infinitamente più sofisticato e minaccioso.

Le implicazioni della conformità GDPR interessano la valutazione dell’impatto sulla privacy, la governance dell’accesso ai dati e le notifiche e la risoluzione delle violazioni dei dati, tutti argomenti che non verranno trattati in questa sede. Questo documento si concentra invece alla conformità GDPR intesa specificamente nel suo legame con lo storage sicuro e con la protezione dei dati attivi, comprese archiviazione ed eliminazione dei dati.

 

Terminologia generale del GDPR

Per comprendere in che modo il GDPR si lega all’archiviazione e alla protezione dei dati, è utile assimilare la seguente terminologia di base:

  • ♦ Soggetto interessato Un cittadino della UE identificabile tramite i propri dati personali. L’interessato può essere un consumatore che effettua un acquisto online, il paziente di un sistema sanitario, un cittadino che accede ai sevizi della pubblica amministrazione online, un utente delle applicazioni di social media e in generale qualsiasi persona fisica che fornisca informazioni personali per poter utilizzare dei servizi.
  • ♦ Titolare del trattamento Un’azienda che opera entro i confini della UE, o al di fuori della UE ma che ha relazioni commerciali con i cittadini UE, e che acquisisce dati sensibili sui cittadini UE nel corso della propria attività. Alcune esempi sono le aziende che riceve informazioni su ordini online, indirizzi e carte di pagamento dai clienti o i fornitori di servizi sanitari che conservano la documentazione dei pazienti. (Vedere di seguito per assistenza nel determinare se la propria attività si possa configurare come responsabile del trattamento o come titolare del trattamento.)
  • ♦ Responsabile del trattamento Un’attività commerciale come un fornitore di servizi cloud che si configura come contraente per un titolare del trattamento, ad esempio un’altra azienda che offre servizi ai cittadini UE e che acquisisce dati sensibili sulle persone. Gli esempi includono aziende che offrono servizi di hosting delle applicazioni, fornitori di storage e fornitori di servizi cloud come il backup.
  • ♦ Dati personali “Qualsiasi informazione riguardante una persona fisica identificata o identificabile.” La definizione fornita dalla UE è più ampia di quella di altri governi e include nome, indirizzo email, post dei social media, informazioni fisiche, fisiologiche o genetiche, informazioni mediche, ubicazione, dati bancari, indirizzo IP, cookie, identità culturale ecc. del cittadino UE.
  • ♦ Diritto alla cancellazione Il diritto di ogni cittadino UE “di chiedere che siano cancellati e non più sottoposti a trattamento i propri dati personali”. Le persone possono richiedere la cancellazione di tutti i loro dati personali archiviati sui server del titolare del trattamento. Su questo punto in particolare, permane una certa ambiguità. La richiesta di cancellazione richiede anche la rimozione dei dati dal backup (cosa che può essere problematica in un supporto di backup seriale come il nastro)? Cosa succede quando una richiesta di cancellazione dei dati va in conflitto con le politiche di conservazione dei dati di un’azienda a fini di archiviazione o legali?
  • ♦ Violazione dei dati personali “La violazione di sicurezza che comporta accidentalmente o in modo illecito la distruzione, la perdita, la modifica, la divulgazione non autorizzata o l’accesso ai dati personali trasmessi, conservati o comunque trattati.” Le aziende sono tenute a segnalare ogni incidente di violazione della sicurezza dei dati all’“autorità di controllo” entro 72 ore dal momento in cui ne sono venute a conoscenza.

 

Individuare la propria collocazione nella gerarchia GDPR

Al fine di comprendere i propri obblighi ai sensi del GDPR, occorre innanzi tutto determinare se la propria attività possa essere inquadrata come titolare del trattamento o come responsabile del trattamento, tenendo conto delle seguenti tre domande:

  1. Nella tua azienda vengono conservati o elaborati i dati personali dei cittadini UE?
  2. Nella tua azienda si decide quali elementi specifici dei dati personali debbano essere archiviati?
  3. Nella tua azienda si decide come utilizzare i dati personali che vengono archiviati sotto il tuo controllo?

Se la risposta è Sì soltanto alla domanda 1, allora la tua azienda è inquadrata come responsabile del trattamento nel quadro del GDPR. Se la risposta è Sì alle domande 1, 2 e 3, allora la tua azienda è un titolare del trattamento.

In qualità di titolare o di responsabile del trattamento che deve garantire la conformità al GDPR dell’archiviazione e della protezione dei dati personali, dovrai anche tenere conto delle seguenti domande:

  1. 1) Sapresti individuare con precisione, specificare e controllare l’ubicazione fisica dell’archiviazione degli eventuali dati personali sotto il tuo controllo? Ciò è particolarmente importante se si utilizzano o si fornisce protezione dei dati e/o storage basato su cloud, dove i dati personali hanno il potenziale per essere diffusi in più ubicazioni fisiche in data center di tutto il mondo, compreso fuori dalla UE.
  2. 2) I dati personali che vengono archiviati vengono anche strutturati? Le scelte relative al formato dei dati hanno delle implicazioni per la tua capacità di leggere, modificare ed eliminare elementi specifici dei dati personali su richiesta degli utenti. Le strutture dati che supportano ricerche rapide ed efficienti avranno un valore particolare nel supporto di queste richieste dimensionate.

 

Comprensione dei guasti della protezione della privacy

La tua capacità di asserire privacy, integrità, accessibilità e cancellazione dei dati personali si affida in parte alla tua capacità di garantire protezione e recupero dai guasti di archiviazione, backup e ripristino. Questi guasti rientrano nelle tre diverse categorie seguenti:

  • ♦ Errori dei dispositivi: il guasto fisico di qualsiasi componente hardware di storage, tra cui unità disco, storage controller e data center. Alcuni esempi sono l’esposizione accidentale di un’unità disco a un campo magnetico che ne cancella parzialmente il contenuto.
  • ♦ Guasti logici o soft: guasti dovuti a errori umani. Tra gli esempi, la cancellazione o la sovrascrittura accidentale di file nel corso dell’esecuzione di una procedura di backup la corruzione accidentale dei dati dei file a causa di un bug o da un errore in uno script o applicazione aziendale o la cancellazione accidentale del master boot record di un’unità disco.
  • ♦ Violazioni della sicurezza: guasti dovuti ad attacchi violenti e dannosi all’infrastruttura IT, tra cui reti, server, applicazioni ed endpoint, compresi quelli perpetrati da insider malintenzionati, criminali online e attori istituzionali ostili. Gli esempi includono un attacco di ransomware che applica crittografia impenetrabile ai contenuti di un’unità disco e richiede un pagamento online in cambio della chiave di decrittazione.

