SOAR Giacomo Lanzi

SOAR: coordinazione per la cyber security

Tempo di lettura: 5 min

La tecnologia SOAR (Security Orchestration, Automation and Response) aiuta a coordinare, eseguire e automatizzare le attivita’ tra persone e strumenti, consentendo alle aziende di rispondere rapidamente agli attacchi alla sicurezza informatica. Lo scopo e’ quello di migliorare la loro posizione complessiva in materia di sicurezza. Gli strumenti SOAR utilizzano playbook (strategie e procedure) per automatizzare e coordinare i flussi di lavoro che possono includere strumenti di sicurezza e mansioni manuali.

In che modo SOAR aiuta nel campo della sicurezza?

1. Combinando in un’unica soluzione l’orchestrazione della sicurezza, l’automazione intelligente, la gestione degli incidenti e le indagini interattive.
2. Facilitando la collaborazione dei team e consentendo agli analisti della sicurezza di intraprendere azioni automatiche sugli strumenti in tutto il loro stack di sicurezza.
3. Fornendo ai team un’unica console centralizzata per gestire e coordinare tutti gli aspetti della sicurezza della loro azienda.
4. Ottimizzando la gestione dei casi, incrementando l’efficienza con l’apertura e la chiusura dei ticket per investigare e risolvere gli incidenti.

Perche’ le aziende necessitano di un SOAR?

Le compagnie moderne devono affrontare regolarmente molte sfide e ostacoli, quando di tratta di lotta contro i cyber threat.

Una prima sfida e’ rappresentata da un volume sempre crescente di minacce complesse per la sicurezza. Inoltre, gli strumenti di sicurezza coinvolti molto spesso faticano a parlare tra loro, il che e’ di per se’ un ostacolo fastidioso.

Un cosi’ grande numero di dati e software, non puo’ che significare un numero elevato di allarmi di sicurezza. Infatti, sono troppi i dati di intelligence sulle minacce per consentire ai team di classificare manualmente, assegnare priorita’, indagare e indirizzare le minacce. Inoltre, il lavoro degli addetti alla sicurezza comporta competenze molto specifiche e con l’aumentare della richiesta e’ sempre piu’ complicato trovare un numero sufficiente di addetti alla sicurezza per svolgere il lavoro.

Implementazione del sistema

SOAR aiuta le aziende ad affrontare e superare queste sfide consentendo loro di:

Unificare i sistemi di sicurezza esistenti e centralizzare la raccolta dei dati per ottenere piena visibilita’.
Automatizzare le attivita’ manuali ripetitive e gestire tutti gli aspetti del ciclo di vita degli incidenti.
Definire l’analisi degli incidenti e le procedure di risposta, oltre a sfruttare i playbook di sicurezza per dare priorita’, standardizzare e scalare i processi di risposta in modo coerente, trasparente e documentato.
Identificare e assegnare in modo rapido e preciso i livelli di gravita’ degli incidenti agli allarmi di sicurezza e supportare la riduzione degli allarmi.
Identificare e gestire meglio le potenziali vulnerabilita’ in modo proattivo e reattivo.
Indirizzare ogni incidente di sicurezza all’analista piu’ adatto a rispondere, fornendo al contempo funzioni che supportino una facile collaborazione e il monitoraggio tra i team e i loro membri.

Applicazioni pratiche

Qui di seguito ho voluto elencare qualche esempio pratico di come un SOAR entra in azione in determinate situazioni.

Gestione degli allarmi

Arricchimento e risposta del phishing: attivazione di un playbook. Automazione ed esecuzione di attivita’ ripetibili come il triage e il coinvolgimento degli utenti interessati. Applicare un’estrazione e il controllo degli indicatori per l’identificazione di falsi positivi, in seguito richiedere l’attivazione del SOC per una risposta standardizzata su scala.

Infezione da malware degli endpoint: estrazione dei dati di alimentazione delle minacce dagli strumenti degli endpoint e arricchimento di tali dati. Riferimenti incrociati tra i file recuperati e gli hash con una soluzione SIEM, notifica agli analisti, pulizia degli endpoint e aggiornamento del database degli strumenti.

Login utente non riuscito: dopo un numero predefinito di tentativi di login utente non riusciti, valutando se un login non riuscito e’ autentico o dannoso, un SOAR puo’ attivarsi in vari modi. Innanzi tutto mettendo in pratica un playbook, coinvolgendo gli utenti e in seguito analizzando le loro risposte, poi anche le password in scadenza e infine chiudendo il processo.

Caccia alle minacce

Indicatori di compromesso (IOC): prendere ed estrarre gli indicatori dai file, rintracciare gli indicatori attraverso gli strumenti di intelligence e aggiornare i database.

Analisi del malware: verifica di dati da fonti multiple, estrazione ed eliminazione dei file dannosi. Successivamente viene generato un rapporto e controllata la presenza di malizia.

Risposta agli incidenti cloud: questo avviene attraverso l’utilizzo di dati provenienti da strumenti di rilevamento delle minacce e di registrazione degli eventi focalizzati sul cloud. I dati vengono poi unificati tra le infrastrutture di sicurezza cloud e on-premises, messi in correlazione grazie a un SIEM. Gli indicatori sono poi estratti e arricchiti, per poi controllare la presenza di malizia. Un ultimo passaggio di controllo umano agli analisti che fanno una loro revisione delle informazioni aggiornano il database e chiudono il caso.

I benefici di un SOAR

In sostanza un SOAR implementa metodi di lavoro e protocolli di azione nel sistema di lotta alle minacce informatiche di un azienda. In questo modo migliora notevolmente l’efficienza operativa e accelera il rilevamento degli incidenti cosi’ come i tempi di risposta, che vengono, di fatto, standardizzati.

