Pass the hash Giacomo Lanzi

Pass the hash: come guadagnare accesso senza la password

Tempo di lettura stimato: 6 minuti

Da quando internet è diventato molto diffuso, sono stati fatti incredibili passi avanti sulla consapevolezza dell’uso delle password. Ormai tutti conoscono quali sono le best practice per impostare una password (evitare le password standard, usare lettere e numeri, evitare le date di nascita, etc). Tuttavia, non c’è tanto da stare tranquilli, perché gli hacker hanno un altro trucco che potrebbe mettere a rischio i vostri account: l’attacco pass the hash.

Generalmente gli attacchi alle password possono essere mitigati applicando password forti, eliminando le impostazioni predefinite dei fornitori e implementando una ragionevole policy di sostituzione ciclica delle password. Gli attacchi alle password, o meglio alle credenziali, sono ancora molto popolari, in realtà. Uno di questi attacchi è il cosiddetto pass the hash o PtH.

Questi attacchi sono visti da alcuni come un problema dei vecchi sistemi Windows. Un po’ è vero, ma sono comunque una minaccia. Infatti, il Pass the Hash è ancora soggetto di molto materiale recuperabile con una semplice ricerca Google, sia per capire come difendersi, sia per imparare ad attaccare.

pass the hash password

Gli hash

Prima di capire cosa sia l’attacco Pass the Hash, è meglio definire in modo chiaro cosa sia un Hash.

I ricercatori in campo di sicurezza sanno fin dagli albori dell’informatica moderna che memorizzare le password in chiaro è una pessima pratica di sicurezza. Per questo, hanno avuto l’idea di passare la stringa di testo semplice attraverso una speciale funzione di crittografia a 1 via per produrre un hash. Un hash è un codice matematico di una lunghezza prestabilita che deriva e rappresenta univocamente la password, ma non può essere invertito matematicamente o rivelare quale sia la password di partenza.

Si tratta, nella pratica, di una stringa di caratteri alfanumerici generata partendo dalla password.

Il punto chiave è che in entrambi i sistemi Windows e Linux la password hash viene memorizzata al posto di quella leggibile. Se ci si pensa un po’, l’hash agisce come un proxy per l’identità: se puoi dimostrare di averlo, è come un biglietto d’ingresso.

In Windows, il protocollo di autenticazione NTLM prevede lo scambio di messaggi per confermare che gli utenti abbiano l’hash senza effettivamente inviarlo nella comunicazione. Questa tecnica di autenticazione è al centro di come Active Directory (cuore del sistema Windows Server), supporta i login remoti all’interno di un dominio ed è anche usata per altri servizi di Windows, in particolare l’accesso remoto ai file.

Pass the Hash

Il sistema operativo stocca gli hash nella memoria per implementare il Single Sign On o SSO, che è una caratteristica essenziale degli ambienti aziendali Windows. Fin qui, tutto bene, sembrerebbe.

Per esempio, su un portatile l’utente accede inizialmente con la password, Windows ne fa un hash e lo memorizza in modo che quando, per esempio, si acceda a una directory remota o si usano altri servizi in cui c’è bisogno di provare l’identità, non è necessario inserire nuovamente la password. Windows usa l’hash memorizzato.

Questa comportamento è sufficiente per gli hacker. Attraverso l’uso di RAM scrapers usati sui dispositivi, gli hacker possono sbirciare nella memoria RAM e recuperare gli hash. Non sorprende che ci siano kit di strumenti sulla rete che permettono agli hacker di rubare le credenziali dalla memoria e accedere come quell’utente.

Questo è uno dei punti deboli del sistema SSO. Gli hacker non devono craccare gli hash (cercare cioè di decifrarli), ma semplicemente riutilizzarli o passarli ad un server di autenticazione, da cui il nome pass the hash.

pass the hash login

Pass the Hash sfrutta una caratteristica non un bug

Il presupposto di questo attacco è che l’hacker guadagna i permessi da amministratore per la macchina di un primo utente. Chiunque del settore vi dirà che non è necessariamente difficile da realizzare.

