Advanced Persistent Threat (APT) Piergiorgio Venuti

Advanced Persistent Threat (APT): perché rendono inutile il sistema di backup e la falsa percezione di sicurezza

Estimated reading time: 5 minuti

Indice

  1. Introduzione
  2. Cos’è un’Advanced Persistent Threat (APT)
  3. Perché gli APT rendono inutile il sistema di backup
  4. La falsa percezione di sicurezza
  5. I migliori modi per contrastare gli APT
  6. Come il servizio di SOCaaS di Secure Online Desktop aumenta la sicurezza aziendale
  7. Conclusione

Introduzione

La sicurezza informatica è un’area di crescente importanza per le aziende, a causa dell’aumento della frequenza e della complessità degli attacchi informatici. Una delle minacce più insidiose è rappresentata dalle Advanced Persistent Threats (APT), che possono penetrare nei sistemi informatici e rimanere nascoste per lunghi periodi, causando danni a lungo termine. In questo articolo, analizzeremo gli APT e il motivo per cui rendono inutile il sistema di backup e danno origine a una falsa percezione di sicurezza. Inoltre, discuteremo i migliori modi per contrastare gli APT e come il servizio di SOCaaS (Security Operations Center as a Service) di Secure Online Desktop può aumentare la sicurezza aziendale.

Cos’è un’Advanced Persistent Threat (APT)

Un’Advanced Persistent Threat (APT) è un tipo di attacco informatico in cui un attore malevolo penetra in un sistema informatico e vi rimane nascosto per lunghi periodi, spesso mesi o anni. Gli APT sono realizzati da gruppi di hacker altamente qualificati e ben finanziati, spesso legati a governi stranieri o a organizzazioni criminali. L’obiettivo principale di un APT è quello di rubare informazioni sensibili, quali segreti commerciali, proprietà intellettuale e dati personali, o di causare danni ai sistemi informatici dell’organizzazione bersaglio.

Gli APT si distinguono dagli altri tipi di attacchi informatici per la loro persistenza e la loro capacità di rimanere nascosti. Gli attori malevoli utilizzano una serie di tecniche avanzate, tra cui l’uso di malware sofisticati, l’exploit di vulnerabilità zero-day e l’ingegneria sociale, per penetrare nei sistemi informatici e mascherare la loro presenza.

Perché gli APT rendono inutile il sistema di backup

I sistemi di backup sono spesso considerati una delle principali misure di sicurezza per proteggere i dati aziendali. Tuttavia, gli APT possono rendere inutile il sistema di backup in diversi modi:

  1. Compromissione del backup: gli attori malevoli possono infiltrarsi nei sistemi di backup e infettarli con malware, rendendo inutilizzabili i dati di backup al momento del ripristino.
  2. Eliminazione o modifica dei backup: gli APT possono essere progettati per eliminare o modificare i dati di backup, compromettendo la loro integrità e rendendo impossibile il ripristino dei dati.
  3. Ripristino di sistemi compromessi: in caso di attacco APT, il ripristino dei dati da un backup potrebbe non essere sufficiente a rimuovere la minaccia, poiché gli attori malevoli potrebbero aver già compromesso il sistema operativo o altre componenti critiche del sistema informatico.

La falsa percezione di sicurezza

Gli APT possono dare origine a una falsa percezione disicurezza per diverse ragioni:

  1. Lungo periodo di latenza: gli APT sono progettati per rimanere nascosti nel sistema per lunghi periodi, il che significa che un’organizzazione potrebbe non essere a conoscenza della compromissione, credendo erroneamente di essere protetta.
  2. Invisibilità ai sistemi di sicurezza tradizionali: gli attacchi APT utilizzano tecniche avanzate per evitare il rilevamento da parte dei sistemi di sicurezza tradizionali, come antivirus e firewall. Ciò può portare le organizzazioni a credere di essere al sicuro, mentre in realtà sono sotto attacco.
  3. Fiducia eccessiva nei sistemi di backup: come spiegato in precedenza, gli APT possono rendere inutile il sistema di backup, ma molte organizzazioni si affidano comunque a questi sistemi come misura principale di protezione dei dati. Questa fiducia eccessiva nei backup può portare a una falsa sensazione di sicurezza.

