Penetration Test Interno Piergiorgio Venuti

Perché è fondamentale effettuare il Penetration Test Interno oltre a quello esterno: una guida completa alla sicurezza informatica

Estimated reading time: 5 minuti

In un mondo sempre più connesso e digitalizzato, la sicurezza informatica è diventata una delle principali preoccupazioni per le aziende. Un efficace sistema di protezione deve prevedere la messa in atto di misure sia esterne che interne per garantire la massima sicurezza dei dati e delle risorse aziendali. In questo articolo, esploreremo l’importanza di effettuare il Penetration Test Interno oltre a quello esterno e come il servizio di Vulnerability Assessment e Penetration Test della Secure Online Desktop potrebbe aumentare la sicurezza aziendale.

Introduzione al Penetration Test

Il Penetration Test, o “pentest“, è un processo di valutazione della sicurezza informatica che mira a identificare e sfruttare le vulnerabilità presenti in un sistema, una rete o un’applicazione. L’obiettivo è quello di simulare un attacco da parte di un hacker per scoprire eventuali falle nella sicurezza e correggerle prima che possano essere sfruttate da malintenzionati.

Penetration Test esterno

Il Penetration Test esterno si concentra sull’individuazione e l’analisi delle vulnerabilità presenti nella rete aziendale visibili dall’esterno, ovvero da Internet. Questo tipo di test cerca di sfruttare le falle nei sistemi di protezione perimetrale, come firewall, router, server web e server di posta elettronica. Il pentest esterno è fondamentale per proteggere l’azienda da attacchi esterni e garantire la sicurezza dei dati e delle risorse aziendali.

Penetration Test interno

Il Penetration Test interno, invece, si focalizza sull’analisi delle vulnerabilità presenti all’interno della rete aziendale. Questo tipo di test simula un attacco da parte di un utente malintenzionato che ha già superato le barriere di protezione perimetrale o che ha accesso fisico all’interno dell’azienda. Il pentest interno è essenziale per identificare e correggere le falle nella sicurezza interna, prevenendo così furti di dati o sabotaggi da parte di dipendenti insoddisfatti, ex collaboratori o visitatori.

Perché è utile effettuare il Penetration Test Interno oltre a quello esterno

Effettuare il Penetration Test Interno oltre a quello esterno è fondamentale per una serie di motivi:

  1. Protezione completa: Un’analisi completa delle vulnerabilità aziendali deve prevedere l’individuazione e la correzione delle falle sia esterne che interne. Non è sufficiente proteggere l’azienda dagli attacchi dall’esterno se esistono vulnerabilità interne che possono essere sfruttate da malintenzionati.
  2. Minaccia interna: Le statistiche mostrano che una percentuale significativa di attacchi informatici ha origine all’interno delle organizzazioni. Dipendenti insoddisfatti, ex collaboratori o visitatori potrebbero cercare di sfruttare le vulnerabilità interne per danneggiare l’azienda o rubare dati sensibili. Il Penetration Test interno permette di identificare e correggere queste falle prima che possano essere sfruttate.
  3. Evoluzione delle minacce: Le metodologie di attacco utilizzate dagli hacker sono in continua evoluzione e diventano sempre più sofisticate. Effettuare regolarmente il Penetration Test interno oltre a quello esterno permette di valutare l’efficacia delle misure di sicurezza adottate e di adeguarle alle nuove minacce.
  4. Conformità normativa: In molti casi, la conformità alle normative sulla protezione dei dati o sulla sicurezza delle informazioni richiede la realizzazione di Penetration Test interni oltre a quelli esterni. Eseguire entrambi i test garantisce il rispetto delle leggi e delle regolamentazioni in materia di sicurezza informatica.