 

Supporto dei requisiti dei soggetti interessati per il controllo dei loro dati personali

Oltre alla protezione contro vari tipi di guasti della protezione dei dati, e alla segnalazione alle autorità della UE quando si verificano violazioni della sicurezza, i titolari del trattamento hanno una serie di obblighi nei confronti degli utenti di cui archiviano i dati personali. I titolari del trattamento devono supportare la capacità degli utenti di:

  • accedere, leggere e modificare i propri dati personali;
  • eliminare facilmente i propri dati personali, sia direttamente sia tramite una richiesta a te diretta;
  • esportare i propri dati personali in un formato facilmente leggibile.

La conformità alle richieste dell’utente non è sempre semplice. Ad esempio, è facile rispondere a richieste precise come “Elimina la mia posta in arrivo e tutto il suo contenuto” ma non è altrettanto immediato garantire la conformità a richieste più complesse o ambigue, come “Elimina tutti i miei commenti in questo forum online”.

 

Requisiti GDPR più estesi per protezione dei dati e archiviazione

Le aziende che si inquadrano come responsabili del trattamento devono adempiere anche ad altri obblighi. Tra cui:

  • Offrire sufficienti garanzie che i loro servizi soddisfino i requisiti tecnici e organizzativi del GDPR.
  • Evitare l’uso di fornitori esterni per supportare i contratti di servizio tra il responsabile del trattamento e i relativi clienti (i titolari del trattamento) senza il consenso esplicito del titolare del trattamento.
  • Alla risoluzione di un contratto di servizio, rimuovere tutti i dati dal cloud del cliente e/o dall’infrastruttura del data center e fornire una dimostrazione sufficiente che ciò è stato fatto.
  • Segnalare incidenti di violazioni dei dati all’ente normativo ove previsto dalla normativa.

La UE prende estremamente sul serio il rispetto della conformità, tanto che è pronta ad applicare sanzioni pecuniarie alle aziende che non riescono a dimostrare la propria conformità o che vengono colte in flagrante violazione delle regole del GDPR a tutela della privacy degli utenti. Ad esempio, la mancata conservazione della documentazione scritta, la mancata implementazione di diverse misure tecniche e organizzative e/o la mancata designazione di un responsabile della protezione dei dati, può costare all’azienda in violazione una sanzione di 10 milioni di euro o del 2% del fatturato globale annuo (a seconda di quale dei due è maggiore). Subire una violazione dei dati o commettere un’infrazione dei diritti del soggetto interessato, ad esempio perdere o eliminare i suoi dati senza autorizzazione, può comportare sanzioni pecuniarie anche più salate pari a 20 milioni di euro o il 4% del fatturato globale annuo (a seconda di quale dei due è maggiore).

In senso lato, per conseguire la conformità GDPR in queste aree di archiviazione e protezione dei dati (backup), responsabili e titolari del trattamento dovrebbero cercare soluzioni infrastrutturali o di servizi che soddisfino i seguenti requisiti tecnici:

  • ♦ Controllo da parte del soggetto interessato dell’ubicazione dell’archivio dati personali. Occorre essere in grado di rispettare i desideri delle persone dei cui dati ci si occupa in termini di controllo ed elaborazione rispetto a dove vengono archiviati tali dati: in sede e/o in un data center specifico ubicato nella UE.
  • ♦ Crittografia dei dati. Occorre fornire una solida crittografia dei dati personali situati sugli endpoint e a quelli in transito sulle reti LAN e WAN e sul cloud. Il processo di crittografia deve essere interamente automatizzato e il soggetto interessato deve essere l’unico titolare della chiave di decrittografia.
  • ♦ Ricerca dati all’interno dei backup. Deve poter essere possibile compiere ricerche all’interno dei backup a livello granulare, facilitando così enormemente l’individuazione delle informazioni necessarie per conto dei soggetti interessati.
  • ♦ Capacità di modificare i dati personali. Dovrebbe essere possibile copiare, modificare ed eliminare facilmente i dati personali alla richiesta dei soggetti interessati.
  • ♦ Esportazione dati in un formato comune. Dovrebbe essere possibile esportare i dati personali in un formato comune e facilmente utilizzabile (ad es. archivi ZIP).
  • ♦ Ripristino dati rapido. Occorre poter ripristinare rapidamente i dati personali dai backup in caso di guasto al dispositivo di archiviazione, di problemi software, di errore dell’operatore o di violazione della sicurezza (ad es. un attacco ransomware).

Analogamente, responsabili e titolari del trattamento devono tenere conto delle seguenti regole GDPR nella scelta dell’infrastruttura e dei servizi di archiviazione e di protezione dei dati:

  • ♦ Trasferimenti transfrontalieri di dati. Qualsiasi trasferimento al di fuori dei confini della UE deve avvenire in modo trasparente e sicuro. I fornitori di servizi devono essere in grado di specificare le ubicazioni in cui sono archiviati i dati personali alla richiesta specifica dei soggetti interessati.
  • ♦ Notifica delle violazioni. In caso di violazione dei dati, un responsabile del trattamento deve essere in grado di notificare gli eventuali rischi a tutti i titolari del trattamento e ai clienti interessati entro 72 ore.
  • ♦ Diritto di accessoBackup e archiviazione devono supportare i diritti dei soggetti interessati di ottenere informazioni dai titolari del trattamento sul fatto che i loro dati personali vengano elaborati o meno. Il titolare del trattamento deve essere in grado di fornire una copia dei dati a titolo gratuito. I file di backup devono essere continuamente disponibili per i soggetti interessati. I dati personali in un account di backup o di archiviazione devono poter essere eliminati al momento della richiesta del soggetto interessato.
  • Diritto alla cancellazione. Quando i dati personali non rivestono più la funzione originaria, i soggetti interessati devono poter richiederne la cancellazione da parte di un titolare del trattamento.
  • ♦ Portabilità dei dati. I soggetti interessati devono essere in grado di ottenere e riutilizzare i propri dati personali per le proprie finalità trasferendoli in ambienti IT diversi. Per questo occorre essere in grado di scaricare i dati personali in un formato di facile portabilità.
  • ♦ Responsabili della protezione dei dati. In ogni ente di pubblica amministrazione o grande azienda (almeno 250 dipendenti) deve essere designato un dipendente a cui viene assegnata la responsabilità definitiva della conformità GDPR, noto come responsabile della protezione dei dati.
  • ♦ Privacy by design. Titolari e responsabili del trattamento devono adottare adeguati provvedimenti tecnici e organizzativi, tra cui la pseudonimizzazione, progettati per implementare i principi di protezione dei dati.

 

Conclusioni

La scadenza del 25 maggio 2018 per la conformità GDPR è imminente e le sanzioni pecuniarie per la mancata conformità sono consistenti; tuttavia ogni azienda, istituto e fornitore di servizi che offra i propri prodotti o servizi ai cittadini della UE può adottare oggi le misure che garantiscono di poter essere preparati. Inizia riconoscendo in che modo il GDPR rafforza e amplia la definizione dei diritti di proprietà individuale rispetto ai regimi di privacy precedenti, come la Direttiva UE 1995 sulla protezione dei dati. Acquisisci familiarità con la nuova terminologia creata dal GDPR per comprendere la tua collocazione in questo quadro. E comincia attaccando la sfida della conformità con metodi pertinenti alla protezione della privacy dei dati personali e ampiamente nel tuo ambito di controllo, agendo per migliorare la tua infrastruttura e i servizi di protezione dati e archiviazione e accoglierne i nuovi requisiti.

Contattaci

Link utili:

7 motivi per NON rinnovare un backup tradizionale

Il GDPR e Acronis Cloud Backup

 

 

Nuovo regolamento privacy 

Che cos’e’ il regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) dell’Unione Europea (UE)?

♦ Il GDPR è un nuovo regolamento UE che non riguarda solo le aziende con sede nell’Unione Europea!

♦ Il GDPR riguarda i dati personali e in generale prevede norme più severe di gran parte delle altre leggi a tutela della privacy

♦ Il GDPR riguarda tutte le aziende che:

   ◊ Abbiano dipendenti nell’UE

   ◊ Offrano beni o servizi a cittadini dell’UE

   ◊ Monitorino il comportamento di cittadini dell’UE (ad es. pubblicità mirata)

♦ Il rispetto del GDPR non comporta solo la formulazione e l’attuazione di politiche e processi, ma anche un impegno permanente per tutelare la privacy

GDPR

 
 

Il GDPR è urgente e imminente

ENTRA IN VIGORE IL

25 MAGGIO 2018!

SANZIONI AMMINISTRATIVE:

10.000.000 di €

o il 2% del fatturato mondiale totale annuo, se superiore

Esempi: mancata tenuta di un registro scritto delle attività di trattamento; mancata adozione di misure tecniche/organizzative proporzionate al rischio o mancata nomina di un responsabile della protezione dei dati ove richiesto

20.000.000 di €

o il 4% del fatturato mondiale totale annuo, se superiore

Esempi: mancato rispetto dei requisiti per il trasferimento transfrontaliero dei dati, delle limitazioni speciali relative ai dati sensibili (minori, stato di salute, ecc.) o dei diritti dei singoli di controllare i loro dati personali

 

Concetti base del GDPR

Interessato (utente)

Chiunque sia identificabile (direttamente o indirettamente) in base ai suoi dati personalinell’UE.

Titolare del trattamento

“La persona fisica o giuridica, l’autorità pubblica, il servizio o altro organismo che, singolarmente o insieme ad altri, determina le finalità e i mezzi del trattamento di dati personali.”

Responsabile del trattamento

“La persona fisica o giuridica,l’autorità pubblica, il servizio o altroorganismo che tratta dati personali per conto del titolare del trattamento.”

Dato personale

“Qualsiasi informazione riguardante una persona fisica identificata o identificabile.” Si considerano

dati personali: nome, indirizzo e-mail, informazioni sullo stato di salute, ubicazione, dati bancari, indirizzo IP, cookie, identità culturale, ecc.

Trattamento dei dati

“Qualsiasi operazione o insieme di operazioni compiute su dati personali.” Sono considerate trattamento tutte le attività di raccolta, conservazione, archiviazione, riproduzione, uso, accesso, trasferimento, modifica, estrazione, comunicazione, cancellazione o distruzione dei dati.

 

 

Che cosa significa conformita’ al GDPR?

Il GDPR è un impegno permanente!

Come dimostrare la conformità al GDPR:

  • ♦ Trattare i dati secondo i principi del GDPR: in modo lecito, corretto, sicuro, limitato alle finalità, ecc.

  • ♦ Eseguire valutazioni periodiche del rischio per la sicurezza

  • ♦ Monitorare il trattamento dei dati per rilevare le violazioni

  • ♦ Mantenere aggiornate le politiche e le procedure aziendali

  • ♦ Adottare misure tecniche e organizzative adeguateper attenuare i rischi ai dati personali

 

Obblighi del titolare e del responsabile del trattamento

Titolari e responsabili del trattamento sono soggetti al GDPR e, ai sensi del regolamento, hanno i seguenti obblighi:

• Garantire la sicurezza del trattamento
• Garantire l’esercizio dei diritti dell’interessato
• Implementare una politica per le violazioni dei dati

Trasferire i dati all’estero in modo lecito

Il titolare del trattamento è tenuto a stipulare un contratto dettagliato per il trattamento con ogni responsabile del trattamento. Il contratto deve prevedere che il responsabile del trattamento agisca solo secondo le istruzioni del titolare e rispetti le disposizioni del GDPR (oltre ad altri obblighi).

