Mercedes sicurezza informatica Piergiorgio Venuti

La distrazione di Mercedes mette a rischio i segreti aziendali: l’importanza della Cyber Threat Intelligence

Estimated reading time: 5 minuti

L’incidente di sicurezza di Mercedes-Benz

Mercedes-Benz ha recentemente subito un grave incidente di sicurezza informatica, dopo che un suo dipendente ha involontariamente pubblicato su GitHub un token di autenticazione aziendale. Questa distrazione ha permesso potenzialmente l’accesso non autorizzato al codice sorgente, ai progetti, ai documenti di progettazione e ad altre informazioni sensibili di Mercedes-Benz.

L’incidente è stato scoperto dalla società di sicurezza RedHunt Labs durante una normale attività di monitoraggio. Il token, pubblicato su GitHub nel settembre 2023, avrebbe potuto consentire a chiunque di accedere illimitatamente alle credenziali e ai segreti commerciali di Mercedes-Benz.

La gravità della falla di sicurezza

Il token forniva accesso completo e non monitorato ad una enormità di file contenenti proprietà intellettuale di Mercedes-Benz. In modo allarmante, il server compromesso ospitava anche chiavi di accesso al cloud, chiavi API e password aggiuntive, rappresentando una minaccia per l’intera infrastruttura IT di Mercedes-Benz.

I repository non sicuri contenevano inoltre chiavi per l’accesso ai server Azure e AWS dell’azienda, oltre al codice sorgente di software proprietario Mercedes-Benz. Nonostante la gravità della falla, sembra che i dati dei clienti sui server interessati non siano stati compromessi.

La risposta di Mercedes-Benz

Non appena informata, Mercedes-Benz ha revocato il token API e rimosso il repository GitHub pubblico. L’azienda ha confermato che il codice sorgente è stato rilasciato per errore umano e ha avviato un’indagine interna, oltre ad implementare misure correttive.

Al momento non ci sono prove che malintenzionati abbiano sfruttato la falla, ma Mercedes-Benz non ha confermato di aver rilevato o meno tentativi di accesso non autorizzato tramite log o altre misure di sicurezza.

Le conseguenze per Mercedes-Benz

Incidente sicurezza Mercedes

Nonostante la rapida risposta, questo incidente evidenzia una mancanza di attenzione alla sicurezza informatica da parte di Mercedes-Benz. L’esposizione accidentale di informazioni sensibili può avere conseguenze disastrose per un’azienda.

I cybercriminali avrebbero potuto accedere a segreti industriali e proprietà intellettuale di enorme valore per un produttore automobilistico. Inoltre, la compromissione dell’infrastruttura cloud avrebbe potuto permettere attacchi ransomware o altre violazioni ancora più gravi.

L’importanza della Cyber Threat Intelligence

Incidenti come questo dimostrano l’importanza per le aziende di implementare una solida Cyber Threat Intelligence. La CTI consente di ottenere informazioni dettagliate sulle minacce informatiche e di rilevare attività malevole mirate alla propria azienda.

Un servizio di CTI come quello fornito da SOD permette di:

  • Monitorare il dark web per rilevare falle di sicurezza o credenziali compromesse
  • Analizzare la telemetria di rete per identificare attività sospette
  • Ricevere avvisi su nuove campagne di phishing mirate all’azienda
  • Scoprire in tempo reale leak di dati sensibili

Grazie alla threat intelligence, Mercedes-Benz avrebbe potuto essere allertata della presenza del token di autenticazione sul repository GitHub pubblico, rimuovendolo prima che fosse sfruttato da malintenzionati.

La CTI aiuta a colmare le lacune di sicurezza

Oltre ad identificare proattivamente le minacce, la Cyber Threat Intelligence aiuta a correggere configurazioni di sicurezza inadeguate, come quella che ha causato l’incidente Mercedes-Benz. Le aziende possono ricevere avvisi su errori di configurazione che espongono dati sensibili.

Ad esempio, regole di monitoraggio personalizzate possono rilevare la presenza di credenziali aziendali su repository pubblici, prevenendo situazioni analoghe a quella di Mercedes-Benz. La CTI fornisce informazioni approfondite per colmare lacune nella sicurezza prima che possano essere sfruttate dai criminali informatici.

La CTI rende più efficiente l’analisi degli incidenti

In caso si verifichi comunque una violazione dei dati, le informazioni di threat intelligence permettono di reagire più rapidamente e in modo più efficace.

Grazie alla raccolta proattiva di informazioni sulle tattiche di attacco, il team di sicurezza può analizzare più velocemente un incidente e capire se si tratta di una minaccia nota. Inoltre, dati come indicatori di compromissione da fonti di threat intelligence aiutano a determinare più facilmente l’estensione di una violazione.

La CTI è fondamentale per la cyber security moderna

In un panorama di minacce in continua evoluzione, nessuna azienda può permettersi di operare alla cieca senza una solida threat intelligence. Incidenti come quello di Mercedes-Benz evidenziano i rischi di una cyber security obsoleta, incapace di fronteggiare avversari sempre più sofisticati.

Investire in una piattaforma avanzata di Cyber Threat Intelligence è oggi imperativo per proteggere i segreti aziendali e l’infrastruttura IT critica da accessi non autorizzati, furti di dati e potenziali disastri.