Come gli hacker possono sfruttare le vulnerabilità interne essendo all’esterno del perimetro aziendale

Gli hacker sono sempre alla ricerca di modi ingegnosi per sfruttare le vulnerabilità interne delle aziende, anche quando si trovano all’esterno del perimetro di protezione. Ecco alcuni esempi di come potrebbero farlo:

  1. Phishing e social engineering: Gli attacchi di phishing e le tecniche di social engineering mirano a ingannare gli utenti per ottenere credenziali di accesso, informazioni sensibili o installare malware all’interno della rete aziendale. Una volta ottenuto l’accesso, gli hacker possono sfruttare le vulnerabilità interne per diffondere ulteriormente il malware, accedere a dati sensibili o compromettere altri sistemi.
  2. Exploit di vulnerabilità zero-day: Le vulnerabilità zero-day sono falle di sicurezza non ancora scoperte e corrette dai produttori di software. Gli hacker possono sfruttare queste vulnerabilità per penetrare all’interno della rete aziendale e accedere a risorse e dati sensibili.
  3. Attacchi alla catena di approvvigionamento: Gli attacchi alla catena di approvvigionamento mirano a compromettere il software o l’hardware utilizzato dalle aziende, inserendo malware o backdoor prima che i prodotti arrivino all’organizzazione. Una volta installati, questi componenti compromessi possono essere utilizzati per accedere alla rete interna e sfruttare le vulnerabilità esistenti.
  4. Attacchi Man-in-the-Middle (MitM): Gli attacchi MitM si verificano quando un hacker intercetta e modifica il traffico tra due parti comunicanti, come ad esempio un utente e un server. Questo tipo di attacco può essere utilizzato per rubare credenziali di accesso, intercettare dati sensibili o iniettare malware nella rete aziendale.

Il servizio di Vulnerability Assessment e Penetration Test della Secure Online Desktop

La Secure Online Desktop offre un servizio di Vulnerability Assessment e Penetration Test completo e personalizzato per le aziende, che comprende sia test esterni che interni. Ecco come il servizio può contribuire a migliorare la sicurezza informatica delle aziende:

  1. Identificazione delle vulnerabilità: Il servizio di Vulnerability Assessment e Penetration Test permette di identificare le falle di sicurezza presenti nei sistemi, nelle reti e nelle applicazioni aziendali, sia a livello esterno che interno.
  2. Correzione delle vulnerabilità: Una volta individuate le vulnerabilità, gli esperti della Secure Online Desktop forniscono raccomandazioni dettagliate su come correggerle e migliorare la sicurezza complessiva dell’azienda.
  3. Monitoraggio continuo: Il servizio di Vulnerability Assessment e Penetration Test prevede un monitoraggio continuo delle vulnerabilità e delle minacce, garantendo così una protezione costante e aggiornata delle risorse aziendali.
  4. Formazione e consapevolezza: Secure Online Desktop offre anche servizi di formazione e sensibilizzazione per il personale, al fine di migliorare la cultura della sicurezza all’interno dell’organizzazione e ridurre il rischio di attacchi basati sull’inganno o l’errore umano.

Conclusione

In conclusione, effettuare il Penetration Test Interno oltre a quello esterno è fondamentale per garantire la sicurezza informatica delle aziende in un mondo sempre più digitalizzato e connesso. Il servizio di Vulnerability Assessment e Penetration Test della Secure Online Desktop permette di identificare, correggere e monitorare le vulnerabilità esterne e interne, offrendo una protezione completa e aggiornata delle risorse aziendali.

Useful links:

Condividi


RSS

Piu’ articoli…

Categorie …

Tags

RSS CSIRT

  • Rilevato sfruttamento in rete di vulnerabilità relative a OpenMetadata (AL03/240422/CSIRT-ITA) Aprile 22, 2024
    Rilevato lo sfruttamento attivo in rete di 5 vulnerabilità, di cui una con gravità “critica” - già sanate dal vendor il 15 marzo 2024 - in carichi di lavoro Kubernetes di OpenMetadata, piattaforma open source per la gestione di metadati. Tali vulnerabilità, potrebbero consentire a un attaccante remoto l'esecuzione arbitraria di codice sulle istanze Kubernetes […]
  • Sanate vulnerabilità su GitHub Enterprise Server (AL02/240422/CSIRT-ITA) Aprile 22, 2024
    Rilasciati aggiornamenti di sicurezza che risolvono 3 vulnerabilità, di cui 2 con gravità “alta”, in GitHub Enterprise Server, nota piattaforma di sviluppo software.
  • Vulnerabilità in prodotti Solarwinds (AL01/240422/CSIRT-ITA) Aprile 22, 2024
    Rilevate 2 vulnerabilità di sicurezza con gravità “alta” in SolarWinds Platform. Tali vulnerabilità, qualora sfruttate, potrebbero permettere l’accesso e la manipolazione di informazioni sensibili sui dispositivi interessati.
  • La Settimana Cibernetica del 21 aprile 2024 Aprile 22, 2024
    Scarica il riepilogo delle notizie pubblicate dallo CSIRT Italia dal 15 al 21 aprile 2024.
  • Risolte vulnerabilità in prodotti Cisco (AL04/240418/CSIRT-ITA) - Aggiornamento Aprile 19, 2024
    Aggiornamenti di sicurezza Cisco sanano alcune vulnerabilità, di cui 2 con gravità “alta” presenti nell'interfaccia web e nell'interfaccia a linea di comando (CLI) del prodotto Integrated Management Controller (IMC). Tali vulnerabilità qualora sfruttate, potrebbero permettere l’esecuzione di codice arbitrario sui dispositivi interessati.
  • Aggiornamenti per ClamAV (AL05/240418/CSIRT-ITA) Aprile 18, 2024
    Sanata vulnerabilità di sicurezza con gravità “alta” in ClamAV, noto software antivirus multipiattaforma open source. Tale vulnerabilità, qualora sfruttata, potrebbe permettere la compromissione della disponibilità del servizio sui dispositivi interessati.
  • Ivanti: risolte vulnerabilità nel prodotto Avalanche (AL03/240418/CSIRT-ITA) Aprile 18, 2024
    Ivanti rilascia aggiornamenti di sicurezza che risolvono molteplici vulnerabilità, di cui 2 con gravità “critica” e 17 con gravità “alta”, relative al prodotto Avalanche, soluzione di Enterprise Mobility Management (EMM) e Mobile Device Management (MDM). Tali vulnerabilità, qualora sfruttate, potrebbero permettere, a un utente malintenzionato remoto, la compromissione della disponibilità del servizio, l’esecuzione di codice […]
  • Rilevate vulnerabilità in prodotti Atlassian (AL02/240418/CSIRT-ITA) Aprile 18, 2024
    Aggiornamenti di sicurezza sanano 6 vulnerabilità con gravità “alta”, presenti nei propri prodotti.
  • Vulnerabilità in prodotti Solarwinds (AL01/240418/CSIRT-ITA) Aprile 18, 2024
    Rilevata vulnerabilità di sicurezza in SolarWinds Serv-U, software per il trasferimento dati sicuro (Managed File Transfer - MFT). Tale vulnerabilità, qualora sfruttata da un utente remoto con privilegi elevati, potrebbe permettere l’esecuzione di codice arbitrario sui sistemi interessati, attraverso la manipolazione impropria dei percorsi delle directory (Directory Traversal)
  • Aggiornamenti di sicurezza per prodotti Mozilla (AL03/240417/CSIRT-ITA) Aprile 17, 2024
    Mozilla ha rilasciato aggiornamenti di sicurezza per sanare alcune vulnerabilità, di cui 9 con gravità “alta”, nei prodotti Firefox e Firefox ESR.

