public cloud Piergiorgio Venuti

Public Cloud

Il Public Cloud o Cloud pubblico prevede la fornitura di servizi cloud in un ambiente virtualizzato, realizzato mediante risorse fisiche condivise e accessibili tramite una rete pubblica come Internet. Si contrappone al cloud privato, che delimita il bacino di risorse di computing sottostanti, creando una piattaforma cloud distinta cui può accedere solo un’unica organizzazione. I coud pubblici invece forniscono servizi a molteplici clienti tramite un’unica infrastruttura condivisa.

Gli esempi più chiari di cloud computing rientrano nel modello del cloud pubblico, perchè per definizione sono disponibili al pubblico. Le offerte “Software as a Service” (SaaS) come l’archiviazione su cloud (cloud drive) e il CRM sono forse le più familiari, ma il modello può essere seguito anche dalle popolari offerte “Infrastructure as a Service” (IaaS) e “Platform as a Service” (PaaS), incluso l’hosting web e gli ambienti di sviluppo basati su cloud (anche se tutti questi possono esistere anche nei cloud privati). I cloud pubblici vengono ampiamente utilizzati per le offerte ai privati, che avranno meno probabilità di richiedere il livello di infrastruttura e sicurezza offerto dai cloud privati. In ogni caso, anche le imprese possono ricorrere ai cloud pubblici per rendere notevolmente più efficienti le proprie attività, ad esempio con l’archiviazione di dati non sensibili, la collaborazione online sui documenti e la posta su web.

cloud pubblico

Il public cloud offre i seguenti vantaggi e funzioni:

  • Massima scalabilità: le risorse cloud sono disponibili su richiesta attingendo agli ampi bacini dei coud pubblici in modo tale che le applicazioni eseguite su cloud rispondano senza interruzioni alle oscillazioni dell’attività;
  • Convenienza: i cloud pubblici riuniscono maggiori livelli di risorse e pertanto possono offrire vantaggi legati alle grandi economie di scala. Il funzionamento e la gestione centralizzati delle risorse sottostanti vengono suddivisi tra tutti i conseguenti servizi cloud, mentre i componenti, come i server, richiedono minori interventi di personalizzazione. Alcune offerte per il mercato di massa possono persino essere gratuite per il cliente, dato ce la pubblicità sopperisce alle entrate;
  • Costi in stile “bolletta”: i servizi di cloud pubblico spesso adottano un modello di pagamento “a consumo”, per cui il consumatore può accedere alle risorse necessarie al momento giusto e quindi pagare solo quelle utilizzate, senza sprechi;
  • Affidabilità: l’elevato numero di server e reti che partecipano alla creazione del cloud pubblico e e configurazioni ridondanti fanno in modo che, in presenza di guasti a un componente fisico, il servizio cloud continui comunque a operare con i restanti componenti. In alcuni casi in cui i cloud traggono le risorse da svariati Data Centre, anche in caso di scollegamento di un intero centro dati non vi sarebbero conseguenze per i singoli servizi cloud. In altre parole, non vi è nessun singolo punto di vulnerabilità che possa mettere a rischio il servizio di cloud pubblico;
  • Flessibilità: sul mercato è presente una miriade di servizi IaaS, PaaS e SaaS che seguono il modello del cloud pubblico e che sono accessibili come servizio da qualsiasi dispositivo predisposto per Internet. Tali servizi possono soddisfare la maggior parte dei requisiti di computing e possono portare vantaggi sia ai clienti privati che aziendali. Le imprese possono persino integrare i propri servizi di cloud pubblico con i cloud privati quando hanno bisogno di svolgere funzioni aziendali sensibili, creando cloud ibridi;
  • Indipendenza geografica: l’accesso ai servizi di cloud pubblico tramite connessioni Internet garantisce che i servizi siano disponibili in qualsiasi punto si trovi il cliente. In questo modo si creano opportunità preziosissime per le imprese, ad esempio l’accesso remoto all’infrastruttura IT (in caso di emergenze, ecc.) oppure la collaborazione online sui documenti da molteplici postazioni.

L’offerta Public Cloud della Secure Online Desktop relativa allo IaaS,  può essere consulta nella sezione Cloud Server o direttamente all’interno del nostro e-commerce.

