Initial Access Broker Piergiorgio Venuti

Initial Access Broker: La minaccia invisibile che mette a rischio la sicurezza informatica

Estimated reading time: 5 minuti

Initial Access Broker (IAB)

La sicurezza informatica è un tema sempre più rilevante nell’era digitale in cui viviamo. Le minacce informatiche sono in costante evoluzione e diventano sempre più sofisticate, rendendo necessario un impegno crescente nella protezione dei nostri dati e delle nostre reti. Un attore fondamentale e spesso sottovalutato in questo panorama è l’Initial Access Broker (IAB), una figura che rappresenta un vero e proprio punto di rottura nella catena di sicurezza delle organizzazioni. In questo articolo, analizzeremo il ruolo dell’Initial Access Broker, le sue modalità operative e le possibili strategie per contrastare efficacemente questa minaccia invisibile.

Cos’è un Initial Access Broker (IAB)?

Un Initial Access Broker (IAB) è un attore malintenzionato o un gruppo di cybercriminali che si specializza nel guadagnare accesso iniziale alle reti delle vittime, per poi rivendere queste intrusioni ad altri attori, come gruppi di ransomware o gruppi di spionaggio. Gli IAB sono diventati una componente fondamentale nel panorama delle minacce informatiche, poiché offrono un servizio chiavi in mano per gli attacchi informatici di alto livello, riducendo il lavoro e il tempo necessario per portare a termine operazioni complesse.

Come operano gli Initial Access Broker?

Gli Initial Access Broker utilizzano una varietà di tecniche per guadagnare accesso alle reti delle vittime. Tra le più comuni, possiamo citare:

Phishing e spear-phishing

Il phishing è una tecnica di ingegneria sociale che mira a ingannare gli utenti per convincerli a fornire informazioni sensibili, come credenziali di accesso e dati finanziari. Gli IAB spesso creano campagne di phishing personalizzate per target specifici, sfruttando le informazioni disponibili sulle vittime per aumentare la probabilità di successo. Il spear-phishing, in particolare, si concentra su un individuo o un’organizzazione specifica, rendendo l’attacco più mirato e difficile da rilevare.

Vulnerabilità software e exploit

Gli IAB monitorano costantemente il panorama delle vulnerabilità software e sfruttano le falle di sicurezza per infiltrarsi nelle reti delle vittime. L’uso di exploit zero-day, ovvero exploit per vulnerabilità non ancora note al pubblico o ai produttori del software, è particolarmente preoccupante, poiché rende molto difficile la difesa da parte delle organizzazioni.

Brute force e attacchi a dizionario

Gli Initial Access Broker possono anche utilizzare tecniche di brute force o attacchi a dizionario per indovinare le credenziali di accesso delle vittime. Queste tecniche sono particolarmente efficaci quando gli utenti utilizzano password deboli o facilmente indovinabili.

Il mercato dell’accesso iniziale

Una volta ottenuto l’accesso iniziale alle reti delle vittime, gli IAB rivendono queste intrusioni sul dark web o attraverso canali privati. Il prezzo di vendita dipende dalla qualità dell’accesso ottenuto e dalle potenziali ricompense che l’acquirente può ottenere dall’attacco. Ad esempio, l’accesso a una rete di un’organizzazione governativa o di un’azienda di alto profilo avrà un prezzo più alto rispetto a quello di un’organizzazione più piccola o meno interessante.

Come difendersi dagli Initial Access Broker?

Contrastare gli Initial Access Broker richiede un approccio multilivello alla sicurezza informatica. Alcune strategie chiave includono:

IAB

Formazione degli utenti

La formazione degli utenti è fondamentale per ridurre il successo delle campagne di phishing e spear-phishing. Gli utenti dovrebbero essere informati sui rischi associati all’apertura di e-mail sospette, all’utilizzo di password deboli e alla condivisione di informazioni sensibili online.

Patch management

Assicurarsi che tutti i software e i sistemi operativi siano aggiornati con le ultime patch di sicurezza è essenziale per proteggere le reti dalle vulnerabilità sfruttate dagli Initial Access Broker. Un processo di patch management efficace e tempestivo riduce significativamente le opportunità di attacco.

