decezione informatica Piergiorgio Venuti

Decezione informatica: cos’è, come funziona e perché è fondamentale per la cybersecurity

Estimated reading time: 6 minuti

Decezione informatica: cos’è e a cosa serve?

La decezione informatica, nota anche come “decemption“, è una tecnica di cybersecurity emergente che si sta diffondendo sempre più tra le aziende. In questo articolo vedremo nel dettaglio di cosa si tratta, come funziona e quali vantaggi offre per la protezione da minacce informatiche avanzate.

Cos’è la decezione informatica?

La decezione informatica o “decemption” consiste nel distribuire deliberatamente informazioni false all’interno di un sistema per ingannare un potenziale attaccante. L’obiettivo è confondere e distrarre il criminale informatico, facendogli perdere tempo prezioso ed ostacolandone l’attività.

Si tratta di una tecnica proattiva di cyber defense che permette di tracciare e studiare il comportamento dell’intrusione, per poi rispondere e neutralizzare la minaccia. Il principio è quello di trarre in inganno l’hacker, sfruttando tecniche di social engineering al contrario.

Invece di proteggere le informazioni reali, la decezione crea false risorse – file, reti, servizi – che sembrano reali. L’attaccante finisce per colpire esche e trappole che rivelano le sue intenzioni e consentono di fermarlo prima che raggiunga gli asset critici.

Come funziona la decezione informatica

L’implementazione della decezione avviene tramite specifici strumenti e tecnologie che permettono di distribuire informazioni false all’interno dell’infrastruttura IT. Queste false risorse vengono monitorate per rilevare qualsiasi tentativo di accesso non autorizzato.

Trappole ingannevoli

Si creano risorse fittizie come falsi file server, falsi database, pagine web finte, finti servizi di directory, finte credenziali di accesso. Queste trappole attirano l’attenzione dell’hacker che finisce per sprecare tempo prezioso cercando di accedervi.

Allarmi e alert

Ogni interazione con le risorse fake genera immediatamente un alert che segnala l’intrusione in corso. Gli strumenti di decezione sono in grado di classificare il livello di minaccia e fornire una risposta automatica.

Tracciamento dell’attività

Le trappole ingannevoli permettono di monitorare in tempo reale il comportamento dell’attaccante, raccogliendo preziose informazioni sulle tecniche utilizzate e sugli obiettivi.

Rapidità di risposta

Individuata una potenziale intrusione, la piattaforma di decezione è in grado di rispondere immediatamente, ad esempio isolando il sistema compromesso o l’IP sospetto tramite il blocco del traffico.

Quali vantaggi offre la decezione informatica?

L’utilizzo di tecniche di decezione presenta diversi vantaggi per elevare il livello di cybersecurity di un’organizzazione:

  • Rilevazione precoce delle minacce: le trappole permettono di individuare subito eventuali attacchi in corso, prima che raggiungano gli asset di valore.
  • Protezione proattiva: la decezione permette di passare da una postura reattiva ad una proattiva, ingannando l’attaccante ed ostacolandone l’attività.
  • Analisi delle tecniche di attacco: monitorando le trappole è possibile raccogliere informazioni preziose sulle tattiche, tecniche e procedure (TTPs) del criminale informatico.
  • Migliore allocazione delle risorse: la rapida individuazione della minaccia consente di ottimizzare l’utilizzo di risorse per la risposta, evitando inutili “cacce al tesoro”.
  • Efficacia contro minacce avanzate: la decezione permette di rilevare e bloccare anche attacchi mai visti prima, molto sofisticati e senza firma.
  • Integrazione con altre difese: le tecniche di decezione possono integrarsi perfettamente con firewall, antivirus, sistemi di rilevamento delle intrusioni (IDS) e altro.
  • Costi contenuti: implementare la decezione richiede un investimento relativamente contenuto in termini economici, soprattutto considerando i benefici.

Casi d’uso della decezione informatica

La decezione informatica può essere impiegata efficacemente in diversi casi d’uso, tra cui:

Protezione di asset critici

Creando trappole ingannevoli intorno a server, database, applicazioni business critical si possono individuare subito eventuali attacchi mirati e proteggere questi asset.

Rilevamento di attacchi interni

Le tecniche di decezione permettono di identificare rapidamente accessi non autorizzati e attività anomale da parte di utenti interni compromessi.

Protezione di ambienti OT e IoT

In ambienti industriali con sistemi di controllo industriale (OT) e Internet of Things (IoT) la decezione aggiunge un ulteriore livello di sicurezza.

Response a incidenti avanzati

In caso di violazioni avanzate già in corso, le tecniche di decezione possono supportare efficacemente le attività di contenimento e risposta.