In un tipico exploit, l’hacker prenderà alcuni hash, accederà ad altri server e continuerà il processo di accumulo di credenziali. Se riesce a fare jackpot, ossia arrivare a un controller di dominio o un server SQL, potrebbe essere in grado di ottenere gli hash di tutti gli utenti nel sistema.

Sfortunatamente, pass the hash è una caratteristica di Windows, non un bug! L’autenticazione NTLM sta effettivamente usando l’hash per implementare il protocollo SSO, risparmiando all’utente la fatica di inserire la password. Gli hacker stanno solo sfruttando questa caratteristica per i loro scopi.

Per non essere troppo duro con i sistemi Windows, bisogna dire che pass the hash è anche un problema nei sistemi Linux che implementano il protocollo di comunicazione Kerboros, dove si ha un equivalente attacco Pass the Ticket o PtT.

Ecco la cosa più importante da tenere a mente: non si può prevenire l’attacco Pass the Hash, si può solo mitigare o ridurre notevolmente la possibilità che questo attacco si verifichi.

Pass the hash

Prevenire l’exploit

Ad oggi, questo tipo di attacco è usato dai peggiori software di ransomware.

L’attacco avverrebbe in questo modo: una volta che il ransomware colpisce, acquisisce i privilegi di amministratore e, oltre a cifrare tutti i dati del disco, utilizza gli hash trovati per compiere dei lateral movement. Ottenuto accesso a un’altra macchina della rete, procede a cifrare i dati presenti su di essa, diffondendosi rapidamente in una rete.

L’unico modo di azzerare le possibilità di attacco pass the hash, sarebbe quello di non utilizzare il sistema Single Sign-On per l’autenticazione. In questo caso gli hash non ci sarebbe del tutto e non si potrebbero sfruttare per l’attacco. Sfortunatamente non è semplice eliminare un sistema così comodo che rende la gestione degli accessi così semplice e comoda per gli utenti.

La soluzione di SOD

Un altro metodo di mitigazione, è quello di implementare nella rete sistemi SIEM e UEBA, ed impostare un controllo della rete centralizzato con un SOC.

Grazie al servizio SOC as a Service offerto da SOD, infatti, la rete viene monitorata e controllata da un’intelligenza artificiale che segnala ogni possibile comportamento sospetto. Il lateral movement è così immediatamente rilevato e bloccato, così come dubbie richieste di accesso a computer della rete aziendale.

La tecnologia avanza e si implementano sempre nuove soluzioni per la difesa, ma allo stesso modo gli attaccanti scoprono nuovi modi di sfruttare le vulnerabilità.

Per abbassare di molto il rischio di perdita di dati o accessi fraudolenti, bisogna restare sempre al passo con i tempi.

Se sei interessato a sapere come il nostro SOCaaS poterebbe aiutare la tua azienda, non esitare a contattarci, saremo lieti di rispondere a ogni tuo dubbio.

Useful links:

