shoulder surfing cafeteria Giacomo Lanzi

Prevenire il shoulder surfing e il furto di credenziali aziendali

Estimated reading time: 8 minuti

Il termine shoulder surfing potrebbe evocare immagini di un piccolo surfista sul colletto della camicia, ma la realtà è molto più banale. Il shoulder surfing è una pratica criminale in cui i ladri rubano i tuoi dati personali spiandoti alle spalle mentre usi un laptop, un bancomat, un terminale pubblico o un altro dispositivo elettronico in mezzo ad altre persone. Questa tecnica di ingegneria sociale è un rischio per la sicurezza che può causare un disastro, soprattutto se le credenziali rubate sono aziendali.

La pratica precede di molto gli smartphone e i computer portatili e risale a quando i criminali spiavano gli utenti dei telefoni a pagamento mentre inserivano i numeri delle loro carte telefoniche per effettuare le chiamate. Sono passati molti anni, ma la tecnica non è andata perduta. I ladri si sono evoluti ad osservare le loro vittime mentre digitano il PIN del bancomat, pagano alle pompe self-service di benzina o anche mentre fanno un acquisto in un negozio.

Una tecnica analoga per il furto di bancomat prevede un dispositivo di clonazione della carta sovrapposto alla buchetta di inserimento della tessera e una microcamera per spiare il codice. La microcamera compie un atto di shoulder surfing. La clonazione della carta è essenziale perché senza un dispositivo fisico il pin è inutile, ma nel caso di credenziali di account in rete, non serve altro che user e password.

Shoulder surfing ATM

Quando avviene il Shoulder Surfing?

Il shoulder surfing può avvenire ogni volta che si condividono informazioni personali in un luogo pubblico. Questo include non solo i bancomat, le caffetterie e i dispositivi POS in generale, ma praticamente qualsiasi luogo in cui si utilizza un computer portatile, un tablet o uno smartphone per inserire dati personali.

I shoulder surfer di vecchia data, di solito, non incombevano alle spalle delle loro vittime per scrutare le informazioni. Invece, stavano a distanza di sicurezza e interpretavano i movimenti delle dita mentre le persone digitavano i numeri sulla tastiera. Allo stesso modo, gli ingegneri sociali di oggi spesso sfuggono all’attenzione mentre osservano tranquillamente gli altri in luoghi pubblici come le sale d’attesa degli aeroporti e i centri commerciali, i bar e i ristoranti, sui treni o le metropolitane, o ovunque ci sia gente, a dire il vero.

Addirittura, i più sofisticati criminali di oggi osservano da più lontano, nascosti alla vista. Potrebbero usare un binocolo, delle microcamere o la fotocamera del loro telefono o tablet per scrutare il tuo schermo o la tua tastiera. Non solo, potrebbero origliare mentre leggi i numeri delle carte di credito al telefono o fornisci altre informazioni sensibili. I criminali potrebbero anche scattare foto, fare un video o registrare l’audio delle informazioni e poi interpretarle in seguito.

Qualunque sia la metodologia, è chiaro che la tecnologia non solo ci ha aiutato a essere più connessi e poterci permettere di pagare un frappuccino con il cellulare, ma ci ha anche esposto a rischi per la nostra sicurezza. Quando si tratta di dati sensibili, soprattutto se c’è di mezzo un account aziendale da cui si potrebbe accedere a dati sensibili di altre persone, non si deve mai abbassare la guardia, le conseguenze potrebbero essere molto gravi.

Come avviene comunemente il shoulder surfing

Prima di suggerire alcuni metodi per prevenire il shoulder surfing da mettere in pratica immediatamente, vediamo ancora più nel dettaglio come potrebbe avvenire un furto di credenziale con questa tecnica.

Al bar o in caffetteria

Sei al bar di un ristorante affollato in attesa di un amico. Per passare il tempo, ti colleghi a Instagram. Sfortunatamente, non ti accorgi che la persona bloccata in fila accanto a te sta guardando la tua password, che si dà il caso sia la stessa che usi per il tuo account e-mail e il tuo conto bancario.

Al bancomat

Stai prendendo contanti a un bancomat. Ti senti al sicuro perché l’uomo dopo di te in fila è ad almeno 3 metri di distanza e sta addirittura guardando il suo telefono. In realtà, sta registrando i movimenti delle tue dita sul suo telefono e li decifrerà successivamente per ottenere il tuo numero PIN.

All’aeroporto

Il tuo volo è in ritardo, quindi prendi il portatile e ammazzi il tempo andando a leggere un paio di e-mail di lavoro, così per restare aggiornato. Accedi al sito aziendale per leggere la posta e inserisci nome utente e password. Sei così tranquillo, che non vedi la donna a pochi posti di distanza che fissa lo schermo mentre inserisci i dati.

shoulder surfing cafeteria

Quali sono le conseguenze del Shoulder Surfing?