Conclusione: la CTI, un investimento indispensabile

L’incidente occorso a Mercedes-Benz rimarca l’importanza per le imprese di ogni dimensione di investire in una soluzione avanzata di Cyber Threat Intelligence. La distrazione di un singolo dipendente può potenzialmente aprire le porte ai cybercriminali, con conseguenze disastrose.

Dotarsi di capacità di monitoraggio proattivo delle minacce, come quelle fornite dalla piattaforma SOD, è oggi un passo indispensabile per proteggere il patrimonio di dati e proprietà intellettuale che costituisce il vero vantaggio competitivo di ogni azienda.

La CTI non solo fornisce gli strumenti per identificare e prevenire le violazioni, ma aiuta le imprese a maturare e rafforzare nel tempo una cultura della sicurezza informatica consapevole all’interno dell’organizzazione. Una cyber security proattiva, supportata da threat intelligence tempestiva, permette di trasformare ogni potenziale incidente in un’opportunità di crescita.

Useful links:

Condividi


RSS

Piu’ articoli…

Categorie …

Tags

RSS CSIRT

RSS darkreading

RSS Full Disclosure

  • BACKDOOR.WIN32.DUMADOR.C / Remote Stack Buffer Overflow (SEH) Aprile 19, 2024
    Posted by malvuln on Apr 19Discovery / credits: Malvuln (John Page aka hyp3rlinx) (c) 2024 Original source: https://malvuln.com/advisory/6cc630843cabf23621375830df474bc5.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Dumador.c Vulnerability: Remote Stack Buffer Overflow (SEH) Description: The malware runs an FTP server on TCP port 10000. Third-party adversaries who can reach the server can send a specially […]
  • SEC Consult SA-20240418-0 :: Broken authorization in Dreamehome app Aprile 19, 2024
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab via Fulldisclosure on Apr 19SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20240418-0 > ======================================================================= title: Broken authorization product: Dreamehome app vulnerable version:
  • MindManager 23 - full disclosure Aprile 19, 2024
    Posted by Pawel Karwowski via Fulldisclosure on Apr 19Resending! Thank you for your efforts. GitHub - pawlokk/mindmanager-poc: public disclosure Affected application: MindManager23_setup.exe Platform: Windows Issue: Local Privilege Escalation via MSI installer Repair Mode (EXE hijacking race condition) Discovered and reported by: Pawel Karwowski and Julian Horoszkiewicz (Eviden Red Team) Proposed mitigation:...
  • CVE-2024-31705 Aprile 14, 2024
    Posted by V3locidad on Apr 14CVE ID: CVE-2024-31705 Title : RCE to Shell Commands" Plugin / GLPI Shell Command Management Interface Affected Product : GLPI - 10.X.X and last version Description: An issue in Infotel Conseil GLPI v.10.X.X and after allows a remote attacker to execute arbitrary code via the insufficient validation of user-supplied input. […]
  • SEC Consult SA-20240411-0 :: Database Passwords in Server Response in Amazon AWS Glue Aprile 14, 2024
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab via Fulldisclosure on Apr 14SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20240411-0 > ======================================================================= title: Database Passwords in Server Response product: Amazon AWS Glue vulnerable version: until 2024-02-23 fixed version: as of 2024-02-23 CVE number: - impact: medium homepage: https://aws.amazon.com/glue/ found:...
  • [KIS-2024-03] Invision Community <= 4.7.16 (toolbar.php) Remote Code Execution Vulnerability Aprile 11, 2024
    Posted by Egidio Romano on Apr 10------------------------------------------------------------------------------ Invision Community
  • [KIS-2024-02] Invision Community <= 4.7.15 (store.php) SQL Injection Vulnerability Aprile 11, 2024
    Posted by Egidio Romano on Apr 10-------------------------------------------------------------------- Invision Community
  • Multiple Issues in concretecmsv9.2.7 Aprile 11, 2024
    Posted by Andrey Stoykov on Apr 10# Exploit Title: Multiple Web Flaws in concretecmsv9.2.7 # Date: 4/2024 # Exploit Author: Andrey Stoykov # Version: 9.2.7 # Tested on: Ubuntu 22.04 # Blog: http://msecureltd.blogspot.com Verbose Error Message - Stack Trace: 1. Directly browse to edit profile page 2. Error should come up with verbose stack trace […]
  • OXAS-ADV-2024-0001: OX App Suite Security Advisory Aprile 11, 2024
    Posted by Martin Heiland via Fulldisclosure on Apr 10Dear subscribers, We&apos;re sharing our latest advisory with you and like to thank everyone who contributed in finding and solving those vulnerabilities. Feel free to join our bug bounty programs for OX App Suite, Dovecot and PowerDNS at YesWeHack. This advisory has also been published at https://documentation.open-xchange.com/appsuite/security/advisories/html/2024/oxas-adv-2024-0001.html. […]
  • Trojan.Win32.Razy.abc / Insecure Permissions (In memory IPC) Aprile 11, 2024
    Posted by malvuln on Apr 10Discovery / credits: Malvuln (John Page aka hyp3rlinx) (c) 2024 Original source: https://malvuln.com/advisory/0eb4a9089d3f7cf431d6547db3b9484d.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Trojan.Win32.Razy.abc Vulnerability: Insecure Permissions (In memory IPC) Family: Razy Type: PE32 MD5: 0eb4a9089d3f7cf431d6547db3b9484d SHA256: 3d82fee314e7febb8307ccf8a7396b6dd53c7d979a74aa56f3c4a6d0702fd098 Vuln ID: MVID-2024-0678...

Customers

Newsletter

{subscription_form_2}