Active Defence Deception Piergiorgio Venuti

Active Defence Deception: la cybersecurity che batte gli hacker con le loro stesse armi

Estimated reading time: 6 minuti

Ripaghiamo gli hacker con la loro stessa moneta utilizzando le stesse difese e tecniche che i malware utilizzano contro i sistemi informatici modellando il processo decisionale degli aggressori.

Cos’è l’Active Defence Deception

L’Active Defence Deception è un innovativo servizio di cybersecurity offerto dall’azienda Secure Online Desktop per proteggere le aziende dagli attacchi informatici più sofisticati.

Si tratta di una soluzione di deception technology che sfrutta tecniche di inganno preventivo per confondere e ostacolare gli hacker nelle fasi iniziali di un attacco, prima ancora che possano compromettere i sistemi.

Come funziona la deception technology

La deception technology si basa sulla creazione all’interno della rete aziendale di esche e trappole virtuali che hanno l’aspetto di asset reali come server, workstation, dispositivi IoT ecc. In realtà si tratta di sistemi fittizi il cui scopo è attirare l’attenzione degli hacker e indurli in inganno.

Quando un criminale informatico cerca di compromettere queste false risorse, il sistema di Active Defence Deception raccoglie informazioni preziose sulle sue tecniche e tattiche, causandogli confusione e portandolo fuori strada. In questo modo la minaccia viene neutralizzata prima ancora che possa raggiungere e danneggiare i veri asset aziendali.

I vantaggi della deception technology

L’Active Defence Deception presenta numerosi vantaggi rispetto alle tradizionali soluzioni di cybersecurity:

  • Protezione proattiva – Previene gli attacchi anziché semplicemente rilevarli e bloccarli. Confonde gli hacker prima che possano compiere danni.
  • Efficacia sulle minacce sconosciute – Funziona anche contro attacchi nuovi e mai visti prima, non essendo basata su signature.
  • Raccolta di intelligence – Osserva e analizza le tattiche degli hacker fornendo preziosi dati di threat intelligence.
  • Facilità di implementazione – Può essere integrato senza problemi nell’infrastruttura IT esistente.
  • Basso impatto sulle performance – Non appesantisce la rete con scansioni massive e monitoraggio continuo.

Come opera il servizio Secure Online Desktop

Il servizio Active Defence Deception di Secure Online Desktop opera secondo queste modalità:

  • Installazione di sensori e software deceiver sui sistemi del cliente per deployare esche e trappole virtuali.
  • Monitoraggio h24 dal Security Operation Center (SOC) per rilevare interazioni sospette.
  • Raccolta di informazioni sulle tecniche dell’hacker per ricostruire la kill chain dell’attacco.
  • Blocco immediato della minaccia e avviso al cliente.
  • Analisi approfondita dell’accaduto per apprendere e perfezionare le difese.

Il servizio è gestito interamente dagli esperti di Secure Online Desktop, senza necessità di competenze specifiche da parte del cliente.

Active Defence Deception: La kill chain degli attacchi informatici

Per comprendere al meglio come agisce l’Active Defence Deception, è utile conoscere il concetto di cyber kill chain.

La kill chain descrive le fasi tipiche sequenziali che compongono la maggior parte degli attacchi informatici avanzati:

Fase 1 – Ricognizione

Nella fase iniziale l’hacker raccoglie quante più informazioni possibili sull’azienda target, i suoi asset digitali, le reti, i sistemi di sicurezza adottati. L’obiettivo è identificare vulnerabilità sfruttabili.

Fase 2 – Accesso iniziale

Sfruttando le vulnerabilità individuate, l’attaccante cerca di ottenere un primo accesso alla rete aziendale, ad esempio infettando un endpoint con malware o sfruttando credenziali compromesse.

Fase 3 – Privilege Escalation

Ottenuto l’accesso iniziale, il criminale informatico tenta di elevare i propri privilegi per accedere a sistemi e dati critici. Ad esempio rubando credenziali di amministratore.

Fase 4 – Movimento laterale

L’hacker si sposta lateralmente all’interno della rete per raggiungere il suo obiettivo finale, ad esempio server con dati sensibili o di valore.

Fase 5 – Obiettivo finale

Nella fase finale l’attaccante raggiunge il suo scopo, ad esempio esfiltrando o criptando i dati tramite ransomware.

Come interviene la Deception Technology

Active Defence Deception

L’Active Defence Deception agisce nelle prime fasi della kill chain, ostacolando e confondendo l’attaccante in modo che non riesca mai a progredire verso le fasi avanzate dell’incursione.

