Penetration Testing Dove Colpire Piergiorgio Venuti

Penetration Testing: Dove Colpire per Proteggere la Tua Rete Informatica

Estimated reading time: 6 minuti

Introduzione

In un mondo sempre più interconnesso e digitale, la sicurezza informatica è diventata una priorità assoluta per aziende di ogni dimensione. Una delle tecniche più efficaci per identificare vulnerabilità e migliorare la sicurezza è il penetration testing, noto anche come pen testing o ethical hacking. Ma in una rete complessa con diversi ambienti, su quali è più opportuno concentrare gli sforzi di pen testing? Esploriamo insieme le differenze tra gli ambienti di sviluppo, collaudo e produzione, e scopriamo dove il pen testing può fare la differenza.

Cos’è il Penetration Testing?

Prima di addentrarci negli specifici ambienti di rete, è fondamentale comprendere cos’è esattamente il penetration testing. In poche parole, si tratta di un processo di valutazione della sicurezza che simula un attacco informatico per identificare potenziali vulnerabilità in sistemi, reti o applicazioni. Gli esperti di sicurezza, noti come “ethical hacker” o “white hat hacker”, utilizzano le stesse tecniche e strumenti dei cybercriminali, ma con l’obiettivo di rafforzare le difese anziché causare danni. Il pen testing segue generalmente una metodologia strutturata che include fasi di raccolta informazioni, analisi delle vulnerabilità, sfruttamento, mantenimento dell’accesso e reporting.

Gli Ambienti di una Rete Informatica

Prima di decidere dove effettuare il pen testing, è cruciale comprendere i diversi ambienti presenti in una tipica rete informatica aziendale. Ogni ambiente ha caratteristiche e requisiti di sicurezza specifici. Ecco una panoramica dei principali:

  1. Ambiente di Sviluppo (Development): È qui che vengono create e testate le nuove applicazioni e funzionalità. L’ambiente di sviluppo è solitamente isolato dal resto della rete per consentire agli sviluppatori di lavorare liberamente senza influire su altri sistemi. La sicurezza in questo ambiente è importante, ma l’enfasi è posta sulla funzionalità e l’innovazione.
  2. Ambiente di Collaudo (Testing/Staging): Prima di essere rilasciate in produzione, le applicazioni vengono testate a fondo in un ambiente che replica il più possibile quello di produzione. Qui si verificano integrazione, prestazioni e compatibilità. La sicurezza assume un ruolo più centrale, poiché eventuali vulnerabilità potrebbero propagarsi all’ambiente di produzione.
  3. Ambiente di Produzione (Production): È l’ambiente “live” dove operano gli utenti finali e vengono elaborati i dati reali. La sicurezza è di vitale importanza, poiché qualsiasi violazione potrebbe compromettere dati sensibili, causare interruzioni del servizio o danni alla reputazione. L’ambiente di produzione è spesso il bersaglio principale degli attacchi informatici.

Altri ambienti che potresti incontrare includono:

  1. Ambiente di Disaster Recovery (DR): Progettato per subentrare in caso di guasti o disastri nell’ambiente di produzione, garantendo continuità operativa. La sicurezza deve essere allineata con l’ambiente di produzione.
  2. Ambiente di Quality Assurance (QA): Dedicato ai test approfonditi di qualità del software, inclusi test funzionali, di usabilità e di sicurezza.
  3. Ambiente Sandbox: Un ambiente isolato utilizzato per testare applicazioni o codice potenzialmente pericoloso senza rischi per la rete principale.

Dove Eseguire il Penetration Testing?

Ora che abbiamo chiari i diversi ambienti, dove dovremmo concentrare gli sforzi di pen testing per massimizzare l’impatto sulla sicurezza? La risposta breve è: ovunque sia possibile, ma con priorità all’ambiente di produzione. Ecco perché:

Priorità all’Ambiente di Produzione

L’ambiente di produzione è il front-end della tua azienda, dove i sistemi e le applicazioni interagiscono con utenti, clienti e partner. È qui che risiedono i dati più sensibili e critici e dove un attacco informatico potrebbe causare i danni maggiori. Violazioni in produzione possono portare a furto di dati, frodi, interruzioni del servizio e danni alla reputazione, con conseguenze finanziarie e legali significative.