Un SOAR aumenta la produttivita’ degli analisti e consente loro di concentrarsi sul miglioramento della sicurezza invece che sull’esecuzione di attivita’ manuali.

Sfruttando e coordinando gli investimenti tecnologici di sicurezza esistenti in un’azienda e’ possibile davvero fare la differenza.

Link utili:

SOC as a Service

Cos’e’ un Network Lateral Movement e come difendersi

Log Management

MITRE Att&ck: una panoramica

Il SOCaaS è utile per la tua azienda?

SOAR: cos’e’ e come puo’ essere utile per le aziende

Sicurezza: pentest e verifica delle vulnerabilita’

 

Condividi


RSS

Piu’ articoli…

Categorie …

Tags

RSS CSIRT

RSS Dark Reading:

RSS Full Disclosure

  • SEC Consult SA-20210301-0 :: Authentication bypass vulnerability in Genua GenuGate High Resistance Firewall Marzo 1, 2021
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab on Mar 01seems we had some newline issues before, sorry for the inconvenience. Here is our advisory again: SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20210301-0 > ======================================================================= title: Authentication bypass vulnerability product: Genua GenuGate High Resistance Firewall vulnerable version: GenuGate
  • SEC Consult SA-20210301-0 :: Authentication bypass vulnerability in Genua GenuGate High Resistance Firewall Marzo 1, 2021
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab on Mar 01SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20210301-0 > =======================================================================              title: Authentication bypass vulnerability            product: Genua GenuGate High Resistance Firewall vulnerable version: GenuGate
  • Trojan-Proxy.Win32.Delf.ai / Remote SEH Buffer Overflow Febbraio 26, 2021
    Posted by malvuln on Feb 26Discovery / credits: Malvuln - malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/1dd6eb39a388f4c8a3eaf248d86aaabc.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Trojan-Proxy.Win32.Delf.ai Vulnerability: Remote SEH Buffer Overflow Description: The malware listens on TCP port 1089. Attackers who can reach the infected system can send a specially crafted HTTP TRACE request to trigger […]
  • Trojan.Win32.Hotkeychick.am / Insecure Permissions Febbraio 26, 2021
    Posted by malvuln on Feb 26Discovery / credits: Malvuln - malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/5ea9840970e78188f73eb1763363eeac.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Trojan.Win32.Hotkeychick.am Vulnerability: Insecure Permissions Description: The trojan creates an insecure dir named "Korektor_MPiPS-01" under c:\ drive, granting change (C) permissions to the authenticated user group. Standard users...
  • Backdoor.Win32.Azbreg.amw / Insecure Permissions Febbraio 26, 2021
    Posted by malvuln on Feb 26Discovery / credits: Malvuln - malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/5eb58198721d4ded363e41e243e685cc.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Azbreg.amw Vulnerability: Insecure Permissions Description: The backdoor creates an insecure hidden dir named "MSDCSC" granting change (C) permissions to the authenticated user group. Standard users can rename the malware...
  • Trojan-Spy.Win32.SpyEyes.elr / Insecure Permissions Febbraio 26, 2021
    Posted by malvuln on Feb 26Discovery / credits: Malvuln - malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/025d07f4610605031e501e6745d663aa.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Trojan-Spy.Win32.SpyEyes.elr Vulnerability: Insecure Permissions Description: The malware creates an insecure hidden dir named "40404504504" under c:\ drive, granting change (C) permissions to the authenticated user group. Standard users...
  • Trojan-Dropper.Win32.Daws.etlm / Remote Unauthenticated System Reboot Febbraio 26, 2021
    Posted by malvuln on Feb 26Discovery / credits: Malvuln - malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/a0479e18283ed46e8908767dd0b40f8f.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Trojan-Dropper.Win32.Daws.etlm Vulnerability: Remote Unauthenticated System Reboot Description: Daws.etlm drops an executable named "MSWDM.EXE" under Windows dir and listens on UDP port 139. Unauthenticated third-party attackers can send...
  • Trojan.Win32.Gofot.htx / Local File Buffer Overflow Febbraio 26, 2021
    Posted by malvuln on Feb 26Discovery / credits: Malvuln - malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/ae062bfe4abd59ac1b9be693fbc45f60.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Trojan.Win32.Gofot.htx Vulnerability: Local File Buffer Overflow Description: HackerJLY PE Parser tool V1.0.1.8 doesnt properly check the files it loads which triggers a local buffer overflow. Analyzing the crash we can see […]
  • Backdoor.Win32.Wollf.h / Missing Authentication Febbraio 26, 2021
    Posted by malvuln on Feb 26Discovery / credits: Malvuln - malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/4932471df98b0e94db076f2b1c0339bd.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Wollf.h Vulnerability: Missing Authentication Description: Wollf backdoor creates a service named "wrm" and listens on TCP port 7614, there is no authentication allowing anyone to take over the infected system. Type: […]
  • Backdoor.Win32.Delf.adag / Weak Hardcoded Credentials Febbraio 26, 2021
    Posted by malvuln on Feb 26Discovery / credits: Malvuln - malvuln.com (c) 2021 Original source: https://malvuln.com/advisory/0e997ab441cd8c35010dd8db98aae2c2.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Delf.adag Vulnerability: Weak Hardcoded Credentials Description: The backdoor runs an FTP server listening on TCP port 21 and uses weak hardcoded credentials which can be easily found using strings util. Credentials […]

Customers

Newsletter