 

Esempio: il ruolo del service provider (Secure Online Desktop)

Un soggetto residente nell’UE (interessato) ottiene un prestito dalla banca del suo paese. La banca raccoglie i dati personali dell’interessato e determina le finalità e le modalità per il loro trattamento.
La banca è il titolare del trattamento. La banca acquista dei servizi di backup su cloud da un provider di servizi gestiti (MSP) che esegue i backup per conto della banca. L’MSP usa i dati personali esclusivamente per le finalità indicate dalla banca. L’MSP è il responsabile del trattamento.

Responsabile del trattamento

Contattaci

Sicurezza del trattamento

È necessario adottare controlli di sicurezza per garantire in modo permanente la riservatezza, l’integrità e la disponibilità dei sistemi e dei servizi per proteggere i dati personali da:

   ♦ Minacce esterne (ad es. pirati informatici).

   ♦ Minacce interne (ad es. dipendenti non adeguatamente formati).

   ♦ Elaborazione non autorizzata o illecita.

   ♦ Perdita, distruzione o danneggiamento accidentale.

I dati personali devono essere trattati secondo i principi del GDPR (Art. 5): sicurezza, liceità, trasparenza, limitazione delle finalità, esattezza, minimizzazione dei dati, integrità e riservatezza. I sistemi per il trattamento dei dati personali devono attuare la protezione dei dati fin dalla progettazione e per impostazione predefinita e prevedere garanzie quali la crittografia e la pseudonimizzazione.

Deve essere messo in atto un processo per valutare periodicamente l’efficacia delle misure tecniche e organizzative che garantiscono la sicurezza del trattamento su base permanente.

 

Diritto dell’interessato/dell’utente

Il GDPR conferisce ai cittadini UE nuovi e più ampi diritti sui loro dati personali:

   ♦ Accesso ai dati personali (descrizione delle finalità del trattamento, informazioni sul titolare/responsabile del trattamento, periodo di conservazione, registri delle attività, ecc.).

   ♦ Rettifica dei dati personali: correzione di errori e aggiornamento.

   ♦ Limitazione del trattamento / Opposizione al trattamento in attesa di una verifica.

   ♦ Cancellazione dei dati personali (nota anche come “diritto all’oblio”).

   ♦ Portabilità dei dati: possibilità di esportare i dati personali in formato leggibile da dispositivo automatico.

   ♦ Trasparenza: possibilità di sapere quali dati personali vengono raccolti, conservati e trattati, nonché di conoscere modalità e luogo del trattamento e della conservazione.

Gli utenti possono esercitare i loro diritti tramite un titolare, un responsabile del trattamento oppure, ove disponibile, un meccanismo automatizzato. È necessario ottemperare alla richiesta entro 30 giorni.

Diritti dell’interessato / dell’utente I diritti degli interessati non sono assoluti! Ad esempio, il diritto alla cancellazione è valido solo se:

   ♦ i dati personali non sono più necessari rispetto alle finalità per le quali sono stati raccolti (e non sussistono nuove finalità lecite);

   ♦ il fondamento giuridico per il trattamento è il consenso dell’interessato, l’interessato revoca il consenso e non sussiste altro fondamento giuridico;       

   ♦ l’interessato esercita il diritto all’opposizione, e il titolare non ha alcun motivo legittimo prevalente per continuare nel trattamento; • i dati personali sono stati trattati illecitamente; oppure

   ♦ la cancellazione dei dati personali è necessaria per adempiere a un obbligo legale previsto dal diritto dell’Unione o dello Stato membro.

 

Politica di notifica delle violazioni dei dati

Tutti i titolari del trattamento sono tenuti a informare l’autorità di controllo competente in caso di violazione dei dati personali entro 72 ore dal momento in cui abbiano avuto ragionevole certezza che la disponibilità, la riservatezza o l’integrità dei dati personali del cittadino EU sia stata compromessa. Se è probabile che la violazione presenti un rischio elevato per i diritti e le libertà delle persone fisiche, il titolare deve informare anche i soggetti interessati. Politica di notifica delle violazioni dei dati I titolari del trattamento devono controllare che gli eventuali responsabili e subincaricati del trattamento abbiano a loro volta messo in atto adeguate politiche per la notifica delle violazioni dei dati. Il responsabile del trattamento deve informare il titolare del trattamento senza ingiustificato ritardo dopo essere venuto a conoscenza di una violazione dei dati personali.

 

Trasferimento transfrontaliero dei dati

   ♦ Il trasferimento di dati personali di cittadini EU/SEE a destinatari al di fuori dell’UE/SEE è in genere vietato a meno che:

      ◊ la giurisdizione in cui si trova il destinatario sia ritenuta in grado di offrire un livello adeguato di protezione dei dati

      ◊ chi esporta i dati fornisca garanzie adeguate (ad es. norme vincolanti d’impresa, clausole tipo di protezione dei dati, uno strumento giuridicamente vincolante e avente efficacia esecutiva fra titolare o responsabile del trattamento nel paese terzo)

      ◊ valgano deroghe o esenzioni

   ♦ Titolari e responsabili del trattamento devono adottare meccanismi leciti di trasferimento dei dati personali che prevedano fra l’altro il consenso dell’interessato, clausole tipo, il rispetto del Privacy Shield in vigore tra UE e Stati Uniti e norme vincolanti d’impresa.

   ♦ I service provider che utilizzano i servizi Acronis Cloud (backup, disaster recovery, Files Cloud) possono specificare l’area geografica in cui saranno archiviati i dati dei clienti (ad es. in un data center situato nell’UE). I service provider devono sempre tenere presente che l’accesso remoto ai dati è considerato trasferimento.

 

In che modo Acronis Cloud Backup puo’ aiutare i service provider a rispettare quanto disposto dal GDPR

Sicurezza del trattamento

   ♦ Crittografia in transito (SSL/TLS) e a riposo (Acronis Storage con AES).