Eseguire penetration test regolari sull’ambiente di produzione è essenziale per:

  • Identificare e correggere vulnerabilità che potrebbero essere sfruttate da malintenzionati
  • Verificare l’efficacia delle misure di sicurezza esistenti
  • Soddisfare requisiti di compliance come GDPR, PCI DSS, HIPAA, ecc.
  • Mantenere la fiducia di clienti e partner dimostrando un impegno proattivo verso la sicurezza

Naturalmente, i pen test in produzione devono essere pianificati e eseguiti con estrema cura per evitare disservizi o danni. È fondamentale lavorare con tester professionisti e applicare rigorose misure di controllo.

Non Trascurare Sviluppo e Collaudo

Sebbene l’ambiente di produzione sia la priorità, trascurare sviluppo e collaudo può portare a lacune di sicurezza che si propagano lungo tutto il ciclo di vita del software. Vulnerabilità non rilevate in fase di sviluppo o collaudo possono rendere i sistemi di produzione facili bersagli per gli attaccanti.

I vantaggi del penetration testing negli ambienti di sviluppo e collaudo includono:

  • Identificazione precoce delle vulnerabilità, quando sono meno costose da correggere
  • Riduzione del rischio di introdurre vulnerabilità nell’ambiente di produzione
  • Sensibilizzazione degli sviluppatori sulle best practice di sicurezza
  • Verifica dell’efficacia dei controlli di sicurezza prima del deployment

Solitamente, i pen test in sviluppo e collaudo sono meno invasivi e più frequenti rispetto a quelli in produzione. Strumenti di scansione delle vulnerabilità e test di sicurezza automatizzati possono essere integrati nei processi di Continuous Integration/Continuous Deployment (CI/CD) per un monitoraggio costante.

Un Approccio Olistico al Penetration Testing

Idealmente, il penetration testing dovrebbe essere parte di una strategia di sicurezza informatica olistica che abbraccia tutti gli ambienti e i livelli dell’infrastruttura IT. Oltre agli ambienti di sviluppo, collaudo e produzione, considera di includere nel piano di pen testing:

  • Reti e infrastruttura: switch, router, firewall, server, endpoint, ecc.
  • Applicazioni web e mobile
  • Servizi cloud e virtuali
  • Dispositivi IoT e OT (Operational Technology)
  • Ambienti di lavoro remoto e BYOD (Bring Your Own Device)

Un approccio completo aiuta a identificare vulnerabilità che potrebbero essere trascurate concentrandosi solo su ambienti specifici. Consente inoltre di testare la resilienza complessiva dell’organizzazione di fronte a diversi vettori di attacco.

Collaborare con Professionisti della Sicurezza

Eseguire penetration test efficaci richiede competenze, esperienza e strumenti specializzati. Mentre alcuni test di base possono essere condotti internamente, è altamente consigliabile collaborare con professionisti della sicurezza esterni per pen test completi. I vantaggi includono:

  • Obiettività e prospettiva esterna, non vincolata da “bias” interni
  • Competenze ed esperienza specifiche nella conduzione di pen test
  • Accesso a strumenti e risorse all’avanguardia
  • Conformità agli standard etici e legali
  • Capacità di stare al passo con le minacce in continua evoluzione

Nel selezionare un fornitore di pen test, valuta fattori come reputazione, certificazioni (es. OSCP, CREST), esperienza nel tuo settore e servizi post-test come supporto alla remediation.

Conclusione

In un panorama di minacce informatiche in continua evoluzione, il penetration testing è uno strumento indispensabile per identificare e mitigare i rischi in modo proattivo. Dando priorità all’ambiente di produzione, senza trascurare sviluppo e collaudo, le organizzazioni possono rafforzare in modo significativo la propria postura di cybersecurity.

Ricorda che il pen testing non è una soluzione “silver bullet”, ma parte di una strategia di sicurezza a 360 gradi che include anche formazione sulla security awareness, monitoraggio continuo, incident response e aggiornamenti regolari. Con il giusto approccio, il pen testing può fare una differenza sostanziale nel proteggere i tuoi asset digitali più preziosi.