Condividi


RSS

Piu’ articoli…

Categorie …

Tags

RSS CSIRT

  • PoC pubblico per lo sfruttamento della CVE-2024-2389 (AL09/240412/CSIRT-ITA) Aprile 12, 2024
    Disponibile un Proof of Concept (PoC) per la CVE-2024-2389 – già sanata dal vendor – presente in Flowmon, software per il monitoraggio del traffico di rete di Progress. Tale vulnerabilità – con score CVSS v3.x pari a 10.0 – potrebbe permettere ad un attaccante non autenticato di eseguire da remoto codice sui sistemi affetti per […]
  • Aggiornamenti di sicurezza per Node.js (AL08/240412/CSIRT-ITA) Aprile 12, 2024
    Rilasciati aggiornamenti di sicurezza che risolvono una vulnerabilità con gravità “alta” in Node.js, noto software open source per l’esecuzione di codice Javascript.
  • Aggiornamenti di sicurezza per prodotti Juniper Networks (AL07/240412/CSIRT-ITA) Aprile 12, 2024
    Juniper Networks rilascia aggiornamenti di sicurezza per sanare molteplici vulnerabilità in Junos OS. Tali vulnerabilità, qualora sfruttate, potrebbero comportare la divulgazione di informazioni sensibili, la compromissione della disponibilità del servizio e il bypass dei meccanismi di sicurezza sui sistemi interessati.
  • Palo Alto Networks risolve vulnerabilità in PAN-OS (AL03/240412/CSIRT-ITA) Aprile 12, 2024
    Aggiornamenti di sicurezza sanano 5 vulnerabilità, di cui una con gravità “critica”, nel software PAN-OS. Tali vulnerabilità, qualora sfruttate, potrebbero consentire a un utente remoto non autenticato di eseguire codice arbitrario, accedere a informazioni sensibili o compromettere la disponibilità del servizio sui sistemi target.
  • Aggiornamenti per VMware Spring (AL06/240412/CSIRT-ITA) Aprile 12, 2024
    Aggiornamenti di sicurezza VMware risolvono una vulnerabilità in Spring, noto framework open source per lo sviluppo di applicazioni Java. Tale vulnerabilità, correlata alle CVE-2024-22259 e CVE-2024-22243, potrebbe permettere il reindirizzamento della navigazione tramite la distribuzione di URL opportunamente predisposte.
  • Sanate vulnerabilità su GitLab CE/EE (AL05/240412/CSIRT-ITA) Aprile 12, 2024
    Rilasciati aggiornamenti di sicurezza che risolvono 4 vulnerabilità, di cui 2 con gravità “alta”, in GitLab Community Edition (CE) e Enterprise Edition (EE). Tali vulnerabilià potrebbero permettere a un utente malintenzionato l’accesso a informazioni sensibili e la possibilità di compromettere la disponibilità del servizio sul sistema target.
  • Vulnerabilità in Rust (AL04/240412/CSIRT-ITA) Aprile 12, 2024
    Rilevata una vulnerabilità con gravità “critica” in Rust, linguaggio di programmazione sviluppato da Mozilla Research. Tale vulnerabilità, qualora sfruttata, potrebbe consentire l’esecuzione di comandi arbitrari sui sistemi interessati tramite file batch con argomenti opportunamente predisposti.
  • Aggiornamenti per prodotti Citrix (AL02/240412/CSIRT-ITA) Aprile 12, 2024
    Aggiornamenti Citrix 2 alcune vulnerabilità, di cui una con gravità “alta”, nei prodotti Hypervisor e XenServer.
  • Risolte vulnerabilità in Google Chrome (AL01/240412/CSIRT-ITA) Aprile 12, 2024
    Google ha rilasciato un aggiornamento per il browser Chrome al fine di correggere 3 vulnerabilità di sicurezza con gravità “alta”.
  • Aggiornamenti Mensili Microsoft (AL07/240409/CSIRT-ITA) - Aggiornamento Aprile 10, 2024
    Microsoft ha rilasciato gli aggiornamenti di sicurezza mensili che risolvono un totale di 150 nuove vulnerabilità.