   ♦ Registri di audit per rilevare comportamenti sospetti e raccogliere registrazioni sul trattamento dei dati.

   ♦ Accesso basato sui ruoli per garantire la riservatezza e proteggere da trattamenti non autorizzati

   ♦ Dashboard con avvisi e report per migliorare controllo e monitoraggio.

   ♦ Regole di conservazione personalizzabili per il principio di minimizzazione dei dati.

Diritti dell’interessato / dell’utente

.   ♦ Accesso ai dati, navigazione negli archivi per trovare i dati richiesti.

   ♦ Configurazione dei dati di profilo dell’account per facilitare la rettifica dei dati personali.

   ♦ Esportazione dei dati personali.

   ♦ Eliminazione degli archivi.

Trasferimento transfrontaliero dei dati

   ♦ Controllo dell’ubicazione dell’archivio dati.

   ♦ Data center ubicati nella UE.

 

Corrispondenza tra i requisiti del GDPR e Acronis Backup Cloud

REQUISITO FUNZIONI CHE LO SUPPORTANO
Protezione dei dati personali

 Crittografia in transito e a riposo

 Accesso basato sui ruoli e gestione degli accessi in base ai privilegi

 Protezione attiva contro le minacce ransomware

Accesso / controllo agevole dei dati personali su richiesta degli interessati

 Consultazione degli archivi

 Rettifica agevole dei dati personali

 Esportazione dei dati personali (in formato zip)

 Regole di conservazione personalizzabili

Controllo dell’ubicazione dei dati

 Controllo dell’ubicazione dell’archivio dati

 Data center ubicati nella UE

Monitoraggio / notifica delle violazioni

 Registri di audit per rilevare comportamenti sospetti e prevenire le minacce

 Dashboard con avvisi e report per migliorare controllo e monitoraggio

 

Contattaci

Link utili:

 Nuovi strumenti per il GDPR

Privacy

Quasi pronti per il GDPR

GDPR: che cosa c’e’ di nuovo e cosa c’e’ di vecchio

abbonamento

L’abbonamento è un metodo conveniente per ricevere aggiornamenti, prodotti o servizi in modo regolare e continuativo. Questo modello di business ha superato la prova del tempo. Nel corso degli anni, i clienti soddisfatti hanno usufruito di servizi regolari sottoscrivendo notizie, riviste, CD, vino e persino biglietti per l’opera. E poi è arrivata la nuvola. Il cloud ha reso l’IT complesso facile ed economico, anche grazie al familiare modello di abbonamento di service delivery.

Oggi, i servizi pubblici di cloud computing hanno un fatturato di 246,8 miliardi di dollari. Entro il 2020, afferma Gartner, le strategie di adozione del cloud influenzeranno oltre il 50% dei contratti di outsourcing IT. I fornitori di servizi si stanno affrettando a salire a bordo.

Abbonamento

subscription

L’abbonamento è un accordo per ricevere regolarmente prodotti o servizi pagando in anticipo. È diventato un modello aziendale predefinito per i fornitori di servizi. Anche quegli integratori di servizi che hanno fatto il loro nome vendendo singole licenze software stanno attualmente passando a un abbonamento o a un metodo di erogazione del servizio software-as-a-service, per rimanere vivi e far crescere la loro base clienti.

Per i clienti, l’abbonamento si basa sulla praticità, la scalabilità e l’economicità. Il modello di consumo del servizio in abbonamento basato su OpEx batte il tradizionale modello CapEx in tutti i modi. Invece di spendere centinaia e spesso migliaia di euro per dispositivi hardware e licenze software (e quindi preoccuparsi di manutenzione e aggiornamenti), le aziende pagano una tariffa mensile gestibile solo per quello che usano e solo per il servizio di cui hanno bisogno.

Modelli di abbonamento

Esistono due modelli di abbonamento popolari progettati per attirare nuovi clienti consentendo loro di provare il servizio prima di impegnarsi in un abbonamento completo.

Freemium

freemium

Un modello di business freemium offre un servizio di base gratuito e funzionalità aggiuntive a pagamento. Questo è diventato uno dei modelli di business dominanti nel mercato delle app mobili ed è ampiamente adottato dai provider di servizi basati sul Cloud. LinkedIn, Dropbox, Yammer e milioni di altri venditori hanno adottato questo modello, utilizzando le funzionalità gratuite come potente strumento di marketing. È più probabile che gli utenti indirizzino il servizio agli altri quando è gratuito e facile da usare. Ci sono anche segni che il modello freemium ha ancora più successo dei 30 giorni di prova perché allevia i clienti dall’ingombrante processo di cancellazione quando stanno provando per la prima volta il servizio.

Come nel caso del servizio Acronis Cloud Backup, l’opzione Freemium consente di avere un piano gratuito per un computer con storage di backup locale e quindi addebitare un costo per servizi aggiuntivi come lo storage cloud e altri dispositivi.

Bait and Hook

Bait and Hook

Questo modello di business di abbonamento propone di offrire un servizio di base a un prezzo basso, o anche gratuito, e di addebitare il prezzo pieno per le risorse aggiuntive. L’origine di questo metodo di abbonamento è spesso attribuita a Gillette, una società di rasoi che è nota per la vendita di kit di rasoi a buon mercato e costose ricariche di lama. Oggi questo modello è ampiamente utilizzato dalle compagnie di telefonia mobile (telefono gratuito con un piano di assistenza a lungo termine), produttori di stampanti (stampanti economiche, inchiostro costoso) e molte altre aziende in cui la maggior parte delle entrate proviene dai materiali di consumo.

Con il servizio Acronis Cloud Backup invece si dispone di un piano gratuito con una quantità limitata di spazio di archiviazione nel Cloud. Ciò consentirà ai clienti di registrarsi e provare il servizio completamente funzionale prima di acquistare ulteriore spazio di archiviazione Cloud per soddisfare le loro esigenze. In questa sezione si può consultare l’elenco completo dei servizi demo che la Secure Online Desktop mette a disposizione dei propri clienti.