Useful links:

Condividi


RSS

Piu’ articoli…

Categorie …

Tags

RSS CSIRT

RSS darkreading

RSS Full Disclosure

  • BACKDOOR.WIN32.DUMADOR.C / Remote Stack Buffer Overflow (SEH) Aprile 19, 2024
    Posted by malvuln on Apr 19Discovery / credits: Malvuln (John Page aka hyp3rlinx) (c) 2024 Original source: https://malvuln.com/advisory/6cc630843cabf23621375830df474bc5.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Dumador.c Vulnerability: Remote Stack Buffer Overflow (SEH) Description: The malware runs an FTP server on TCP port 10000. Third-party adversaries who can reach the server can send a specially […]
  • SEC Consult SA-20240418-0 :: Broken authorization in Dreamehome app Aprile 19, 2024
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab via Fulldisclosure on Apr 19SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20240418-0 > ======================================================================= title: Broken authorization product: Dreamehome app vulnerable version:
  • MindManager 23 - full disclosure Aprile 19, 2024
    Posted by Pawel Karwowski via Fulldisclosure on Apr 19Resending! Thank you for your efforts. GitHub - pawlokk/mindmanager-poc: public disclosure Affected application: MindManager23_setup.exe Platform: Windows Issue: Local Privilege Escalation via MSI installer Repair Mode (EXE hijacking race condition) Discovered and reported by: Pawel Karwowski and Julian Horoszkiewicz (Eviden Red Team) Proposed mitigation:...
  • CVE-2024-31705 Aprile 14, 2024
    Posted by V3locidad on Apr 14CVE ID: CVE-2024-31705 Title : RCE to Shell Commands" Plugin / GLPI Shell Command Management Interface Affected Product : GLPI - 10.X.X and last version Description: An issue in Infotel Conseil GLPI v.10.X.X and after allows a remote attacker to execute arbitrary code via the insufficient validation of user-supplied input. […]
  • SEC Consult SA-20240411-0 :: Database Passwords in Server Response in Amazon AWS Glue Aprile 14, 2024
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab via Fulldisclosure on Apr 14SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20240411-0 > ======================================================================= title: Database Passwords in Server Response product: Amazon AWS Glue vulnerable version: until 2024-02-23 fixed version: as of 2024-02-23 CVE number: - impact: medium homepage: https://aws.amazon.com/glue/ found:...
  • [KIS-2024-03] Invision Community <= 4.7.16 (toolbar.php) Remote Code Execution Vulnerability Aprile 11, 2024
    Posted by Egidio Romano on Apr 10------------------------------------------------------------------------------ Invision Community
  • [KIS-2024-02] Invision Community <= 4.7.15 (store.php) SQL Injection Vulnerability Aprile 11, 2024
    Posted by Egidio Romano on Apr 10-------------------------------------------------------------------- Invision Community
  • Multiple Issues in concretecmsv9.2.7 Aprile 11, 2024
    Posted by Andrey Stoykov on Apr 10# Exploit Title: Multiple Web Flaws in concretecmsv9.2.7 # Date: 4/2024 # Exploit Author: Andrey Stoykov # Version: 9.2.7 # Tested on: Ubuntu 22.04 # Blog: http://msecureltd.blogspot.com Verbose Error Message - Stack Trace: 1. Directly browse to edit profile page 2. Error should come up with verbose stack trace […]
  • OXAS-ADV-2024-0001: OX App Suite Security Advisory Aprile 11, 2024
    Posted by Martin Heiland via Fulldisclosure on Apr 10Dear subscribers, We&apos;re sharing our latest advisory with you and like to thank everyone who contributed in finding and solving those vulnerabilities. Feel free to join our bug bounty programs for OX App Suite, Dovecot and PowerDNS at YesWeHack. This advisory has also been published at https://documentation.open-xchange.com/appsuite/security/advisories/html/2024/oxas-adv-2024-0001.html. […]
  • Trojan.Win32.Razy.abc / Insecure Permissions (In memory IPC) Aprile 11, 2024
    Posted by malvuln on Apr 10Discovery / credits: Malvuln (John Page aka hyp3rlinx) (c) 2024 Original source: https://malvuln.com/advisory/0eb4a9089d3f7cf431d6547db3b9484d.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Trojan.Win32.Razy.abc Vulnerability: Insecure Permissions (In memory IPC) Family: Razy Type: PE32 MD5: 0eb4a9089d3f7cf431d6547db3b9484d SHA256: 3d82fee314e7febb8307ccf8a7396b6dd53c7d979a74aa56f3c4a6d0702fd098 Vuln ID: MVID-2024-0678...

Customers

Newsletter

{subscription_form_2}