Logic time bomb Giacomo Lanzi

Logic Bomb: cosa sono e come prevenirle

Estimated reading time: 6 minuti

Una logic bomb, chiamata anche slug code, è un pezzo di codice inserito in un’applicazione, virus o malware che implementa una funzione dannosa dopo un certo limite di tempo o in condizioni specifiche.

Queste “bombe” sono spesso usate tramite virus, worm e Trojan per gestire al meglio il tempo a disposizione e fare il massimo danno prima di essere notati. Eseguono azioni come corrompere o alterare i dati, riformattare un disco rigido e cancellare file importanti.

In questo articolo voglio spiegare cosa sia un bomba logica e offrire qualche suggerimento per prevenirne i danni.

Logic bomb virus

Cos’è un logic bomb virus?

Una bomba logica è spesso inserita in un virus o comunque in un file eseguibile. È composta da un codice malevolo che innesca un attacco quando vengono soddisfatte condizioni specifiche. Le condizioni possono essere positive (qualcosa che accade) oppure negative (qualcosa che non accade). Nel primo caso un esempio è quello dell’apertura di un programma, invece, un esempio di condizione negativa è un utente che non compie il login.

Le bombe logiche sono spesso installate da qualcuno con un accesso di alto livello, come un amministratore di sistema. Tale persona può causare il caos impostando questi codici su più sistemi e programmandoli per “esplodere” simultaneamente quando si verifica un certo evento. Per esempio, potrebbero azionarsi quando un certo dipendente viene rimosso dal database degli stipendiati, cioè quando viene licenziato.

Con il termine slag code ci si riferisce al codice manipolato che rende dannoso un programma altrimenti sicuro. Le versioni a tempo di bomba logica sono quelle più diffuse e utilizzano come condizione positiva il trascorrere di un certo lasso di tempo.

Qualunque sia il nome usato, il metodo di attacco è sempre chiaramente lo stesso: il codice rimane dormiente nel software infetto fino a quando non viene innescato. Gli attacchi comuni coinvolgono la corruzione dei dati, la cancellazione dei file e la cancellazione dei dischi rigidi.

Come funziona

Il modo in cui una logic bomb funziona dipende da chi l’ha ideata. Ogni bomba logica è unica, ed è per questo che sono difficili da tracciare. Di solito sono personalizzate per essere il meno rilevabili possibile. Spesso sono travestite per sembrare un tipico virus informatico o inserite in altri tipi di malware come i worm. Worm e virus sono diversi, ma le bombe logiche non si preoccupano della distinzione: possono causare danni attraverso entrambi.

Una bomba logica è effettivamente un malware? Poiché fanno parte di altri programmi, no, ma di solito hanno un intento maligno. Ecco perché gli slag code sono così difficili da rilevare. Inoltre, essendo “solo” codice, potenzialmente inseribile ovunque, mitigare il rischio è più complicato.

La cosa migliore da fare, come utente finale che potrebbe essere coinvolto in un attacco con una logic bomb, è quello di tenere gli occhi aperti e chiedere agli esperti IT della tua azienda di fare i controlli necessari in caso di dubbio. Il rischio è quello di far scattare la bomba involontariamente cercando di trovarla.

Esempi di attacchi

Le bombe logiche possono cambiare in modo impercettibile un frammento di codice in modo che appaia tecnicamente normale ad un sistema automatico di ricerca delle minacce, mentre sembrerebbe molto sospetto per un occhio umano. Nel 2016, un programmatore freelance ha volontariamente causato un malfunzionamento ricorrente dei fogli di calcolo in una filiale della società Siemens. La filiale lo ha continuato ad assumere per risolvere il problema che lui stesso aveva causato (Fonte). In questo caso, i dipendenti non sospettavano nulla fino a quando una fortunata coincidenza ha costretto il codice maligno a uscire allo scoperto.