Acronis Cloud Backup

Il servizio di Acronis Cloud Backup è specificatamente pensato per soddisfare le sempre più crescenti esigenze dei clienti orientati ai modelli di abbonamento sopra esposti.

Contattaci

Link utili:

A Hybrid Cloud Backup Solution for System Integrator and reseller

Cloud Products and Services

Backup

Nuovo modello Acronis Backup Cloud per utenti finali e nuovo piano per rivenditori

 

Il nostro servizio Acronis Cloud Backup si rinnova con due tipologie di abbonamento distinte per gli utenti finali e per i rivenditori/system integrator. Con la prima infatti è possibile soddisfare le esigenze di piccole e medie imprese che necessitano di avere una soluzione professionale per la gestione dei propri backup locali e remoti (Cloud). La seconda invece è in grado di soddisfare le esigenze più articolate dei System integrator che potranno utilizzare il servizio per realizzare progetti di Data Protection ad-hoc per i propri clienti.

 

Pacchetto Starter

Il pacchetto Starter protegge una Workstation e tre dispositivi mobili mettendo a disposizione 30Gb di spazio sul nostro Cloud. Questa soluzione è ideale per liberi professionisti o piccoli studi dove all’interno dell’ufficio si vuole salvaguardare i dati di una workstation e fino a 3 mobile device. 

 

Pacchetto Basic

Il pacchetto Basic protegge cinque Workstation, un Server, tre macchine virtuali e quindici dispositivi mobili mettendo a disposizione 300Gb di spazio sul nostro Cloud. Questa soluzione è ideale per studi professionali o piccole aziende.

 

Pacchetto Professional

Il pacchetto Professional protegge un numero illimitato di Workstation, Server, macchine virtuali e dispositivi mobili mettendo a disposizione 2Tb di spazio sul nostro Cloud. Questa soluzione è ideale per aziende medio/grandi.

 

Gli agent software di tutte le soluzioni Acronis Cloud possono essere utilizzate anche per il backup locale (NAS locali) senza costi aggiuntivi grazie ai piani di backup multipli che è possibile asseggnare ad ogni sistema da proteggere.

 

Prezzi Acronis Cloud Backup

  • Acronis Cloud Backup - Starter

    Per piccole aziende

  • 4.49/Mese
  • Workstation = 1
  • Server = 0
  • Macchine virtuali = 0
  • Dispositivi mobile = 3
  • Spazio disco = 30 Gb
Popular
  • Acronis Cloud Backup - Basic

    Per medie aziende

  • 59.99/Mese
  • Workstation = 5
  • Server = 1
  • Macchine virtuali = 3
  • Dispositivi mobile = 15
  • Spazio disco = 300 Gb
  • Acronis Cloud Backup - Professional

    Per grandi aziende

  • 239.99/Mese
  • Workstation = Illimitato
  • Server = Illimitato
  • Macchine virtuali = Illimitato
  • Dispositivi mobile = Illimitato
  • Spazio disco = 2Tb

 

Perche’ scegliere Acronis Cloud Backup?

Acronis Backup Cloud è una soluzione altamente personalizzabile e conveniente che è già integrata nella nostra piattaforma di business automation e opera come potente piattaforma autonoma.

Basato sulla tecnologia Acronis AnyData Engine, Acronis Cloud Backup offre ai tuoi clienti una soluzione best-in-class semplice, completa e sicura.

  •  • Semplice – Un’unica piattaforma studiata per permettere ai System Integrator di configurare, distribuire e gestire i backup dei propri clienti e dei loro clienti. Acronis Cloud Backup include una potente funzionalità di integrazione con i sistemi di supporto aziendale, che permette di ridurre i costi operativi e ottimizzare le vendite cloud.

  •  • Completa – Possibilità di fornire un servizio di backup che supporta sedici piattaforme diverse, permettendo ai System Integrator di gestire un numero maggiore di endpoint dei propri clienti. Con il supporto di server fisici e virtuali, workstation PC e Mac®, laptop, dispositivi mobile iPhone®/iPad®/ Android® e dati delle caselle di posta Office 365®, puoi proteggere tutti i dati dei tuoi clienti mediante una sola piattaforma unificata.

  •  • Sicura – Archivia i dati dei clienti in uno dei data center della Secure Online Desktop Tier IV, dotati di certificazione SSAE 16, o nel tuo data center protetto, sotto il tuo diretto controllo. Usa il software Acronis Storage incluso per un’archiviazione dei backup ancora più affidabile. Utilizza la crittografia SSL per i canali di gestione e la crittografia AES-256 per i dati in transito e in sosta.

Acronis Workload

 

Contattaci

 

ACRONIS CLOUD BACKUP SYSTEM INTEGRATOR

ACRONIS CLOUD BACKUP PER SYSTEM INTEGRATOR: Con costi di ingresso pari a zero, un modello aziendale a consumo e opzioni di distribuzione altamente flessibili, Acronis Cloud Backup ti permette di accedere velocemente a nuovi mercati, generare nuovo business e fare crescere rapidamente la tua attività.

Perche’ scegliere Acronis Cloud Backup?

Acronis Backup Cloud è una soluzione altamente personalizzabile e conveniente che è già integrata nella nostra piattaforma di business automation e opera come potente piattaforma autonoma.

Basato sulla tecnologia Acronis AnyData Engine, Acronis Cloud Backup offre ai tuoi clienti una soluzione best-in-class semplice, completa e sicura.

  •  • Semplice – Un’unica piattaforma studiata per permettere ai System Integrator di configurare, distribuire e gestire i backup dei propri clienti e dei loro clienti. Acronis Cloud Backup include una potente funzionalità di integrazione con i sistemi di supporto aziendale, che permette di ridurre i costi operativi e ottimizzare le vendite cloud.

