CSIRT Piergiorgio Venuti

CSIRT: rispondere agli incidenti IT per proteggere il business

Estimated reading time: 6 minuti

Introduzione

Negli ultimi anni, la sicurezza informatica è diventata una priorità per tutte le aziende, di qualsiasi dimensione. Gli attacchi informatici sono sempre più sofisticati e possono causare gravi danni, sia economici che reputazionali. Per proteggersi dagli attacchi, le aziende devono adottare soluzioni di cybersecurity a 360 gradi, che includano non solo strumenti di prevenzione ma anche di rilevazione e risposta agli incidenti.

In questo contesto, il CSIRT (Computer Security Incident Response Team) gioca un ruolo chiave. Ma cos’è esattamente un CSIRT e come può aiutare un’azienda a gestire gli incidenti informatici?

Cos’è un CSIRT?

CSIRT è l’acronimo di Computer Security Incident Response Team. Si tratta di una struttura organizzativa dedicata alla gestione degli incidenti informatici all’interno di un’azienda o organizzazione.

Il CSIRT ha il compito di prevenire, rilevare, analizzare e rispondere a violazioni della sicurezza o ad altri eventi informatici che possano mettere a rischio i sistemi e le informazioni aziendali.

In sostanza, il CSIRT costituisce il primo livello di risposta agli incidenti cyber che si possono verificare all’interno di un’organizzazione. Grazie al CSIRT, le aziende possono affrontare questi incidenti in modo rapido ed efficace, mitigando i danni ed evitando potenziali violazioni di dati.

Compiti e attività di un CSIRT

I compiti principali di un CSIRT sono:

  • Monitoraggio: il CSIRT monitora costantemente l’infrastruttura IT aziendale per identificare minacce emergenti e rilevare potenziali incidenti di sicurezza. Questa attività viene svolta tramite strumenti come IDS/IPS, SIEM, sistemi di endpoint detection e threat intelligence.
  • Analisi: una volta rilevato un potenziale incidente, il CSIRT avvia immediatamente le procedure di analisi per determinarne la gravità e l’origine. Questa fase prevede attività di digital forensics, malware analysis e correlazione di eventi.
  • Contenimento: dopo aver analizzato un incidente, il CSIRT attua tutte le misure necessarie per contenerlo ed evitare che si diffonda ulteriormente nel sistema informatico aziendale. Ad esempio, può isolare un malware o bloccare un account compromesso.
  • Ripristino: il CSIRT lavora per ripristinare i sistemi e i servizi colpiti da un incidente, minimizzando i tempi di inattività. Ad esempio, può reinstallare server compromessi o recuperare dati da backup.
  • Comunicazione: durante e dopo un incidente, il CSIRT si coordina strettamente con i vertici aziendali, i responsabili IT e gli enti esterni come le forze dell’ordine. Una comunicazione trasparente e tempestiva è essenziale.
  • Prevenzione: sulla base delle lezioni apprese da ogni incidente, il CSIRT identifica misure proattive per rafforzare la sicurezza ed evitare il ripetersi di attacchi simili.

Per svolgere queste attività in modo efficace, il CSIRT utilizza una vasta gamma di strumenti tecnologici, oltre a un solido know-how nell’ambito della cybersecurity.

Modelli organizzativi di un CSIRT

I CSIRT possono essere organizzati secondo diversi modelli, in base alle dimensioni e alle esigenze specifiche di ogni azienda:

  • CSIRT interno: team di sicurezza IT interno all’azienda, dedicato alla gestione degli incidenti. È il modello più comune nelle grandi aziende.
  • CSIRT esterno: servizio fornito da una società esterna specializzata in cybersecurity incident response. Utile per le PMI.
  • CSIRT nazionali: team governativi che supportano la protezione di infrastrutture critiche a livello nazionale. Ad esempio, il CSIRT Italia.
  • CERT: modello tradizionale con focus su ricerca e condivisione di informazioni sulle vulnerabilità.

Indipendentemente dal modello, è fondamentale che il CSIRT sia ben integrato con i processi IT e di business dell’azienda. Deve inoltre seguire best practice consolidate per la gestione degli incidenti di sicurezza informatica.

Perché dotarsi di un CSIRT?

Dotarsi di un CSIRT porta numerosi vantaggi alle aziende, tra cui:

  • Risposta rapida agli incidenti: il CSIRT permette di rilevare e analizzare gli attacchi in tempi rapidissimi, contenendo i danni.
  • Protezione del business: il CSIRT minimizza l’impatto degli incidenti e i tempi di inattività di sistemi e servizi.
  • Conformità normativa: il CSIRT aiuta a garantire la conformità a normative sulla cybersecurity e privacy come GDPR e NIS.
  • Condivisione delle conoscenze: il CSIRT diffonde una cultura della sicurezza in azienda e condivide le lesson learned da ogni incidente.
  • Riduzione dei costi: rilevare e contenere rapidamente gli incidenti consente di ridurre significativamente i costi legati ai data breach.
  • Reputazione: un CSIRT efficace trasmette un’immagine di affidabilità ai clienti e partner aziendali.