Anche le aziende possono usare bombe logiche per violare i propri clienti. Nel 2005, Sony fu coinvolta in uno scandalo per aver rilasciato dei CD che scatenavano una bomba logica quando venivano inseriti in un computer. Lo slag code contenuti nei CD installava un rootkit che bloccava la capacità del PC di copiare i CD. (Fonte)

Un altro caso di alto profilo si è verificato nei primi anni 2000, quando un dipendente di UBS Global, arrabbiato per una disputa salariale, ha piazzato una bomba logica a tempo che ha causato più di tre milioni di dollari di danni. Un segno evidente che uno snippet di codice molto piccolo può causare una grande quantità di danni. (Fonte)

Nel 2013, un attacco con una bomba a tempo in Corea del Sud ha cancellato i dischi rigidi di diverse banche e società di trasmissione. Il gruppo responsabile dell’attacco ha messo la bomba a tempo all’interno di un malware che ha finito per infettare oltre 32.000 sistemi. Le bombe sono esplose tutte insieme, causando il caos in tutto il paese. (Fonte)

Logic bomb cover

Da dove vengono e come prevenire le logic bomb

Come abbiamo visto anche negli esempi, le bombe logiche sono tipicamente distribuite all’interno di una rete chiusa, come quella di un’azienda o di una filiale. Una delle probabili fonti è un dipendente scontento con accessi di amministratore, quindi un attento monitoraggio delle attività in uscita del personale dovrebbe rivelare qualsiasi attività sospetta. Ma non è tutto, le bombe logiche possono anche essere piazzate in allegati di email e download di file sospetti, quindi gli utenti dovrebbero essere vigili quando scelgono i file da scaricare.

Come abbiamo visto quando abbiamo parlato di phishing e di ingegneria sociale, la parte più hackerabile di un sistema, sono spesso gli user. Per questo una campagna preventiva è sempre un’ottima scelta. Prendersi cura del personale significa anche proporre dei training specifici tramite servizi di phishing etico.

Oltre alla prevenzione, è bene limitare i privilegi amministrativi a un gruppo selezionato di dipendenti in modo che sia meno probabile che qualcuno possa causare gravi danni alla rete con una bomba logica. Questo metodo preventivo, inoltre, riduce il numero dei sospetti in caso di attacco, rendendo l’appartenenza a quello specifico gruppo di dipendenti di per sé un deterrente contro gli attacchi interni.

La soluzione proposta da SOD

Dove la prevenzione fallisce e vincono invece gli hacker, è il campo ideale per implementare sistemi avanzati di monitoring e analisi.

SOD offre, per esempio, un sistema SIEM nella soluzione SOC as a Service. Tramite il SIEM vengono costantemente raccolte informazioni su quello che succede nella rete. Queste informazioni vengono poi arricchite con metadati contestuali per uniformarle e gestirle al meglio. Già questo è in grado di far scattare allarmi se alcuni eventi sospetti si verificassero. Ma se questo non bastasse, il SOC dispone anche di uno strumento di “User and Entity Behavior Analysis” (UEBA) che analizza il comportamento degli utenti e grazie all’interazione di una IA riesce a individuare comportamenti sospetti.

Se vuoi saperne di più riguardo al servizio SOC offerto, o se hai delle domande su come SOD può aiutarti a mantenere la tua azienda al sicuro, non esitare a contattarci. Saremo lieti di rispondere a ogni dubbio.

Useful links:

Mobile App Penetration Test & Code Review

Cos’è la Cyber Security? Definizione e proposte

Condividi


RSS

Piu’ articoli…

Categorie …

Tags

RSS CSIRT

RSS darkreading

RSS Full Disclosure

  • SEC Consult SA-20240220-0 :: Multiple Stored Cross-Site Scripting Vulnerabilities in OpenOLAT (Frentix GmbH) Febbraio 21, 2024
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab, Research via Fulldisclosure on Feb 20SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20240220-0 > ======================================================================= title: Multiple Stored Cross-Site Scripting Vulnerabilities product: OpenOLAT (Frentix GmbH) vulnerable version:
  • Re: Buffer Overflow in graphviz via via a crafted config6a file Febbraio 21, 2024
    Posted by Matthew Fernandez on Feb 20The fix for this ended up landing in Graphviz 10.0.1, available at https://graphviz.org/download/. Details of this CVE (CVE-2023-46045) are now published, but the CPEs are incomplete. For those who track such things, the affected range is [2.36.0, 10.0.1).
  • CVE-2024-24681: Insecure AES key in Yealink Configuration Encrypt Tool Febbraio 21, 2024
    Posted by Jeroen J.A.W. Hermans via Fulldisclosure on Feb 20CloudAware Security Advisory CVE-2024-24681: Insecure AES key in Yealink Configuration Encrypt Tool ======================================================================== Summary ======================================================================== A single, vendorwide, hardcoded AES key in the configuration tool used to encrypt provisioning documents was leaked leading to a compromise of confidentiality of provisioning documents....
  • Microsoft Windows Defender / Backdoor:JS/Relvelshe.A / Detection Mitigation Bypass Febbraio 21, 2024
    Posted by hyp3rlinx on Feb 20[+] Credits: John Page (aka hyp3rlinx) [+] Website: hyp3rlinx.altervista.org [+] Source: https://hyp3rlinx.altervista.org/advisories/Windows_Defender_Backdoor_JS.Relvelshe.A_Detection_Mitigation_Bypass.txt [+] twitter.com/hyp3rlinx [+] ISR: ApparitionSec [Vendor] www.microsoft.com [Product] Windows Defender [Vulnerability Type] Detection Mitigation Bypass Backdoor:JS/Relvelshe.A [CVE Reference] N/A [Security Issue] Back in 2022 I released a...
  • Microsoft Windows Defender / VBScript Detection Bypass Febbraio 21, 2024
    Posted by hyp3rlinx on Feb 20[+] Credits: John Page (aka hyp3rlinx) [+] Website: hyp3rlinx.altervista.org [+] Source: https://hyp3rlinx.altervista.org/advisories/MICROSOFT_WINDOWS_DEFENDER_VBSCRIPT_TROJAN_MITIGATION_BYPASS.txt [+] twitter.com/hyp3rlinx [+] ISR: ApparitionSec [Vendor] www.microsoft.com [Product] Windows Defender [Vulnerability Type] Windows Defender VBScript Detection Mitigation Bypass TrojanWin32Powessere.G [CVE Reference] N/A [Security Issue]...
  • Microsoft Windows Defender / Trojan.Win32/Powessere.G / Detection Mitigation Bypass Part 3 Febbraio 21, 2024
    Posted by hyp3rlinx on Feb 20[+] Credits: John Page (aka hyp3rlinx) [+] Website: hyp3rlinx.altervista.org [+] Source: https://hyp3rlinx.altervista.org/advisories/MICROSOFT_WINDOWS_DEFENDER_TROJAN.WIN32.POWESSERE.G_MITIGATION_BYPASS_PART_3.txt [+] twitter.com/hyp3rlinx [+] ISR: ApparitionSec [Vendor] www.microsoft.com [Product] Windows Defender [Vulnerability Type] Windows Defender Detection Mitigation Bypass TrojanWin32Powessere.G [CVE Reference] N/A [Security Issue]...
  • 44CON 2024 September 18th - 20th CFP Febbraio 15, 2024
    Posted by Florent Daigniere via Fulldisclosure on Feb 1544CON is the UK&apos;s largest combined annual Security Conference and Training event. Taking place 18,19,20 of September at the Novotel London West near Hammersmith, London. We will have a fully dedicated conference facility, including catering, private bar, amazing coffee and a daily Gin O’Clock break.         _  […]
  • SEC Consult SA-20240212-0 :: Multiple Stored Cross-Site Scripting vulnerabilities in Statamic CMS Febbraio 14, 2024
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab, Research via Fulldisclosure on Feb 13SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20240212-0 > ======================================================================= title: Multiple Stored Cross-Site Scripting vulnerabilities product: Statamic CMS vulnerable version: =3.4.17 CVE number: CVE-2024-24570 impact: high homepage: https://statamic.com/...
  • Stored XSS and RCE - adaptcmsv3.0.3 Febbraio 14, 2024
    Posted by Andrey Stoykov on Feb 13# Exploit Title: Stored XSS and RCE - adaptcmsv3.0.3 # Date: 02/2024 # Exploit Author: Andrey Stoykov # Version: 3.0.3 # Tested on: Ubuntu 22.04 # Blog: http://msecureltd.blogspot.com *Description* - It was found that adaptcms v3.0.3 was vulnerable to stored cross site scripting - Also the application allowed the […]
  • OXAS-ADV-2023-0007: OX App Suite Security Advisory Febbraio 14, 2024
    Posted by Martin Heiland via Fulldisclosure on Feb 13Dear subscribers, We&apos;re sharing our latest advisory with you and like to thank everyone who contributed in finding and solving those vulnerabilities. Feel free to join our bug bounty programs for OX App Suite, Dovecot and PowerDNS at YesWeHack. This advisory has also been published at https://documentation.open-xchange.com/appsuite/security/advisories/html/2023/oxas-adv-2023-0007.html. […]

Customers

Newsletter

{subscription_form_2}