Usare i dati della tua carta di credito per fare acquisti fraudolenti è solo un esempio dei danni che potresti subire se rimani vittima di shoulder surfing. Più informazioni personali un criminale cattura su di te, più le conseguenze possono essere gravi per il tuo conto bancario e la tua salute finanziaria.

Un grave caso di shoulder surfing può esporti al furto di identità. Un criminale potrebbe usare le tue informazioni personali, come il tuo codice fiscale, per aprire nuovi conti correnti, richiedere prestiti, affittare appartamenti o fare domanda di lavoro sotto il tuo nome. Un ladro d’identità potrebbe mettere le mani sul tuo rimborso delle tasse, usare il tuo nome per ottenere cure mediche o anche richiedere agevolazioni statali a tuo nome. Potrebbe anche commettere un crimine e fornire le tue informazioni personali quando interrogato dalla polizia, lasciandoti con una fedina penale sporca o un mandato d’arresto.

Ovviamente, se hai il sospetto che questo sia avvenuto, dovrai recarti immediatamente alla polizia, bloccare i conti correnti e avvisare la banca. Se azioni fraudolente sono già state effettuate a tuo nome, dovrai forse dimostrare che non tu non c’entri.

Le cose si fanno pericolose se i dati trafugati sono quelli di un account aziendale. Infatti, con l’uso di credenziali valide, chiunque potrebbe entrare nel sistema della compagnia e compiere ogni tipo di azione, come raccogliere ulteriori dati, piazzare un malware, avviare un ransomware, trafugare i dati dei clienti e poi venderli online.

Come difendersi dallo shoulder surfing

Si possono individuare due livelli di protezione, il primo è proattivo ed è orientato a evitare che le credenziali siano esposte a malintenzionati, il secondo è attivo e prevede dei software per individuare tentativi di utilizzo delle credenziali rubate.

Shoulder surfing

Difendersi proattivamente

Se proprio non puoi evitare di inserire dati sensibili nel laptop, tablet o smartphone in un luogo pubblico, dovresti seguire le contromisure elencate di seguito.

Suggerimento 1: Prima di inserire qualsiasi dato sensibile, trova un posto sicuro. Assicurati di sederti con le spalle al muro. Questo è il modo migliore per proteggersi da occhi indiscreti. Evita i mezzi pubblici, le poltroncine centrali di una sala d’aspetto e luoghi in cui c’è molto via vai di persone.

Suggerimento 2: Utilizzare un filtro per la privacy. Questo dispositivo hardware è un semplice foglio traslucido polarizzato che viene messo sopra lo schermo. Farà sembrare il tuo schermo nero a chiunque lo guardi da un qualunque angolo innaturale. Questo renderà molto più difficile per le persone non autorizzate vedere le tue informazioni.

Suggerimento 3: L’autenticazione a due fattori richiede che un utente provi la propria identità utilizzando due diversi componenti di autenticazione che sono indipendenti l’uno dall’altro. Poiché questo tipo di autenticazione passa solo quando entrambi i fattori sono utilizzati correttamente in combinazione, la misura di sicurezza è particolarmente efficace. Per esempio, questo metodo è spesso usato molto nell’online banking. Sono molti i servizi che permettono di usare anche il tuo cellulare come secondo fattore di autenticazione. Questo avviene tramite apposite app.

Suggerimento 4: un’altra soluzione è quella di utilizzare un gestore di password. Così facendo, non dovrai più inserire ogni password individualmente sul tuo computer. Il gestore di password lo farà per te dopo che avrai inserito la tua password principale. Questo impedisce a persone non autorizzate di usare la tua tastiera per determinare la vera password, a condizione che tu protegga adeguatamente la tua password principale.

Difendersi attivamente con un SOC e l’analisi del comportamento

Adesso immaginiamo che le credenziali dell’account aziendale siano state rubate. A questo punto solo un sistema di controllo del comportamento può far scattare un allarme e quindi il blocco dell’utente prima che ci siano dei danni.

Infatti, usando credenziali corrette, un normale SIEM tradizionale, non farebbe scattare nessun allarme. Per un SIEM di vecchia generazione l’accesso sarebbe legittimo, perché le credenziali risultano giuste. Il malintenzionato avrebbe libero accesso indisturbato al sistema e potrebbe proseguire con il suo piano di attacco.

Con il servizio SOCaaS di SOD, invece, l’accesso anomalo farebbe scattare un allarme. Il SOC messo a disposizione è equipaggiato con un Next Generation SIEM e un sistema UEBA di controllo del comportamento. Questo significa che ogni scostamento dal comportamento usuale dell’utente, verrebbe segnalato.

