Dati ransomware pubblicati in chiaro Piergiorgio Venuti

I dati esfiltrati durante un attacco ransomware a doppia estorsione non sono pubblici. Sfatiamo un mito

Estimated reading time: 3 minuti

Introduzione

Gli attacchi ransomware stanno diventando sempre più comuni e redditizi per i criminali informatici. In particolare, la variante “a doppia estorsione” prevede non solo la crittografia dei dati della vittima, ma anche la sottrazione e la minaccia di pubblicazione online degli stessi per ottenere il riscatto. Si ritiene comunemente che i dati rubati non vengano effettivamente diffusi pubblicamente, ma rimangano confinati nel dark web. In realtà le cose non stanno così.

Cos’è il dark web

Il dark web indica quella parte di internet i cui contenuti non sono indicizzati dai motori di ricerca standard. Per accedere al dark web è necessario utilizzare browser specifici come Tor, che rendono anonima la navigazione crittografando e instradando il traffico attraverso più nodi. Proprio grazie all’anonimato che garantisce, il dark web viene spesso utilizzato per attività criminali, come la vendita di dati rubati.

Tuttavia il dark web non è così oscuro e misterioso come si crede. Software come Tor sono gratuiti e facilmente accessibili a tutti. Di conseguenza, anche dati sensibili di aziende finite nel dark web possono facilmente trapelare anche pubblicamente.

Le cybergang pubblicano spesso anche in chiaro

Contrariamente alla credenza comune, molte delle organizzazioni criminali che gestiscono attacchi ransomware finiscono per pubblicare i dati rubati alle vittime anche pubblicamente, come ulteriore strumento di pressione per ottenere il pagamento del riscatto.

I forum e i siti usati per queste pubblicazioni sono spesso ospitati su server extra-UE, dove non vi sono conseguenze legali, e sono facilmente accessibili a chiunque. Ad esempio il gruppo Conti, tra i più attivi nel mondo ransomware, pubblica regolarmente dati esfiltrati tramite il proprio sito “Conti Leaks”.

Anche gruppi ransomware meno noti finiscono per pubblicare campioni di dati rubati su forum pubblici, inviando poi l’URL alla vittima, per dimostrare che la minaccia di divulgazione completa è concreta.

Queste pubblicazioni avvengono su siti accessibili a chiunque disponga di una connessione internet. Non è necessario ricorrere al dark web per accedere ai dati trafugati.

Perché le cybergang pubblicano i dati in chiaro

Ci sono principalmente tre motivazioni che spingono gli operatori ransomware a pubblicare i dati rubati anche pubblicamente, e non solo sul dark web:

  • Aumentare la pressione sulla vittima: la pubblicazione di un campione di dati sensibili è un potente strumento di coercizione per spingere la vittima a pagare, per evitare la divulgazione completa.
  • Danneggiare l’immagine del bersaglio: le cybergang mirano spesso ad infliggere il maggior danno possibile alle vittime, oltre che a ottenere un riscatto. La pubblicazione dei dati danneggia la reputazione dell’organizzazione colpita.
  • Pubblicità per i propri servizi: mostrare i dati trafugati funge da prova delle effettive capacità del gruppo ransomware, permettendo di attirare più clienti per futuri attacchi.

Un business milionario

La vendita dei dati rubati è divenuta un business estremamente lucrativo per i criminali informatici, secondo solo a quello dei ransomware. Recenti rapporti stimano che i ricavi derivanti dalla sola vendita di dati rubati nel 2021 abbia fruttato agli hacker oltre 2 miliardi di dollari.

Dati sensibili di aziende possono essere venduti per decine di migliaia di euro nel dark web. Ma la pubblicazione gratuita di campioni aumenta ulteriormente l’impatto distruttivo dell’attacco.

Conclusione: prevenire è meglio che curare

La possibilità che i dati trafugati da un attacco ransomware vengano diffusi pubblicamente, e non solo nel dark web, è dunque concreta e da non sottovalutare. Le conseguenze di una simile violazione dati possono essere estremamente gravi per un’azienda, causando danni d’immagine, sanzioni legali e perdita di proprietà intellettuale.

Diventa quindi cruciale investire nella prevenzione, adottando soluzioni di sicurezza moderne come piattaforme SOC (Security Operation Center) che monitorano h24 la rete aziendale per individuare e bloccare gli attacchi prima che gli hacker possano rubare o criptare i dati sensibili.