RSS darkreading

RSS Full Disclosure

  • BACKDOOR.WIN32.DUMADOR.C / Remote Stack Buffer Overflow (SEH) Aprile 19, 2024
    Posted by malvuln on Apr 19Discovery / credits: Malvuln (John Page aka hyp3rlinx) (c) 2024 Original source: https://malvuln.com/advisory/6cc630843cabf23621375830df474bc5.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Dumador.c Vulnerability: Remote Stack Buffer Overflow (SEH) Description: The malware runs an FTP server on TCP port 10000. Third-party adversaries who can reach the server can send a specially […]
  • SEC Consult SA-20240418-0 :: Broken authorization in Dreamehome app Aprile 19, 2024
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab via Fulldisclosure on Apr 19SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20240418-0 > ======================================================================= title: Broken authorization product: Dreamehome app vulnerable version:
  • MindManager 23 - full disclosure Aprile 19, 2024
    Posted by Pawel Karwowski via Fulldisclosure on Apr 19Resending! Thank you for your efforts. GitHub - pawlokk/mindmanager-poc: public disclosure Affected application: MindManager23_setup.exe Platform: Windows Issue: Local Privilege Escalation via MSI installer Repair Mode (EXE hijacking race condition) Discovered and reported by: Pawel Karwowski and Julian Horoszkiewicz (Eviden Red Team) Proposed mitigation:...
  • CVE-2024-31705 Aprile 14, 2024
    Posted by V3locidad on Apr 14CVE ID: CVE-2024-31705 Title : RCE to Shell Commands" Plugin / GLPI Shell Command Management Interface Affected Product : GLPI - 10.X.X and last version Description: An issue in Infotel Conseil GLPI v.10.X.X and after allows a remote attacker to execute arbitrary code via the insufficient validation of user-supplied input. […]
  • SEC Consult SA-20240411-0 :: Database Passwords in Server Response in Amazon AWS Glue Aprile 14, 2024
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab via Fulldisclosure on Apr 14SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20240411-0 > ======================================================================= title: Database Passwords in Server Response product: Amazon AWS Glue vulnerable version: until 2024-02-23 fixed version: as of 2024-02-23 CVE number: - impact: medium homepage: https://aws.amazon.com/glue/ found:...
  • [KIS-2024-03] Invision Community <= 4.7.16 (toolbar.php) Remote Code Execution Vulnerability Aprile 11, 2024
    Posted by Egidio Romano on Apr 10------------------------------------------------------------------------------ Invision Community
  • [KIS-2024-02] Invision Community <= 4.7.15 (store.php) SQL Injection Vulnerability Aprile 11, 2024
    Posted by Egidio Romano on Apr 10-------------------------------------------------------------------- Invision Community
  • Multiple Issues in concretecmsv9.2.7 Aprile 11, 2024
    Posted by Andrey Stoykov on Apr 10# Exploit Title: Multiple Web Flaws in concretecmsv9.2.7 # Date: 4/2024 # Exploit Author: Andrey Stoykov # Version: 9.2.7 # Tested on: Ubuntu 22.04 # Blog: http://msecureltd.blogspot.com Verbose Error Message - Stack Trace: 1. Directly browse to edit profile page 2. Error should come up with verbose stack trace […]
  • OXAS-ADV-2024-0001: OX App Suite Security Advisory Aprile 11, 2024
    Posted by Martin Heiland via Fulldisclosure on Apr 10Dear subscribers, We&apos;re sharing our latest advisory with you and like to thank everyone who contributed in finding and solving those vulnerabilities. Feel free to join our bug bounty programs for OX App Suite, Dovecot and PowerDNS at YesWeHack. This advisory has also been published at https://documentation.open-xchange.com/appsuite/security/advisories/html/2024/oxas-adv-2024-0001.html. […]
  • Trojan.Win32.Razy.abc / Insecure Permissions (In memory IPC) Aprile 11, 2024
    Posted by malvuln on Apr 10Discovery / credits: Malvuln (John Page aka hyp3rlinx) (c) 2024 Original source: https://malvuln.com/advisory/0eb4a9089d3f7cf431d6547db3b9484d.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Trojan.Win32.Razy.abc Vulnerability: Insecure Permissions (In memory IPC) Family: Razy Type: PE32 MD5: 0eb4a9089d3f7cf431d6547db3b9484d SHA256: 3d82fee314e7febb8307ccf8a7396b6dd53c7d979a74aa56f3c4a6d0702fd098 Vuln ID: MVID-2024-0678...

Customers

Newsletter

{subscription_form_2}