I migliori modi per contrastare gli APT

Sebbene gli APT siano minacce insidiose, ci sono diverse strategie che le organizzazioni possono adottare per contrastarli:

  1. Formazione e sensibilizzazione degli utenti: educare gli utenti su come riconoscere e prevenire gli attacchi informatici è fondamentale per ridurre il rischio di compromissione da parte degli APT.
  2. Monitoraggio e analisi del traffico di rete: l’implementazione di soluzioni di monitoraggio del traffico di rete può aiutare a identificare anomalie e attività sospette che potrebbero indicare la presenza di un APT.
  3. Gestione delle vulnerabilità: è importante mantenere aggiornati i sistemi e le applicazioni, correggendo tempestivamente le vulnerabilità per ridurre il rischio di attacchi APT.
  4. Segmentazione della rete: la segmentazione della rete può limitare la diffusione di un APT all’interno dell’infrastruttura IT, impedendo agli attori malevoli di accedere a dati critici.
  5. Implementazione di soluzioni avanzate di sicurezza: l’utilizzo di soluzioni di sicurezza avanzate, come i sistemi di rilevamento e prevenzione delle intrusioni (IDPS) e l’intelligence sulle minacce, può contribuire a rilevare e bloccare gli attacchi APT.

Come il servizio di SOCaaS di Secure Online Desktop aumenta la sicurezza aziendale

Il servizio di SOCaaS (Security Operations Center as a Service) di Secure Online Desktop offre una soluzione completa per il rilevamento, la prevenzione e la risposta agli attacchi APT. Il SOCaaS combina tecnologie avanzate di sicurezza con l’esperienza di esperti di sicurezza informatica per monitorare continuamente l’infrastruttura IT dell’organizzazione e individuare rapidamente eventuali minacce. I principali vantaggi del servizio di SOCaaS includono:

  1. Monitoraggio 24/7: il SOCaaS garantisce un monitoraggio costante dell’infrastruttura IT, rilevando e rispondendo tempestivamente alle minacce.
  2. Intelligence sulle minacce: il servizio di SOCaaS utilizza informazioni sui rischi e sulle minacce per identificare rapidamente potenziali attacchi APT e altre minacce avanzate.
  3. Gestione degli incidenti di sicurezza: in caso di compromissione da parte di un APT, il team di esperti di sicurezza del SOCaaS è in grado di gestire l’incidente, coordinando la risposta e il recupero.
  4. Riduzione dei costi: l’adozione del servizio di SOCaaS consente alle organizzazioni di ridurre i costi associati alla gestione della sicurezza interna, come l’assunzione e la formazione di personale specializzato.

Conclusione

Le Advanced Persistent Threats rappresentano una minaccia significativa per le organizzazioni, in grado di compromettere la sicurezza informatica e causare danni a lungo termine. Gli APT possono rendere inutile il sistema di backup e dare origine a una falsa percezione di sicurezza, ma ci sono diverse strategie che le organizzazioni possono adottare per contrastarli, come la formazione degli utenti, il monitoraggio del traffico di rete, la gestione delle vulnerabilità, la segmentazione della rete e l’implementazione di soluzioni avanzate di sicurezza.
Il servizio di SOCaaS di Secure Online Desktop offre una soluzione completa per la prevenzione e la risposta agli attacchi APT, offrendo un monitoraggio costante dell’infrastruttura IT e l’utilizzo di tecnologie avanzate di sicurezza per identificare e rispondere tempestivamente alle minacce. Adottare una soluzione di sicurezza come il SOCaaS può aiutare le organizzazioni a proteggere i propri dati e a ridurre i costi associati alla gestione della sicurezza interna.