Inoltre, servizi avanzati di threat intelligence come quelli forniti da aziende come Secure Online Desktop consentono di monitorare il dark web per identificare eventuali dati rubati dell’azienda che vengono messi in vendita, per agire immediatamente e limitare i danni.

Useful links:

Condividi


RSS

Piu’ articoli…

Categorie …

Tags

RSS CSIRT

  • Rilevato sfruttamento in rete di vulnerabilità relative a OpenMetadata (AL03/240422/CSIRT-ITA) Aprile 22, 2024
    Rilevato lo sfruttamento attivo in rete di 5 vulnerabilità, di cui una con gravità “critica” - già sanate dal vendor il 15 marzo 2024 - in carichi di lavoro Kubernetes di OpenMetadata, piattaforma open source per la gestione di metadati. Tali vulnerabilità, potrebbero consentire a un attaccante remoto l'esecuzione arbitraria di codice sulle istanze Kubernetes […]
  • Sanate vulnerabilità su GitHub Enterprise Server (AL02/240422/CSIRT-ITA) Aprile 22, 2024
    Rilasciati aggiornamenti di sicurezza che risolvono 3 vulnerabilità, di cui 2 con gravità “alta”, in GitHub Enterprise Server, nota piattaforma di sviluppo software.
  • Vulnerabilità in prodotti Solarwinds (AL01/240422/CSIRT-ITA) Aprile 22, 2024
    Rilevate 2 vulnerabilità di sicurezza con gravità “alta” in SolarWinds Platform. Tali vulnerabilità, qualora sfruttate, potrebbero permettere l’accesso e la manipolazione di informazioni sensibili sui dispositivi interessati.
  • La Settimana Cibernetica del 21 aprile 2024 Aprile 22, 2024
    Scarica il riepilogo delle notizie pubblicate dallo CSIRT Italia dal 15 al 21 aprile 2024.
  • Risolte vulnerabilità in prodotti Cisco (AL04/240418/CSIRT-ITA) - Aggiornamento Aprile 19, 2024
    Aggiornamenti di sicurezza Cisco sanano alcune vulnerabilità, di cui 2 con gravità “alta” presenti nell'interfaccia web e nell'interfaccia a linea di comando (CLI) del prodotto Integrated Management Controller (IMC). Tali vulnerabilità qualora sfruttate, potrebbero permettere l’esecuzione di codice arbitrario sui dispositivi interessati.
  • Aggiornamenti per ClamAV (AL05/240418/CSIRT-ITA) Aprile 18, 2024
    Sanata vulnerabilità di sicurezza con gravità “alta” in ClamAV, noto software antivirus multipiattaforma open source. Tale vulnerabilità, qualora sfruttata, potrebbe permettere la compromissione della disponibilità del servizio sui dispositivi interessati.
  • Ivanti: risolte vulnerabilità nel prodotto Avalanche (AL03/240418/CSIRT-ITA) Aprile 18, 2024
    Ivanti rilascia aggiornamenti di sicurezza che risolvono molteplici vulnerabilità, di cui 2 con gravità “critica” e 17 con gravità “alta”, relative al prodotto Avalanche, soluzione di Enterprise Mobility Management (EMM) e Mobile Device Management (MDM). Tali vulnerabilità, qualora sfruttate, potrebbero permettere, a un utente malintenzionato remoto, la compromissione della disponibilità del servizio, l’esecuzione di codice […]
  • Rilevate vulnerabilità in prodotti Atlassian (AL02/240418/CSIRT-ITA) Aprile 18, 2024
    Aggiornamenti di sicurezza sanano 6 vulnerabilità con gravità “alta”, presenti nei propri prodotti.
  • Vulnerabilità in prodotti Solarwinds (AL01/240418/CSIRT-ITA) Aprile 18, 2024
    Rilevata vulnerabilità di sicurezza in SolarWinds Serv-U, software per il trasferimento dati sicuro (Managed File Transfer - MFT). Tale vulnerabilità, qualora sfruttata da un utente remoto con privilegi elevati, potrebbe permettere l’esecuzione di codice arbitrario sui sistemi interessati, attraverso la manipolazione impropria dei percorsi delle directory (Directory Traversal)
  • Aggiornamenti di sicurezza per prodotti Mozilla (AL03/240417/CSIRT-ITA) Aprile 17, 2024
    Mozilla ha rilasciato aggiornamenti di sicurezza per sanare alcune vulnerabilità, di cui 9 con gravità “alta”, nei prodotti Firefox e Firefox ESR.