[btnsx id=”2929″]

Condividi


RSS

Piu’ articoli…

Categorie …

Tags

RSS CSIRT

RSS Dark Reading:

RSS Full Disclosure

  • Backdoor.Win32.Zombam.gen / Information Disclosure Giugno 15, 2021
    Posted by malvuln on Jun 15Discovery / credits: Malvuln - malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/ff6516c881dee555b0cd253408b64404_D.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Zombam.gen Vulnerability: Information Disclosure Description: Zombam malware listens on TCP port 80 and deploys an unsecured HTML Web UI for basic remote administration capability. Third-party attackers who can reach an infected...
  • Backdoor.Win32.VB.pld / Unauthenticated Remote Command Execution Giugno 15, 2021
    Posted by malvuln on Jun 15Discovery / credits: Malvuln - malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/6ff35087d789f7aca6c0e3396984894e_B.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.VB.pld Vulnerability: Unauthenticated Remote Command Execution Description: The malware listens on TCP port 4000. Third-party attackers who can reach infected systems can connect to port 4000 and run commands made available […]
  • Backdoor.Win32.VB.pld / Insecure Transit Giugno 15, 2021
    Posted by malvuln on Jun 15Discovery / credits: Malvuln - malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/6ff35087d789f7aca6c0e3396984894e.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.VB.pld Vulnerability: Insecure Transit Description: The malware listens on TCP port 4000 and has a chat feature "Hnadle-X Pro V1.0 Text Chat". Messages are passed in unencrypted plaintext across the network. […]
  • popo2, kernel/tun driver bufferoverflow. Giugno 15, 2021
    Posted by KJ Jung on Jun 15Linux kernel 5.4 version. latest. __tun_chr_ioctl function of ~/drivers/net/tun.c has a stack buffer overflow vulnerability. it get's arg, ifreq_len, and copy the arg(argp) to ifr(ifreq struct) and this steps are no bounds-checking. if cmd == TUNSETIFF or TUNSETQUEUE or and so on condition then it's enter copy_from_user function area.
  • Onapsis Security Advisory 2021-0014: Missing authorization check in SAP Solution Manager LM-SERVICE Component SP 11 PL 2 Giugno 14, 2021
    Posted by Onapsis Research via Fulldisclosure on Jun 14# Onapsis Security Advisory 2021-0014: Missing authorization check in SAP Solution Manager LM-SERVICE Component SP 11 PL 2 ## Impact on Business Due to a missing authorization check in SAP Solution Manager LM-SERVICE component a remote authenticated attacker could be able to execute privileged actions in the […]
  • Onapsis Security Advisory 2021-0013: [CVE-2020-26829] - Missing Authentication Check In SAP NetWeaver AS JAVA P2P Cluster communication Giugno 14, 2021
    Posted by Onapsis Research via Fulldisclosure on Jun 14# Onapsis Security Advisory 2021-0013: [CVE-2020-26829] - Missing Authentication Check In SAP NetWeaver AS JAVA P2P Cluster communication ## Impact on Business A malicious unauthenticated user could abuse the lack of authentication check on SAP Java P2P cluster communication, in order to connect to the respective TCP […]
  • Onapsis Security Advisory 2021-0012: SAP Manufacturing Integration and Intelligence lack of server side validations leads to RCE Giugno 14, 2021
    Posted by Onapsis Research via Fulldisclosure on Jun 14# Onapsis Security Advisory 2021-0012: SAP Manufacturing Integration and Intelligence lack of server side validations leads to RCE ## Impact on Business By abusing a Code Injection in SAP MII, an authenticated user with SAP XMII Developer privileges could execute code (including OS commands) on the server. […]
  • Onapsis Security Advisory 2021-0011 Missing authorization check in SolMan End-User Experience Monitoring Giugno 14, 2021
    Posted by Onapsis Research via Fulldisclosure on Jun 14# Onapsis Security Advisory 2021-0011: Missing authorization check in SolMan End-User Experience Monitoring ## Impact on Business Any authenticated user of the Solution Manager is able to craft/upload and execute EEM scripts on the SMDAgents affecting its Integrity, Confidentiality and Availability. ## Advisory Information - Public Release […]
  • Onapsis Security Advisory 2021-0010: File exfiltration and DoS in SolMan End-User Experience Monitoring Giugno 14, 2021
    Posted by Onapsis Research via Fulldisclosure on Jun 14# Onapsis Security Advisory 2021-0010: File exfiltration and DoS in SolMan End-User Experience Monitoring ## Impact on Business The End-User Experience Monitoring (EEM) application, part of the SAP Solution Manager, is vulnerable to path traversal. As a consequence, an unauthorized attacker would be able to read sensitive […]
  • Onapsis Security Advisory 2021-0009: Hard-coded Credentials in CA Introscope Enterprise Manager Giugno 14, 2021
    Posted by Onapsis Research via Fulldisclosure on Jun 14# Onapsis Security Advisory 2021-0009: Hard-coded Credentials in CA Introscope Enterprise Manager ## Impact on Business Unauthenticated attackers can bypass the authentication if the default passwords for Admin and Guest have not been changed by the administrator. This may impact the confidentiality of the service. ## Advisory […]

Customers

Newsletter