Nel caso del furto di credenziali, come avviene con il shoulder surfing, l’accesso effettuato dal malintenzionato farebbe quindi scattare un allarme perché ci sarebbe qualcosa che non torna. Per esempio il login potrebbe avvenire in fasce orarie anomale, in un’altra nazione/IP, da un sistema operativo differente, etc.

Conclusioni

Il shoulder surfing è una tecnica dell’ingegneria sociale che punta sulla disattenzione dell’utente mentre inserisce dati sensibili in un sistema. Nel caso in cui le credenziali aziendali di un utente venissero rubate, l’unica cosa davvero efficiente è avere un sistema che analizzi il comportamento degli utenti e segnali ogni volta che azioni sospette vengono individuate.

Se vuoi sapere nel dettaglio come un SOC e un sistema UEBA possano aiutare la tua azienda a difendersi da attacchi di ingegneria sociale, non esitare a contattarci, saremo lieti di rispondere a ogni domanda.

Useful links:

Condividi


RSS

Piu’ articoli…

Categorie …

Tags

RSS CSIRT

  • Rilevato sfruttamento in rete di vulnerabilità relative a OpenMetadata (AL03/240422/CSIRT-ITA) Aprile 22, 2024
    Rilevato lo sfruttamento attivo in rete di 5 vulnerabilità, di cui una con gravità “critica” - già sanate dal vendor il 15 marzo 2024 - in carichi di lavoro Kubernetes di OpenMetadata, piattaforma open source per la gestione di metadati. Tali vulnerabilità, potrebbero consentire a un attaccante remoto l'esecuzione arbitraria di codice sulle istanze Kubernetes […]
  • Sanate vulnerabilità su GitHub Enterprise Server (AL02/240422/CSIRT-ITA) Aprile 22, 2024
    Rilasciati aggiornamenti di sicurezza che risolvono 3 vulnerabilità, di cui 2 con gravità “alta”, in GitHub Enterprise Server, nota piattaforma di sviluppo software.
  • Vulnerabilità in prodotti Solarwinds (AL01/240422/CSIRT-ITA) Aprile 22, 2024
    Rilevate 2 vulnerabilità di sicurezza con gravità “alta” in SolarWinds Platform. Tali vulnerabilità, qualora sfruttate, potrebbero permettere l’accesso e la manipolazione di informazioni sensibili sui dispositivi interessati.
  • La Settimana Cibernetica del 21 aprile 2024 Aprile 22, 2024
    Scarica il riepilogo delle notizie pubblicate dallo CSIRT Italia dal 15 al 21 aprile 2024.
  • Risolte vulnerabilità in prodotti Cisco (AL04/240418/CSIRT-ITA) - Aggiornamento Aprile 19, 2024
    Aggiornamenti di sicurezza Cisco sanano alcune vulnerabilità, di cui 2 con gravità “alta” presenti nell'interfaccia web e nell'interfaccia a linea di comando (CLI) del prodotto Integrated Management Controller (IMC). Tali vulnerabilità qualora sfruttate, potrebbero permettere l’esecuzione di codice arbitrario sui dispositivi interessati.
  • Aggiornamenti per ClamAV (AL05/240418/CSIRT-ITA) Aprile 18, 2024
    Sanata vulnerabilità di sicurezza con gravità “alta” in ClamAV, noto software antivirus multipiattaforma open source. Tale vulnerabilità, qualora sfruttata, potrebbe permettere la compromissione della disponibilità del servizio sui dispositivi interessati.
  • Ivanti: risolte vulnerabilità nel prodotto Avalanche (AL03/240418/CSIRT-ITA) Aprile 18, 2024
    Ivanti rilascia aggiornamenti di sicurezza che risolvono molteplici vulnerabilità, di cui 2 con gravità “critica” e 17 con gravità “alta”, relative al prodotto Avalanche, soluzione di Enterprise Mobility Management (EMM) e Mobile Device Management (MDM). Tali vulnerabilità, qualora sfruttate, potrebbero permettere, a un utente malintenzionato remoto, la compromissione della disponibilità del servizio, l’esecuzione di codice […]
  • Rilevate vulnerabilità in prodotti Atlassian (AL02/240418/CSIRT-ITA) Aprile 18, 2024
    Aggiornamenti di sicurezza sanano 6 vulnerabilità con gravità “alta”, presenti nei propri prodotti.
  • Vulnerabilità in prodotti Solarwinds (AL01/240418/CSIRT-ITA) Aprile 18, 2024
    Rilevata vulnerabilità di sicurezza in SolarWinds Serv-U, software per il trasferimento dati sicuro (Managed File Transfer - MFT). Tale vulnerabilità, qualora sfruttata da un utente remoto con privilegi elevati, potrebbe permettere l’esecuzione di codice arbitrario sui sistemi interessati, attraverso la manipolazione impropria dei percorsi delle directory (Directory Traversal)
  • Aggiornamenti di sicurezza per prodotti Mozilla (AL03/240417/CSIRT-ITA) Aprile 17, 2024
    Mozilla ha rilasciato aggiornamenti di sicurezza per sanare alcune vulnerabilità, di cui 9 con gravità “alta”, nei prodotti Firefox e Firefox ESR.