RSS darkreading

RSS Full Disclosure

  • BACKDOOR.WIN32.DUMADOR.C / Remote Stack Buffer Overflow (SEH) Aprile 19, 2024
    Posted by malvuln on Apr 19Discovery / credits: Malvuln (John Page aka hyp3rlinx) (c) 2024 Original source: https://malvuln.com/advisory/6cc630843cabf23621375830df474bc5.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Dumador.c Vulnerability: Remote Stack Buffer Overflow (SEH) Description: The malware runs an FTP server on TCP port 10000. Third-party adversaries who can reach the server can send a specially […]
  • SEC Consult SA-20240418-0 :: Broken authorization in Dreamehome app Aprile 19, 2024
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab via Fulldisclosure on Apr 19SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20240418-0 > ======================================================================= title: Broken authorization product: Dreamehome app vulnerable version:
  • MindManager 23 - full disclosure Aprile 19, 2024
    Posted by Pawel Karwowski via Fulldisclosure on Apr 19Resending! Thank you for your efforts. GitHub - pawlokk/mindmanager-poc: public disclosure Affected application: MindManager23_setup.exe Platform: Windows Issue: Local Privilege Escalation via MSI installer Repair Mode (EXE hijacking race condition) Discovered and reported by: Pawel Karwowski and Julian Horoszkiewicz (Eviden Red Team) Proposed mitigation:...
  • CVE-2024-31705 Aprile 14, 2024
    Posted by V3locidad on Apr 14CVE ID: CVE-2024-31705 Title : RCE to Shell Commands" Plugin / GLPI Shell Command Management Interface Affected Product : GLPI - 10.X.X and last version Description: An issue in Infotel Conseil GLPI v.10.X.X and after allows a remote attacker to execute arbitrary code via the insufficient validation of user-supplied input. […]
  • SEC Consult SA-20240411-0 :: Database Passwords in Server Response in Amazon AWS Glue Aprile 14, 2024
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab via Fulldisclosure on Apr 14SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20240411-0 > ======================================================================= title: Database Passwords in Server Response product: Amazon AWS Glue vulnerable version: until 2024-02-23 fixed version: as of 2024-02-23 CVE number: - impact: medium homepage: https://aws.amazon.com/glue/ found:...
  • [KIS-2024-03] Invision Community <= 4.7.16 (toolbar.php) Remote Code Execution Vulnerability Aprile 11, 2024
    Posted by Egidio Romano on Apr 10------------------------------------------------------------------------------ Invision Community
  • [KIS-2024-02] Invision Community <= 4.7.15 (store.php) SQL Injection Vulnerability Aprile 11, 2024
    Posted by Egidio Romano on Apr 10-------------------------------------------------------------------- Invision Community
  • Multiple Issues in concretecmsv9.2.7 Aprile 11, 2024
    Posted by Andrey Stoykov on Apr 10# Exploit Title: Multiple Web Flaws in concretecmsv9.2.7 # Date: 4/2024 # Exploit Author: Andrey Stoykov # Version: 9.2.7 # Tested on: Ubuntu 22.04 # Blog: http://msecureltd.blogspot.com Verbose Error Message - Stack Trace: 1. Directly browse to edit profile page 2. Error should come up with verbose stack trace […]
  • OXAS-ADV-2024-0001: OX App Suite Security Advisory Aprile 11, 2024
    Posted by Martin Heiland via Fulldisclosure on Apr 10Dear subscribers, We&apos;re sharing our latest advisory with you and like to thank everyone who contributed in finding and solving those vulnerabilities. Feel free to join our bug bounty programs for OX App Suite, Dovecot and PowerDNS at YesWeHack. This advisory has also been published at https://documentation.open-xchange.com/appsuite/security/advisories/html/2024/oxas-adv-2024-0001.html. […]
  • Trojan.Win32.Razy.abc / Insecure Permissions (In memory IPC) Aprile 11, 2024
    Posted by malvuln on Apr 10Discovery / credits: Malvuln (John Page aka hyp3rlinx) (c) 2024 Original source: https://malvuln.com/advisory/0eb4a9089d3f7cf431d6547db3b9484d.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Trojan.Win32.Razy.abc Vulnerability: Insecure Permissions (In memory IPC) Family: Razy Type: PE32 MD5: 0eb4a9089d3f7cf431d6547db3b9484d SHA256: 3d82fee314e7febb8307ccf8a7396b6dd53c7d979a74aa56f3c4a6d0702fd098 Vuln ID: MVID-2024-0678...

Customers

Newsletter

{subscription_form_2}