  •  • Completa – Possibilità di fornire un servizio di backup che supporta sedici piattaforme diverse, permettendo ai System Integrator di gestire un numero maggiore di endpoint dei propri clienti. Con il supporto di server fisici e virtuali, workstation PC e Mac®, laptop, dispositivi mobile iPhone®/iPad®/ Android® e dati delle caselle di posta Office 365®, puoi proteggere tutti i dati dei tuoi clienti mediante una sola piattaforma unificata.

  •  • Sicura – Archivia i dati dei clienti in uno dei data center della Secure Online Desktop  Tier IV, dotati di certificazione SSAE 16, o nel tuo data center protetto, sotto il tuo diretto controllo. Usa il software Acronis Storage incluso per un’archiviazione dei backup ancora più affidabile. Utilizza la crittografia SSL per i canali di gestione e la crittografia AES-256 per i dati in transito e in sosta.

Acronis Workload

 

 

 

Rapida aggiunta di servizi di valore

Secondo il V rapporto annuale di Odin “U.S. SMB Cloud InsightsTM”, il mercato USA dei servizi cloud per le PMI registrerà un tasso di crescita composto dell’11,4% l’anno, da 25,2 miliardi di dollari del 2015 a 34,9 miliardi di dollari entro il 2018. Uno dei fattori chiave della crescita dei servizi cloud sarà l’offerta SaaS (Software-as-a-Service), così come il backup e l’archiviazione online.

Ciò offre un’opportunità di mercato evidente, tanto più che i proprietari di PMI conoscono i rischi che corrono in caso di perdita o distruzione delle informazioni aziendali. Acronis Cloud Backup è facile da distribuire e consente di sfruttare l’infrastruttura esistente, Acronis Cloud Storage, Microsoft Azure®, Amazon S3 e qualsiasi altro storage di terze parti, rendendo i clienti subito operativi. Allo stesso tempo vedrai crescere il tuo fatturato e la soddisfazione e la fidelizzazione dei clienti.
Per promuovere le vendite, Secure Online Desktop offre documentazione di marketing e vendita e programmi di formazione.

 

Caratteristiche principali

Funzionalità di backup e ripristino

 • Backup locale e nel cloud per una protezione ibrida e flessibile

 • Ripristino su qualsiasi piattaforma da locale o cloud a bare metal

 • Ripristino istantaneo locale (Local Instant Recovery®) dei server eseguendo i backup come macchine virtuali (VM)

 • vmFlashback® per il ripristino incrementale rapido di VMware ESX(i)® e Microsoft Hyper-V®

 • Backup e ripristino di file, cartelle e volumi selezionati o di un sistema completo

 • Backup di server/desktop/laptop Windows® , server e desktop Linux® e desktop/laptop OS X®

 • Backup di Microsoft SQL Server®, Exchange, SharePoint®, Active Directory® e dei dati della caselle di posta Microsoft Office 365

 • Ripristino granulare a livello di oggetti per database di Microsoft Exchange e SharePoint

 • Backup dei dati utente di dispositivi mobili iPhone, iPad e Android

 • Supporto per VMware vSphere®, Microsoft Hyper-V, RHEV®, Linux KVM, Citrix XenServer®, Oracle® VM Server e VM/container Virtuozzo®

 • Replica ottimizzata per WAN (Wide Area Network) di VM tra host

 • Backup off-site su Acronis Cloud, un cloud di tua proprietà, Microsoft Azure, Amazon S3 o qualsiasi altro storage di terzi

 • Raccolta dati iniziale e ripristino su larga scala con spedizione fisica

 • Ripristino bare metal per VMware ESXi e Microsoft Hyper-V per una protezione completa

 • Backup da disco a disco a cloud con supporto per staging temporaneo

 • Monitoraggio self-service del backup da parte dei clienti

 •  Viste utente centralizzate di attività e notifiche

 • Migrazione P2V, P2C, V2C e C2C semplificata

 

Funzionalita’ per System Integrator e rivenditori

 •  Console di gestione di facile utilizzo con visualizzazione centralizzata dello stato e della cronologia dei backup

 •  Piattaforma di servizi multi-tenant con più livelli di partnership

 •  Integrazione con sistemi esistenti tramite API RESTful e APS Cloud Application Standard v2.0/1.2s

 •  Integrazione con Odin®, HostBill, Flexiant®, WHMCS, ConnectWise, LabTech e Microsoft Azure

 •  Opportunità di aggiunta del marchio e di personalizzazione, opzione di assistenza white label

 •  Controllo granulare delle quote per storage e dispositivi

 •  Controllo delle opzioni di storage locali per accelerare il consumo dei dati cloud

 •  Versioni trial gratuite per i clienti con conversione automatica in versioni di produzione

 •  Link d’acquisto integrati nel prodotto per agevolare l’upgrade ai clienti

  •  Aggiornamenti automatici dell’agente di backup dal cloud per facilitare la manutenzione

 •  Supporto per la personalizzazione delle condizioni d’uso e delle conferme di accettazione da parte di clienti

 •  Supporto multilingue automatico per gestire qualunque ambiente dell’utente finale

Funzionalità’ di sicurezza

 •  Crittografia SSL a 2048 bit per i canali di gestione

 •  Crittografia AES-256 per i dati in transito e in sosta

 •  Maggiore sicurezza con restrizioni di accesso basate sulla rete

 

I VANTAGGI DI ACRONIS CLOUD BACKUP PER SYSTEM INTEGRATOR

 • Semplice aggiunta di un valido servizio di backup alla tua offerta e miglioramento della soddisfazione e mantenimento dei clienti.

 • Crescita della base clienti e generazione di nuovo business.

 • Lancio rapido senza costi d’ingresso e modello di business a consumo.

 • Offerta di servizi su misura con un cloud multi-livello e multi-tenant.

 • Prestazioni ottimizzate con integrazione dei sistemi aziendali ed estensioni di backup.

 • Protezione di server, workstation, dispositivi mobile e dati delle caselle postali di Office 365 dei clienti.

 • Differenziazione dell’offerta di servizi rispetto alla concorrenza con il backup ibrido.

 • Possibilità di sfruttare Acronis Cloud Storage oppure il proprio storage, Microsoft Azure, Amazon S3 o un altro storage di terzi.