Ambienti cloud e virtualizzati

La natura dinamica e distribuita del cloud e dei data center virtuali rende complessa la sicurezza: la decezione può colmare gap e vulnerabilità.

Strumenti di decezione: Honeypot, Honeytoken, Honeyfile

Per distribuire informazioni false ed implementare la decezione informatica vengono utilizzati alcuni strumenti specifici, tra cui:

Honeypot

Si tratta di sistemi trappola progettati per attrarre gli attaccanti facendo credere che si tratti di vere risorse del sistema informativo. Un honeypot simula servizi e vulnerabilità per monitorare e studiare le tecniche di attacco.

Honeytoken

Informazioni false come credenziali fittizie, chiavi API non valide, password trappola. Sono disseminate nel sistema per essere monitorate e rilevare accessi non autorizzati.

Honeyfile

File non autentici posizionati come esche per attirare gli attaccanti e monitorarne il comportamento. Possono contenere anche codice dannoso per “infettare” chi cerca di utilizzarli senza autorizzazione.

Deception: un approfondimento sulle tecniche

decezione informatica

Per comprendere più nel dettaglio il funzionamento della decezione informatica, analizziamo alcune delle principali tecniche utilizzate.

Creazione di falsi servizi

Si possono distribuire nella rete falsi servizi, come un finto server FTP o un servizio fittizio di directory LDAP, per attirare l’attenzione dell’attaccante. Questi cercherà di interagirvi rivelando le proprie intenzioni.

Generazione di falsi errori

Durante l’intrusione si possono generare falsi messaggi di errore per confondere l’attaccante e indurlo a perdere tempo prezioso. Ad esempio un finto “file non trovato” o “permesso negato”.

Creazione di honeyfile

Come detto, gli honeyfile sono file-trappola progettati per attirare gli attaccanti. Possono essere nominati in modo accattivante, come “password.txt” o “credit card data.xlsx”. L’accesso rivela l’intrusione.

Mirroring del traffico

La piattaforma di decezione può replicare e mirrorare il traffico di rete reale per confondere l’attaccante su quali siano le risorse autentiche.

Camuffamento delle informazioni

Alterando sottilmente dati come nomi utente, indirizzi IP, nomi di dominio è possibile ingannare l’hacker e indurlo a commettere errori rivelatori.

Honeytoken negli stack tecnologici

Si possono introdurre honeytoken nei vari livelli dello stack tecnologico: falsi account utente, finte API key, credenziali cloud non valide.

Decoy document injection

Consiste nell’introdurre nei sistemi delle esche sotto forma di documenti falsi contenenti codice dannoso. L’esecuzione del codice consente di rilevare e tracciare l’intrusione.

Dynamic deception

Le tecniche di deception possono essere applicate in modo dinamico modificando continuamente la superficie d’attacco per confondere l’avversario.

Conclusione: perché la decezione è fondamentale oggi

In uno scenario di minacce in costante evoluzione, con attacchi sempre più sofisticati, la sola protezione perimetrale non è più sufficiente. La decezione informatica rappresenta un nuovo indispensabile livello di difesa.

Ingannando proattivamente gli avversari è possibile rilevare subito le intrusioni e rispondere rapidamente, prima che si verifichino danni. Gli strumenti di deception permettono di acquisire una superiore threat intelligence sul nemico per adattare le difese.

Il servizio di Active Defense Deception della Secure Online Desktop, integrando tecniche di decezione con threat hunting e threat intelligence, può elevare significativamente il livello di sicurezza di un’azienda contro le minacce più evolute.

Useful links:

Condividi


RSS

Piu’ articoli…

Categorie …

Tags

RSS CSIRT

RSS darkreading

RSS Full Disclosure

  • SEC Consult SA-20240220-0 :: Multiple Stored Cross-Site Scripting Vulnerabilities in OpenOLAT (Frentix GmbH) Febbraio 21, 2024
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab, Research via Fulldisclosure on Feb 20SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20240220-0 > ======================================================================= title: Multiple Stored Cross-Site Scripting Vulnerabilities product: OpenOLAT (Frentix GmbH) vulnerable version:
  • Re: Buffer Overflow in graphviz via via a crafted config6a file Febbraio 21, 2024
    Posted by Matthew Fernandez on Feb 20The fix for this ended up landing in Graphviz 10.0.1, available at https://graphviz.org/download/. Details of this CVE (CVE-2023-46045) are now published, but the CPEs are incomplete. For those who track such things, the affected range is [2.36.0, 10.0.1).
  • CVE-2024-24681: Insecure AES key in Yealink Configuration Encrypt Tool Febbraio 21, 2024
    Posted by Jeroen J.A.W. Hermans via Fulldisclosure on Feb 20CloudAware Security Advisory CVE-2024-24681: Insecure AES key in Yealink Configuration Encrypt Tool ======================================================================== Summary ======================================================================== A single, vendorwide, hardcoded AES key in the configuration tool used to encrypt provisioning documents was leaked leading to a compromise of confidentiality of provisioning documents....
  • Microsoft Windows Defender / Backdoor:JS/Relvelshe.A / Detection Mitigation Bypass Febbraio 21, 2024
    Posted by hyp3rlinx on Feb 20[+] Credits: John Page (aka hyp3rlinx) [+] Website: hyp3rlinx.altervista.org [+] Source: https://hyp3rlinx.altervista.org/advisories/Windows_Defender_Backdoor_JS.Relvelshe.A_Detection_Mitigation_Bypass.txt [+] twitter.com/hyp3rlinx [+] ISR: ApparitionSec [Vendor] www.microsoft.com [Product] Windows Defender [Vulnerability Type] Detection Mitigation Bypass Backdoor:JS/Relvelshe.A [CVE Reference] N/A [Security Issue] Back in 2022 I released a...
  • Microsoft Windows Defender / VBScript Detection Bypass Febbraio 21, 2024
    Posted by hyp3rlinx on Feb 20[+] Credits: John Page (aka hyp3rlinx) [+] Website: hyp3rlinx.altervista.org [+] Source: https://hyp3rlinx.altervista.org/advisories/MICROSOFT_WINDOWS_DEFENDER_VBSCRIPT_TROJAN_MITIGATION_BYPASS.txt [+] twitter.com/hyp3rlinx [+] ISR: ApparitionSec [Vendor] www.microsoft.com [Product] Windows Defender [Vulnerability Type] Windows Defender VBScript Detection Mitigation Bypass TrojanWin32Powessere.G [CVE Reference] N/A [Security Issue]...
  • Microsoft Windows Defender / Trojan.Win32/Powessere.G / Detection Mitigation Bypass Part 3 Febbraio 21, 2024
    Posted by hyp3rlinx on Feb 20[+] Credits: John Page (aka hyp3rlinx) [+] Website: hyp3rlinx.altervista.org [+] Source: https://hyp3rlinx.altervista.org/advisories/MICROSOFT_WINDOWS_DEFENDER_TROJAN.WIN32.POWESSERE.G_MITIGATION_BYPASS_PART_3.txt [+] twitter.com/hyp3rlinx [+] ISR: ApparitionSec [Vendor] www.microsoft.com [Product] Windows Defender [Vulnerability Type] Windows Defender Detection Mitigation Bypass TrojanWin32Powessere.G [CVE Reference] N/A [Security Issue]...
  • 44CON 2024 September 18th - 20th CFP Febbraio 15, 2024
    Posted by Florent Daigniere via Fulldisclosure on Feb 1544CON is the UK&apos;s largest combined annual Security Conference and Training event. Taking place 18,19,20 of September at the Novotel London West near Hammersmith, London. We will have a fully dedicated conference facility, including catering, private bar, amazing coffee and a daily Gin O’Clock break.         _  […]
  • SEC Consult SA-20240212-0 :: Multiple Stored Cross-Site Scripting vulnerabilities in Statamic CMS Febbraio 14, 2024
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab, Research via Fulldisclosure on Feb 13SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20240212-0 > ======================================================================= title: Multiple Stored Cross-Site Scripting vulnerabilities product: Statamic CMS vulnerable version: =3.4.17 CVE number: CVE-2024-24570 impact: high homepage: https://statamic.com/...
  • Stored XSS and RCE - adaptcmsv3.0.3 Febbraio 14, 2024
    Posted by Andrey Stoykov on Feb 13# Exploit Title: Stored XSS and RCE - adaptcmsv3.0.3 # Date: 02/2024 # Exploit Author: Andrey Stoykov # Version: 3.0.3 # Tested on: Ubuntu 22.04 # Blog: http://msecureltd.blogspot.com *Description* - It was found that adaptcms v3.0.3 was vulnerable to stored cross site scripting - Also the application allowed the […]
  • OXAS-ADV-2023-0007: OX App Suite Security Advisory Febbraio 14, 2024
    Posted by Martin Heiland via Fulldisclosure on Feb 13Dear subscribers, We&apos;re sharing our latest advisory with you and like to thank everyone who contributed in finding and solving those vulnerabilities. Feel free to join our bug bounty programs for OX App Suite, Dovecot and PowerDNS at YesWeHack. This advisory has also been published at https://documentation.open-xchange.com/appsuite/security/advisories/html/2023/oxas-adv-2023-0007.html. […]

Customers

Newsletter

{subscription_form_2}