RSS darkreading

RSS Full Disclosure

  • BACKDOOR.WIN32.DUMADOR.C / Remote Stack Buffer Overflow (SEH) Aprile 19, 2024
    Posted by malvuln on Apr 19Discovery / credits: Malvuln (John Page aka hyp3rlinx) (c) 2024 Original source: https://malvuln.com/advisory/6cc630843cabf23621375830df474bc5.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Dumador.c Vulnerability: Remote Stack Buffer Overflow (SEH) Description: The malware runs an FTP server on TCP port 10000. Third-party adversaries who can reach the server can send a specially […]
  • SEC Consult SA-20240418-0 :: Broken authorization in Dreamehome app Aprile 19, 2024
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab via Fulldisclosure on Apr 19SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20240418-0 > ======================================================================= title: Broken authorization product: Dreamehome app vulnerable version:
  • MindManager 23 - full disclosure Aprile 19, 2024
    Posted by Pawel Karwowski via Fulldisclosure on Apr 19Resending! Thank you for your efforts. GitHub - pawlokk/mindmanager-poc: public disclosure Affected application: MindManager23_setup.exe Platform: Windows Issue: Local Privilege Escalation via MSI installer Repair Mode (EXE hijacking race condition) Discovered and reported by: Pawel Karwowski and Julian Horoszkiewicz (Eviden Red Team) Proposed mitigation:...
  • CVE-2024-31705 Aprile 14, 2024
    Posted by V3locidad on Apr 14CVE ID: CVE-2024-31705 Title : RCE to Shell Commands" Plugin / GLPI Shell Command Management Interface Affected Product : GLPI - 10.X.X and last version Description: An issue in Infotel Conseil GLPI v.10.X.X and after allows a remote attacker to execute arbitrary code via the insufficient validation of user-supplied input. […]
  • SEC Consult SA-20240411-0 :: Database Passwords in Server Response in Amazon AWS Glue Aprile 14, 2024
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab via Fulldisclosure on Apr 14SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20240411-0 > ======================================================================= title: Database Passwords in Server Response product: Amazon AWS Glue vulnerable version: until 2024-02-23 fixed version: as of 2024-02-23 CVE number: - impact: medium homepage: https://aws.amazon.com/glue/ found:...
  • [KIS-2024-03] Invision Community <= 4.7.16 (toolbar.php) Remote Code Execution Vulnerability Aprile 11, 2024
    Posted by Egidio Romano on Apr 10------------------------------------------------------------------------------ Invision Community
  • [KIS-2024-02] Invision Community <= 4.7.15 (store.php) SQL Injection Vulnerability Aprile 11, 2024
    Posted by Egidio Romano on Apr 10-------------------------------------------------------------------- Invision Community
  • Multiple Issues in concretecmsv9.2.7 Aprile 11, 2024
    Posted by Andrey Stoykov on Apr 10# Exploit Title: Multiple Web Flaws in concretecmsv9.2.7 # Date: 4/2024 # Exploit Author: Andrey Stoykov # Version: 9.2.7 # Tested on: Ubuntu 22.04 # Blog: http://msecureltd.blogspot.com Verbose Error Message - Stack Trace: 1. Directly browse to edit profile page 2. Error should come up with verbose stack trace […]
  • OXAS-ADV-2024-0001: OX App Suite Security Advisory Aprile 11, 2024
    Posted by Martin Heiland via Fulldisclosure on Apr 10Dear subscribers, We&apos;re sharing our latest advisory with you and like to thank everyone who contributed in finding and solving those vulnerabilities. Feel free to join our bug bounty programs for OX App Suite, Dovecot and PowerDNS at YesWeHack. This advisory has also been published at https://documentation.open-xchange.com/appsuite/security/advisories/html/2024/oxas-adv-2024-0001.html. […]
  • Trojan.Win32.Razy.abc / Insecure Permissions (In memory IPC) Aprile 11, 2024
    Posted by malvuln on Apr 10Discovery / credits: Malvuln (John Page aka hyp3rlinx) (c) 2024 Original source: https://malvuln.com/advisory/0eb4a9089d3f7cf431d6547db3b9484d.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Trojan.Win32.Razy.abc Vulnerability: Insecure Permissions (In memory IPC) Family: Razy Type: PE32 MD5: 0eb4a9089d3f7cf431d6547db3b9484d SHA256: 3d82fee314e7febb8307ccf8a7396b6dd53c7d979a74aa56f3c4a6d0702fd098 Vuln ID: MVID-2024-0678...

Customers

Newsletter

{subscription_form_2}