 • Una scelta sicura grazie alla comprovata tecnologia Acronis AnyData Engine e ad anni di esperienza nella protezione dati.

OPZIONI DI IMPLEMENTAZIONE FLESSIBILI

 •  In hosting presso SECURE ONLINE DESKTOP – Una soluzione chiavi in mano ospitata in un data center Secure Online Desktop che garantisce ai service provider un time- to-market ridotto e senza investimenti iniziali.

 •  Distribuzione ibrida – Console di gestione ospitata da Secure Online Desktop che usa il tuo storage o uno storage di terzi, semplificando la configurazione e accelerando il time-to-market.

Scopri Contattaci

 

acronis-newsletter2

Alla velocità attuale del business, è facile perdere il controllo dei tuoi dati suddivisi tra server fisici e virtuali, PC e dispositivi mobili, Cloud privati e pubblici. E come ogni fan di corse sa, la velocità è fondamentale, ma la velocità senza controllo può essere disastrosa.

Ottieni una prova gratuita di Acronis Cloud Backup →

Con un controllo migliore, è possibile gestire in modo più sicuro il rischio di perdita di dati. Questo non è solo importante per i backup quotidiani: copre anche il rischio di migrare applicazioni e dati tra server fisici e virtuali, aggiornare i sistemi operativi e le applicazioni a versioni più recenti e spostare i carichi di lavoro da e verso il Cloud. Sempre più aziende come te si stanno rivolgendo a backup basati su Cloud per ottenere una protezione veloce dei dati con un controllo robusto per i loro server fisici, le VM e le risorse cloud.

 

Se sei già un credente nell’importanza della gestione precisa dei tuoi dati, contattaci per un prova gratuita di 30 giorni del nostro cloud-based Acronis Cloud Backup. Scopri la straordinaria potenza di combinare velocità e controllo nel tuo programma di backup. Approfitta di questa offerta oggi stesso.

Entra nel sedile del conducente con il backup basato su cloud →

Backup as a Service

Il BaaS (Backup as a Service) è il servizio che consente alla tua azienda di salvare una copia (prende il nome di copia off-site) dei dati in Cloud. In questo modo potrai memorizzare in un luogo sicuro le tue informazioni per poi ripristinarle in qualsiasi momento in caso di guasti.
Il BaaS è un uno dei modi per implementare la regola 3-2-1 del backup.

Secure Online Desktop mette a disposizione dei propri clienti due modalità differenti per implementare il BaaS, per offrire una gamma di opzioni differenti in base alle diverse esigenze aziendali.

Contattaci

Backup as a Service

Veeam Cloud Connect

La prima soluzione BaaS (Backup as a Service) utilizza la ormai nota ed affermata tecnologia Veeam, largamente usata da milioni di clienti in tutto il mondo, per estendere la propria installazione locale di Veeam nel Cloud della Secure Online Desktop. Il servizio relativo si chiama Veeam Cloud Connect e consente agli utenti Veeam di selezione la Secure Online Desktop come provider di servizi Cloud direttamente dalla console Veeam mediante il pannello “BACKUP INFRASTRUCTURE -> ADD SERVICE PROVIDER” oppure ricercandola con la funzione “FIND SERVICE PROVIDER”.

Pro e contro della soluzione Veeam Cloud Connect

Pro:

1) Nessuna installazione – Non è necessario installare nessun software aggiuntivo o dispositivo hardware all’interno dell’azienda;

2) Semplicità – Il cliente può attivare con un semplice click dalla propria console di Veeam Backup & Replication la funzionalità Cloud provider;

3) Nessuna nuova console – Non sarà necessario utilizzare un nuovo strumento o accedere ad ulteriori console perché tutti i backup in Cloud sono perfettamente visibile all’interno della console di Veeam Backup & Replication già esistente;

4) No VPN – Non è necessario instaurare nessun canale cifrato aggiuntivo tra il cliente e la Secure Online Desktop in quanto le comunicazioni vengono cifrate mediante SSL durante il transito e sono criptate alla sorgente con algoritmo AES.

5) WAN Accelerator – Con la funzionalità di WAN accelerator offerta da Veeam è possibile ottimizzare le comunicazioni dedicate al backup in modo da ridurre i tempi ed ottimizzare l’impiego di banda Internet.

Contro:

1) E’ necessario avere la soluzione Veeam già in azienda;

2) E’ possibile proteggere da backup solo gli elementi supportati dalla soluzione Veeam.

Configuralo ora

Acronis Cloud Backup

La seconda soluzione BaaS si avvale invece della tecnologia Acronis e del relativo motore Anydata. In modo analogo al primo questo servizio consente di avere una copia off-site sul nostro Cloud e di effettuare il ripristino totale (l’intera macchina virtuale nel caso di ambienti virtualizzati) o parziale (il singolo file o cartella) dei propri dati con un semplice click.

Pro e contro della soluzione Acronis Cloud Backup

Pro:

1) Non è necessario avere altri software di backup – All’interno del servizio verranno forniti gli agent software necessari al funzionamento del sistema di Backup in Cloud. In questo modo il servizio potrà essere utilizzato anche per le copie locali;

2) Protezione completa – Acronis Cloud Backup copre numerosissime tipologie di dispositivi, applicazioni e sistemi operativi compresi i device mobile;

3) Nessun limite ai sistemi da proteggere – Il servizio viene fatturato solo in base alla dimensione dello storage in Cloud senza nessun limite al numero dei sistemi che si intende coprire da backup;

4) Backup locali – Gli agent software messi a disposizione dal servizio e le relative policy di backup consentono di conservare il backup oltre che in Cloud anche su un eventuale storage locale presente in azienda senza nessun costo aggiuntivo.

Contro:

1) E’ necessario installare o distribuire gli agent su tutti i sistemi che si intende coprire dal servizio.

Configuralo ora

Argomenti correlati:

BaaS | Acronis Cloud Backup

Cloud Products and Services

A Hybrid Cloud Backup Solution for System Integrator and reseller

Customers

Newsletter