Monitoraggio e analisi delle minacce

La sorveglianza proattiva delle minacce e l’analisi delle tendenze nel panorama delle minacce informatiche possono aiutare le organizzazioni a identificare e prevenire gli attacchi degli Initial Access Broker. L’uso di soluzioni di sicurezza avanzate, come i sistemi di rilevamento e prevenzione delle intrusioni (IDPS) e i sistemi di gestione degli eventi e delle informazioni sulla sicurezza (SIEM), può fornire una visione completa delle attività sospette all’interno della rete e consentire un intervento tempestivo.

Autenticazione a più fattori

L’implementazione dell’autenticazione a più fattori (MFA) aggiunge un ulteriore livello di sicurezza alle credenziali di accesso, rendendo più difficile per gli Initial Access Broker ottenere l’accesso alle reti delle vittime. L’MFA richiede che gli utenti forniscono almeno due forme di verifica per accedere a un sistema, come una password e un codice di verifica inviato al loro dispositivo mobile.

Segmentazione della rete e principio del minimo privilegio

Limitare l’accesso alle risorse di rete solo a coloro che ne hanno effettivamente bisogno e segmentare la rete per isolare le parti più critiche può ridurre significativamente il danno causato da un’eventuale intrusione. L’applicazione del principio del minimo privilegio, che prevede l’assegnazione di diritti e permessi solo in base alle necessità specifiche degli utenti, è un altro strumento importante per contrastare gli Initial Access Broker.

Conclusione

Gli Initial Access Broker rappresentano una minaccia invisibile ma crescente nel panorama della sicurezza informatica, facilitando l’accesso alle reti delle vittime per altri attori malintenzionati. Per proteggersi efficacemente da questa minaccia, le organizzazioni devono adottare un approccio multilivello alla sicurezza, investendo nella formazione degli utenti, nel patch management, nel monitoraggio delle minacce, nell’autenticazione a più fattori e nella segmentazione della rete. Solo attraverso un’attenzione costante e l’adattamento alle nuove sfide sarà possibile difendere le nostre reti e i nostri dati dagli attacchi degli Initial Access Broker.

Useful links:

Condividi


RSS

Piu’ articoli…

Categorie …

Tags

RSS CSIRT

RSS darkreading

RSS Full Disclosure

  • SEC Consult SA-20240220-0 :: Multiple Stored Cross-Site Scripting Vulnerabilities in OpenOLAT (Frentix GmbH) Febbraio 21, 2024
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab, Research via Fulldisclosure on Feb 20SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20240220-0 > ======================================================================= title: Multiple Stored Cross-Site Scripting Vulnerabilities product: OpenOLAT (Frentix GmbH) vulnerable version:
  • Re: Buffer Overflow in graphviz via via a crafted config6a file Febbraio 21, 2024
    Posted by Matthew Fernandez on Feb 20The fix for this ended up landing in Graphviz 10.0.1, available at https://graphviz.org/download/. Details of this CVE (CVE-2023-46045) are now published, but the CPEs are incomplete. For those who track such things, the affected range is [2.36.0, 10.0.1).
  • CVE-2024-24681: Insecure AES key in Yealink Configuration Encrypt Tool Febbraio 21, 2024
    Posted by Jeroen J.A.W. Hermans via Fulldisclosure on Feb 20CloudAware Security Advisory CVE-2024-24681: Insecure AES key in Yealink Configuration Encrypt Tool ======================================================================== Summary ======================================================================== A single, vendorwide, hardcoded AES key in the configuration tool used to encrypt provisioning documents was leaked leading to a compromise of confidentiality of provisioning documents....
  • Microsoft Windows Defender / Backdoor:JS/Relvelshe.A / Detection Mitigation Bypass Febbraio 21, 2024
    Posted by hyp3rlinx on Feb 20[+] Credits: John Page (aka hyp3rlinx) [+] Website: hyp3rlinx.altervista.org [+] Source: https://hyp3rlinx.altervista.org/advisories/Windows_Defender_Backdoor_JS.Relvelshe.A_Detection_Mitigation_Bypass.txt [+] twitter.com/hyp3rlinx [+] ISR: ApparitionSec [Vendor] www.microsoft.com [Product] Windows Defender [Vulnerability Type] Detection Mitigation Bypass Backdoor:JS/Relvelshe.A [CVE Reference] N/A [Security Issue] Back in 2022 I released a...
  • Microsoft Windows Defender / VBScript Detection Bypass Febbraio 21, 2024
    Posted by hyp3rlinx on Feb 20[+] Credits: John Page (aka hyp3rlinx) [+] Website: hyp3rlinx.altervista.org [+] Source: https://hyp3rlinx.altervista.org/advisories/MICROSOFT_WINDOWS_DEFENDER_VBSCRIPT_TROJAN_MITIGATION_BYPASS.txt [+] twitter.com/hyp3rlinx [+] ISR: ApparitionSec [Vendor] www.microsoft.com [Product] Windows Defender [Vulnerability Type] Windows Defender VBScript Detection Mitigation Bypass TrojanWin32Powessere.G [CVE Reference] N/A [Security Issue]...
  • Microsoft Windows Defender / Trojan.Win32/Powessere.G / Detection Mitigation Bypass Part 3 Febbraio 21, 2024
    Posted by hyp3rlinx on Feb 20[+] Credits: John Page (aka hyp3rlinx) [+] Website: hyp3rlinx.altervista.org [+] Source: https://hyp3rlinx.altervista.org/advisories/MICROSOFT_WINDOWS_DEFENDER_TROJAN.WIN32.POWESSERE.G_MITIGATION_BYPASS_PART_3.txt [+] twitter.com/hyp3rlinx [+] ISR: ApparitionSec [Vendor] www.microsoft.com [Product] Windows Defender [Vulnerability Type] Windows Defender Detection Mitigation Bypass TrojanWin32Powessere.G [CVE Reference] N/A [Security Issue]...
  • 44CON 2024 September 18th - 20th CFP Febbraio 15, 2024
    Posted by Florent Daigniere via Fulldisclosure on Feb 1544CON is the UK&apos;s largest combined annual Security Conference and Training event. Taking place 18,19,20 of September at the Novotel London West near Hammersmith, London. We will have a fully dedicated conference facility, including catering, private bar, amazing coffee and a daily Gin O’Clock break.         _  […]
  • SEC Consult SA-20240212-0 :: Multiple Stored Cross-Site Scripting vulnerabilities in Statamic CMS Febbraio 14, 2024
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab, Research via Fulldisclosure on Feb 13SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20240212-0 > ======================================================================= title: Multiple Stored Cross-Site Scripting vulnerabilities product: Statamic CMS vulnerable version: =3.4.17 CVE number: CVE-2024-24570 impact: high homepage: https://statamic.com/...
  • Stored XSS and RCE - adaptcmsv3.0.3 Febbraio 14, 2024
    Posted by Andrey Stoykov on Feb 13# Exploit Title: Stored XSS and RCE - adaptcmsv3.0.3 # Date: 02/2024 # Exploit Author: Andrey Stoykov # Version: 3.0.3 # Tested on: Ubuntu 22.04 # Blog: http://msecureltd.blogspot.com *Description* - It was found that adaptcms v3.0.3 was vulnerable to stored cross site scripting - Also the application allowed the […]
  • OXAS-ADV-2023-0007: OX App Suite Security Advisory Febbraio 14, 2024
    Posted by Martin Heiland via Fulldisclosure on Feb 13Dear subscribers, We&apos;re sharing our latest advisory with you and like to thank everyone who contributed in finding and solving those vulnerabilities. Feel free to join our bug bounty programs for OX App Suite, Dovecot and PowerDNS at YesWeHack. This advisory has also been published at https://documentation.open-xchange.com/appsuite/security/advisories/html/2023/oxas-adv-2023-0007.html. […]

Customers

Newsletter

{subscription_form_2}