Come implementare un CSIRT efficace

Per implementare un CSIRT realmente efficace e integrato nei processi aziendali, è importante seguire alcune best practice:

  • Creare un chiaro modello di governance con ruoli e responsabilità ben definite
  • Stabilire solidi processi e procedure operative, basati su framework consolidati (es. NIST)
  • Dotare il CSIRT di risorse umane adeguate, con competenze tecniche e soft skills
  • Garantire la piena collaborazione tra CSIRT e vertici IT, Infosec e business continuity
  • Investire in tecnologie all’avanguardia per il rilevamento, l’analisi e la risposta agli incidenti
  • Promuovere una cultura della sicurezza e del miglioramento continuo in azienda
  • Partecipare alle comunità di condivisione delle informazioni su minacce cyber
  • Pianificare attività di training, esercitazioni e simulazioni per testare le capacità del CSIRT

Il CSIRT in azione: strumenti e attività

Vediamo ora più nel dettaglio alcuni degli strumenti chiave utilizzati dai CSIRT e le tipiche attività svolte nelle diverse fasi della gestione di un incidente di sicurezza informatica.

Monitoraggio e rilevamento

Per identificare indicatori di compromissione e rilevare tempestivamente incidenti, i CSIRT utilizzano:

  • SIEM: correla ed analizza in
  • tempo reale eventi e log da sorgenti diverse. Rileva attività anomale.
  • IDS/IPS: monitorano il traffico di rete intercettando attacchi come exploit, malware e DDoS.
  • EDR (Endpoint Detection and Response): monitora endpoint, server, dispositivi IoT per rilevare malware, attacchi mirati e comportamenti anomali.
  • Threat intelligence: feed costantemente aggiornati con IOC (indicatori di compromissione) per rilevare minacce note e nuove TTP (tattiche e tecniche) degli attaccanti.
  • Honeypot e deception technology: trasgannano gli attaccanti facendo credere loro di aver compromesso asset di valore.
  • Vulnerability assessment: scansioni periodiche di sicurezza per identificare vulnerabilità da patchare.

Analisi e containment

Una volta rilevato un potenziale incidente, il CSIRT svolge indagini approfondite utilizzando:

  • Digital forensics: acquisizione ed analisi forense di dischi, memoria e log per ricostruire la “crime scene”.
  • Malware reverse engineering: analisi del codice malware per comprendere le capacità offensive.
  • Network traffic capture and analysis: cattura e analisi del traffico di rete per identificare connessioni anomale.
  • Threat hunting: ricerca proattiva di intrusioni e movimenti laterali degli attaccanti all’interno della rete.

Per contenere un incidente, il CSIRT può:

  • Isolare e spegnere sistemi compromessi
  • Revocare privilegi e modificare password
  • Bloccare account, indirizzi IP, domini malevoli
  • Fermare servizi e processi maligni
  • Eliminare file infetti dai sistemi

Ripristino e condivisione informazioni

Nella fase di ripristino, il CSIRT:

  • Ripristina sistemi compromessi tramite reinstallazione pulita
  • Recupera dati integri dai backup
  • Riconfigura dispositivi di rete e sicurezza
  • Ricontrolla l’intera infrastruttura per escludere ulteriori compromissioni

In seguito all’incidente, condivide informazioni dettagliate tramite report interni e piattaforme di threat sharing per evitare il ripetersi dell’attacco.

Conclusione

Abbiamo visto cosa sono i CSIRT, quali sono i loro compiti principali e come possono aiutare un’azienda a rilevare e gestire incidenti di sicurezza informatica in modo rapido ed efficace.

Dotarsi di un CSIRT, interno o esterno, è diventato indispensabile per qualsiasi organizzazione che voglia proteggere i propri asset digitali e la continuità di business. Tuttavia, per trarre i massimi benefici da un CSIRT è importante integrarlo nei processi aziendali e dotarlo di risorse e competenze adeguate.

La sicurezza non è mai un traguardo, ma un percorso continuo. Per questo, oltre ad un CSIRT è importante per le aziende adottare soluzioni proattive di prevenzione come [EDR] e servizi specializzati di threat detection e response forniti da società come [NOI]. Non è mai troppo tardi per alzare il proprio livello di cyber-resilienza!

Useful links:

Condividi


RSS

Piu’ articoli…

Categorie …

Tags

RSS CSIRT

RSS darkreading

RSS Full Disclosure

  • SEC Consult SA-20240220-0 :: Multiple Stored Cross-Site Scripting Vulnerabilities in OpenOLAT (Frentix GmbH) Febbraio 21, 2024
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab, Research via Fulldisclosure on Feb 20SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20240220-0 > ======================================================================= title: Multiple Stored Cross-Site Scripting Vulnerabilities product: OpenOLAT (Frentix GmbH) vulnerable version:
  • Re: Buffer Overflow in graphviz via via a crafted config6a file Febbraio 21, 2024
    Posted by Matthew Fernandez on Feb 20The fix for this ended up landing in Graphviz 10.0.1, available at https://graphviz.org/download/. Details of this CVE (CVE-2023-46045) are now published, but the CPEs are incomplete. For those who track such things, the affected range is [2.36.0, 10.0.1).
  • CVE-2024-24681: Insecure AES key in Yealink Configuration Encrypt Tool Febbraio 21, 2024
    Posted by Jeroen J.A.W. Hermans via Fulldisclosure on Feb 20CloudAware Security Advisory CVE-2024-24681: Insecure AES key in Yealink Configuration Encrypt Tool ======================================================================== Summary ======================================================================== A single, vendorwide, hardcoded AES key in the configuration tool used to encrypt provisioning documents was leaked leading to a compromise of confidentiality of provisioning documents....
  • Microsoft Windows Defender / Backdoor:JS/Relvelshe.A / Detection Mitigation Bypass Febbraio 21, 2024
    Posted by hyp3rlinx on Feb 20[+] Credits: John Page (aka hyp3rlinx) [+] Website: hyp3rlinx.altervista.org [+] Source: https://hyp3rlinx.altervista.org/advisories/Windows_Defender_Backdoor_JS.Relvelshe.A_Detection_Mitigation_Bypass.txt [+] twitter.com/hyp3rlinx [+] ISR: ApparitionSec [Vendor] www.microsoft.com [Product] Windows Defender [Vulnerability Type] Detection Mitigation Bypass Backdoor:JS/Relvelshe.A [CVE Reference] N/A [Security Issue] Back in 2022 I released a...
  • Microsoft Windows Defender / VBScript Detection Bypass Febbraio 21, 2024
    Posted by hyp3rlinx on Feb 20[+] Credits: John Page (aka hyp3rlinx) [+] Website: hyp3rlinx.altervista.org [+] Source: https://hyp3rlinx.altervista.org/advisories/MICROSOFT_WINDOWS_DEFENDER_VBSCRIPT_TROJAN_MITIGATION_BYPASS.txt [+] twitter.com/hyp3rlinx [+] ISR: ApparitionSec [Vendor] www.microsoft.com [Product] Windows Defender [Vulnerability Type] Windows Defender VBScript Detection Mitigation Bypass TrojanWin32Powessere.G [CVE Reference] N/A [Security Issue]...
  • Microsoft Windows Defender / Trojan.Win32/Powessere.G / Detection Mitigation Bypass Part 3 Febbraio 21, 2024
    Posted by hyp3rlinx on Feb 20[+] Credits: John Page (aka hyp3rlinx) [+] Website: hyp3rlinx.altervista.org [+] Source: https://hyp3rlinx.altervista.org/advisories/MICROSOFT_WINDOWS_DEFENDER_TROJAN.WIN32.POWESSERE.G_MITIGATION_BYPASS_PART_3.txt [+] twitter.com/hyp3rlinx [+] ISR: ApparitionSec [Vendor] www.microsoft.com [Product] Windows Defender [Vulnerability Type] Windows Defender Detection Mitigation Bypass TrojanWin32Powessere.G [CVE Reference] N/A [Security Issue]...
  • 44CON 2024 September 18th - 20th CFP Febbraio 15, 2024
    Posted by Florent Daigniere via Fulldisclosure on Feb 1544CON is the UK&apos;s largest combined annual Security Conference and Training event. Taking place 18,19,20 of September at the Novotel London West near Hammersmith, London. We will have a fully dedicated conference facility, including catering, private bar, amazing coffee and a daily Gin O’Clock break.         _  […]
  • SEC Consult SA-20240212-0 :: Multiple Stored Cross-Site Scripting vulnerabilities in Statamic CMS Febbraio 14, 2024
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab, Research via Fulldisclosure on Feb 13SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20240212-0 > ======================================================================= title: Multiple Stored Cross-Site Scripting vulnerabilities product: Statamic CMS vulnerable version: =3.4.17 CVE number: CVE-2024-24570 impact: high homepage: https://statamic.com/...
  • Stored XSS and RCE - adaptcmsv3.0.3 Febbraio 14, 2024
    Posted by Andrey Stoykov on Feb 13# Exploit Title: Stored XSS and RCE - adaptcmsv3.0.3 # Date: 02/2024 # Exploit Author: Andrey Stoykov # Version: 3.0.3 # Tested on: Ubuntu 22.04 # Blog: http://msecureltd.blogspot.com *Description* - It was found that adaptcms v3.0.3 was vulnerable to stored cross site scripting - Also the application allowed the […]
  • OXAS-ADV-2023-0007: OX App Suite Security Advisory Febbraio 14, 2024
    Posted by Martin Heiland via Fulldisclosure on Feb 13Dear subscribers, We&apos;re sharing our latest advisory with you and like to thank everyone who contributed in finding and solving those vulnerabilities. Feel free to join our bug bounty programs for OX App Suite, Dovecot and PowerDNS at YesWeHack. This advisory has also been published at https://documentation.open-xchange.com/appsuite/security/advisories/html/2023/oxas-adv-2023-0007.html. […]

Customers

Newsletter

{subscription_form_2}