Nella fase di ricognizione il sistema inganna l’hacker facendogli credere che la rete contenga risorse inesistenti o fuorvianti che attirano la sua attenzione, sprecando tempo ed energie.

Nella fase di accesso iniziale le trappole virtuali intrappolano il malware o l’attaccante inducendoli in percorsi senza uscita che li tengono lontani dai sistemi critici.

Nella fase di privilege escalation credenziali false portano l’intruso in vicoli ciechi impedendogli di elevare i propri privilegi.

In questo modo la minaccia viene costantemente deviata, disorientata e infine neutralizzata prima che possa progredire verso una intrusione dannosa. Nel frattempo il sistema SOC raccoglie preziosi dati sulle tattiche dell’hacker.

Combinare Deception e SOC per una protezione totale

Mentre le soluzioni Anti-Malware e gli EDR bloccano le minacce rilevandole, e i sistemi SOC monitorano e investigano gli alert, la Deception Technology previene gli attacchi ostacolandoli prima ancora che si verifichino.

Per questo l’Active Defence Deception è il perfetto complemento da affiancare ai servizi SOC (Security Operation Center) per creare una protezione a più livelli davvero completa ed efficace.

Il SOC gestito da Secure Online Desktop fornisce monitoraggio, rilevamento e risposta agli incidenti in tempo reale. La deception technology previene e inganna gli attacchi prima che possano compromettere asset reali.

Utilizzate insieme, queste capacità di difesa consentono di migliorare notevolmente il livello di sicurezza dell’infrastruttura IT delle aziende clienti, contro ogni tipo di minaccia cyber.

Conclusioni su Active Defence Deception

L’Active Defence Deception di Secure Online Desktop rappresenta l’evoluzione della cybersecurity verso un approccio più proattivo che prevede ed ostacola le mosse dell’hacker anziché solo reagire.

Rivolgendosi alle fasi iniziali della kill chain degli attacchi informatici, la deception technology li impedisce sul nascere ingannando il criminale con trappole ed esche virtuali.

Integrata con servizi SOC avanzati, questa capacità di prevenzione attiva consente di ottenere una protezione a più livelli senza eguali contro qualsiasi tipologia di minaccia cyber.

Le aziende possono così prevenire i danni causati dalle violazioni di sicurezza, che comportano non solo perdite finanziarie dirette ma anche impatti reputazionali potenzialmente disastrosi.

Grazie all’Active Defence Deception gli attacchi vengono fermati prima ancora di essere portati a termine, senza compromettere l’operatività aziendale e la business continuity.

L’approccio innovativo della deception technology segna l’evoluzione da una cybersecurity passiva basata su rilevamento e blocco delle minacce, ad una attiva che tende trappole agli hacker per confonderli e fuorviarli.

In un panorama di cyber risk sempre più sofisticati, questa capacità di pensare ed agire come un criminale informatico è fondamentale per proteggere il patrimonio digitale delle imprese.

Secure Online Desktop possiede il know-how e le competenze per portare le aziende nel futuro della sicurezza informatica grazie a servizi all’avanguardia come l’Active Defence Deception, gestiti 24/7 da professionisti qualificati.

L’unione di prevenzione proattiva, monitoraggio in tempo reale, threat intelligence e rapidità di risposta consente una protezione completa e multidimensionale adatta a contrastare le minacce odierne e quelle future.

Per maggiori informazioni sulle soluzioni di Active Defence Deception e su come integrarle nei vostri sistemi di cybersecurity, contattate gli esperti di Secure Online Desktop.

Useful links:

Condividi


RSS

Piu’ articoli…

Categorie …

Tags

RSS CSIRT

RSS darkreading

RSS Full Disclosure

  • SEC Consult SA-20240220-0 :: Multiple Stored Cross-Site Scripting Vulnerabilities in OpenOLAT (Frentix GmbH) Febbraio 21, 2024
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab, Research via Fulldisclosure on Feb 20SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20240220-0 > ======================================================================= title: Multiple Stored Cross-Site Scripting Vulnerabilities product: OpenOLAT (Frentix GmbH) vulnerable version:
  • Re: Buffer Overflow in graphviz via via a crafted config6a file Febbraio 21, 2024
    Posted by Matthew Fernandez on Feb 20The fix for this ended up landing in Graphviz 10.0.1, available at https://graphviz.org/download/. Details of this CVE (CVE-2023-46045) are now published, but the CPEs are incomplete. For those who track such things, the affected range is [2.36.0, 10.0.1).
  • CVE-2024-24681: Insecure AES key in Yealink Configuration Encrypt Tool Febbraio 21, 2024
    Posted by Jeroen J.A.W. Hermans via Fulldisclosure on Feb 20CloudAware Security Advisory CVE-2024-24681: Insecure AES key in Yealink Configuration Encrypt Tool ======================================================================== Summary ======================================================================== A single, vendorwide, hardcoded AES key in the configuration tool used to encrypt provisioning documents was leaked leading to a compromise of confidentiality of provisioning documents....
  • Microsoft Windows Defender / Backdoor:JS/Relvelshe.A / Detection Mitigation Bypass Febbraio 21, 2024
    Posted by hyp3rlinx on Feb 20[+] Credits: John Page (aka hyp3rlinx) [+] Website: hyp3rlinx.altervista.org [+] Source: https://hyp3rlinx.altervista.org/advisories/Windows_Defender_Backdoor_JS.Relvelshe.A_Detection_Mitigation_Bypass.txt [+] twitter.com/hyp3rlinx [+] ISR: ApparitionSec [Vendor] www.microsoft.com [Product] Windows Defender [Vulnerability Type] Detection Mitigation Bypass Backdoor:JS/Relvelshe.A [CVE Reference] N/A [Security Issue] Back in 2022 I released a...
  • Microsoft Windows Defender / VBScript Detection Bypass Febbraio 21, 2024
    Posted by hyp3rlinx on Feb 20[+] Credits: John Page (aka hyp3rlinx) [+] Website: hyp3rlinx.altervista.org [+] Source: https://hyp3rlinx.altervista.org/advisories/MICROSOFT_WINDOWS_DEFENDER_VBSCRIPT_TROJAN_MITIGATION_BYPASS.txt [+] twitter.com/hyp3rlinx [+] ISR: ApparitionSec [Vendor] www.microsoft.com [Product] Windows Defender [Vulnerability Type] Windows Defender VBScript Detection Mitigation Bypass TrojanWin32Powessere.G [CVE Reference] N/A [Security Issue]...
  • Microsoft Windows Defender / Trojan.Win32/Powessere.G / Detection Mitigation Bypass Part 3 Febbraio 21, 2024
    Posted by hyp3rlinx on Feb 20[+] Credits: John Page (aka hyp3rlinx) [+] Website: hyp3rlinx.altervista.org [+] Source: https://hyp3rlinx.altervista.org/advisories/MICROSOFT_WINDOWS_DEFENDER_TROJAN.WIN32.POWESSERE.G_MITIGATION_BYPASS_PART_3.txt [+] twitter.com/hyp3rlinx [+] ISR: ApparitionSec [Vendor] www.microsoft.com [Product] Windows Defender [Vulnerability Type] Windows Defender Detection Mitigation Bypass TrojanWin32Powessere.G [CVE Reference] N/A [Security Issue]...
  • 44CON 2024 September 18th - 20th CFP Febbraio 15, 2024
    Posted by Florent Daigniere via Fulldisclosure on Feb 1544CON is the UK&apos;s largest combined annual Security Conference and Training event. Taking place 18,19,20 of September at the Novotel London West near Hammersmith, London. We will have a fully dedicated conference facility, including catering, private bar, amazing coffee and a daily Gin O’Clock break.         _  […]
  • SEC Consult SA-20240212-0 :: Multiple Stored Cross-Site Scripting vulnerabilities in Statamic CMS Febbraio 14, 2024
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab, Research via Fulldisclosure on Feb 13SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20240212-0 > ======================================================================= title: Multiple Stored Cross-Site Scripting vulnerabilities product: Statamic CMS vulnerable version: =3.4.17 CVE number: CVE-2024-24570 impact: high homepage: https://statamic.com/...
  • Stored XSS and RCE - adaptcmsv3.0.3 Febbraio 14, 2024
    Posted by Andrey Stoykov on Feb 13# Exploit Title: Stored XSS and RCE - adaptcmsv3.0.3 # Date: 02/2024 # Exploit Author: Andrey Stoykov # Version: 3.0.3 # Tested on: Ubuntu 22.04 # Blog: http://msecureltd.blogspot.com *Description* - It was found that adaptcms v3.0.3 was vulnerable to stored cross site scripting - Also the application allowed the […]
  • OXAS-ADV-2023-0007: OX App Suite Security Advisory Febbraio 14, 2024
    Posted by Martin Heiland via Fulldisclosure on Feb 13Dear subscribers, We&apos;re sharing our latest advisory with you and like to thank everyone who contributed in finding and solving those vulnerabilities. Feel free to join our bug bounty programs for OX App Suite, Dovecot and PowerDNS at YesWeHack. This advisory has also been published at https://documentation.open-xchange.com/appsuite/security/advisories/html/2023/oxas-adv-2023-0007.html. […]

Customers

Newsletter

{subscription_form_2}