Useful links:

Condividi


RSS

Piu’ articoli…

Categorie …

Tags

RSS CSIRT

RSS darkreading

RSS Full Disclosure

  • BACKDOOR.WIN32.DUMADOR.C / Remote Stack Buffer Overflow (SEH) Aprile 19, 2024
    Posted by malvuln on Apr 19Discovery / credits: Malvuln (John Page aka hyp3rlinx) (c) 2024 Original source: https://malvuln.com/advisory/6cc630843cabf23621375830df474bc5.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Dumador.c Vulnerability: Remote Stack Buffer Overflow (SEH) Description: The malware runs an FTP server on TCP port 10000. Third-party adversaries who can reach the server can send a specially […]
  • SEC Consult SA-20240418-0 :: Broken authorization in Dreamehome app Aprile 19, 2024
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab via Fulldisclosure on Apr 19SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20240418-0 > ======================================================================= title: Broken authorization product: Dreamehome app vulnerable version:
  • MindManager 23 - full disclosure Aprile 19, 2024
    Posted by Pawel Karwowski via Fulldisclosure on Apr 19Resending! Thank you for your efforts. GitHub - pawlokk/mindmanager-poc: public disclosure Affected application: MindManager23_setup.exe Platform: Windows Issue: Local Privilege Escalation via MSI installer Repair Mode (EXE hijacking race condition) Discovered and reported by: Pawel Karwowski and Julian Horoszkiewicz (Eviden Red Team) Proposed mitigation:...
  • CVE-2024-31705 Aprile 14, 2024
    Posted by V3locidad on Apr 14CVE ID: CVE-2024-31705 Title : RCE to Shell Commands" Plugin / GLPI Shell Command Management Interface Affected Product : GLPI - 10.X.X and last version Description: An issue in Infotel Conseil GLPI v.10.X.X and after allows a remote attacker to execute arbitrary code via the insufficient validation of user-supplied input. […]
  • SEC Consult SA-20240411-0 :: Database Passwords in Server Response in Amazon AWS Glue Aprile 14, 2024
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab via Fulldisclosure on Apr 14SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20240411-0 > ======================================================================= title: Database Passwords in Server Response product: Amazon AWS Glue vulnerable version: until 2024-02-23 fixed version: as of 2024-02-23 CVE number: - impact: medium homepage: https://aws.amazon.com/glue/ found:...
  • [KIS-2024-03] Invision Community <= 4.7.16 (toolbar.php) Remote Code Execution Vulnerability Aprile 11, 2024
    Posted by Egidio Romano on Apr 10------------------------------------------------------------------------------ Invision Community
  • [KIS-2024-02] Invision Community <= 4.7.15 (store.php) SQL Injection Vulnerability Aprile 11, 2024
    Posted by Egidio Romano on Apr 10-------------------------------------------------------------------- Invision Community
  • Multiple Issues in concretecmsv9.2.7 Aprile 11, 2024
    Posted by Andrey Stoykov on Apr 10# Exploit Title: Multiple Web Flaws in concretecmsv9.2.7 # Date: 4/2024 # Exploit Author: Andrey Stoykov # Version: 9.2.7 # Tested on: Ubuntu 22.04 # Blog: http://msecureltd.blogspot.com Verbose Error Message - Stack Trace: 1. Directly browse to edit profile page 2. Error should come up with verbose stack trace […]
  • OXAS-ADV-2024-0001: OX App Suite Security Advisory Aprile 11, 2024
    Posted by Martin Heiland via Fulldisclosure on Apr 10Dear subscribers, We&apos;re sharing our latest advisory with you and like to thank everyone who contributed in finding and solving those vulnerabilities. Feel free to join our bug bounty programs for OX App Suite, Dovecot and PowerDNS at YesWeHack. This advisory has also been published at https://documentation.open-xchange.com/appsuite/security/advisories/html/2024/oxas-adv-2024-0001.html. […]
  • Trojan.Win32.Razy.abc / Insecure Permissions (In memory IPC) Aprile 11, 2024
    Posted by malvuln on Apr 10Discovery / credits: Malvuln (John Page aka hyp3rlinx) (c) 2024 Original source: https://malvuln.com/advisory/0eb4a9089d3f7cf431d6547db3b9484d.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Trojan.Win32.Razy.abc Vulnerability: Insecure Permissions (In memory IPC) Family: Razy Type: PE32 MD5: 0eb4a9089d3f7cf431d6547db3b9484d SHA256: 3d82fee314e7febb8307ccf8a7396b6dd53c7d979a74aa56f3c4a6d0702fd098 Vuln ID: MVID-2024-0678...

Customers

Newsletter

{subscription_form_2}