RSS darkreading

RSS Full Disclosure

  • CVE-2024-31705 Aprile 14, 2024
    Posted by V3locidad on Apr 14CVE ID: CVE-2024-31705 Title : RCE to Shell Commands" Plugin / GLPI Shell Command Management Interface Affected Product : GLPI - 10.X.X and last version Description: An issue in Infotel Conseil GLPI v.10.X.X and after allows a remote attacker to execute arbitrary code via the insufficient validation of user-supplied input. […]
  • SEC Consult SA-20240411-0 :: Database Passwords in Server Response in Amazon AWS Glue Aprile 14, 2024
    Posted by SEC Consult Vulnerability Lab via Fulldisclosure on Apr 14SEC Consult Vulnerability Lab Security Advisory < 20240411-0 > ======================================================================= title: Database Passwords in Server Response product: Amazon AWS Glue vulnerable version: until 2024-02-23 fixed version: as of 2024-02-23 CVE number: - impact: medium homepage: https://aws.amazon.com/glue/ found:...
  • [KIS-2024-03] Invision Community <= 4.7.16 (toolbar.php) Remote Code Execution Vulnerability Aprile 11, 2024
    Posted by Egidio Romano on Apr 10------------------------------------------------------------------------------ Invision Community
  • [KIS-2024-02] Invision Community <= 4.7.15 (store.php) SQL Injection Vulnerability Aprile 11, 2024
    Posted by Egidio Romano on Apr 10-------------------------------------------------------------------- Invision Community
  • Multiple Issues in concretecmsv9.2.7 Aprile 11, 2024
    Posted by Andrey Stoykov on Apr 10# Exploit Title: Multiple Web Flaws in concretecmsv9.2.7 # Date: 4/2024 # Exploit Author: Andrey Stoykov # Version: 9.2.7 # Tested on: Ubuntu 22.04 # Blog: http://msecureltd.blogspot.com Verbose Error Message - Stack Trace: 1. Directly browse to edit profile page 2. Error should come up with verbose stack trace […]
  • OXAS-ADV-2024-0001: OX App Suite Security Advisory Aprile 11, 2024
    Posted by Martin Heiland via Fulldisclosure on Apr 10Dear subscribers, We&apos;re sharing our latest advisory with you and like to thank everyone who contributed in finding and solving those vulnerabilities. Feel free to join our bug bounty programs for OX App Suite, Dovecot and PowerDNS at YesWeHack. This advisory has also been published at https://documentation.open-xchange.com/appsuite/security/advisories/html/2024/oxas-adv-2024-0001.html. […]
  • Trojan.Win32.Razy.abc / Insecure Permissions (In memory IPC) Aprile 11, 2024
    Posted by malvuln on Apr 10Discovery / credits: Malvuln (John Page aka hyp3rlinx) (c) 2024 Original source: https://malvuln.com/advisory/0eb4a9089d3f7cf431d6547db3b9484d.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Trojan.Win32.Razy.abc Vulnerability: Insecure Permissions (In memory IPC) Family: Razy Type: PE32 MD5: 0eb4a9089d3f7cf431d6547db3b9484d SHA256: 3d82fee314e7febb8307ccf8a7396b6dd53c7d979a74aa56f3c4a6d0702fd098 Vuln ID: MVID-2024-0678...
  • CVE-2023-27195: Broken Access Control - Registration Code in TM4Web v22.2.0 Aprile 11, 2024
    Posted by Clément Cruchet on Apr 10CVE ID: CVE-2023-27195 Description: An access control issue in Trimble TM4Web v22.2.0 allows unauthenticated attackers to access a specific crafted URL path to retrieve the last registration access code and use this access code to register a valid account. If the access code was used to create an Administrator […]
  • [CFP] IEEE CSR Workshop on Cyber Forensics& Advanced Threat Investigations in Emerging Technologies 2024 Aprile 5, 2024
    Posted by Andrew Zayine on Apr 05Dear Colleagues, IEEE CSR Workshop on Cyber Forensics and Advanced Threat Investigations in Emerging Technologies organizing committee is inviting you to submit your research papers. The workshop will be held in Hybrid mode. The in-person mode will held at Hilton London Tower Bridge, London from 2 to 4 September […]
  • Backdoor.Win32.Agent.ju (PSYRAT) / Authentication Bypass RCE Aprile 5, 2024
    Posted by malvuln on Apr 05Discovery / credits: Malvuln (John Page aka hyp3rlinx) (c) 2024 Original source: https://malvuln.com/advisory/0e6e40aad3e8d46e3c0c26ccc6ab94b3.txt Contact: malvuln13 () gmail com Media: twitter.com/malvuln Threat: Backdoor.Win32.Agent.ju (PSYRAT) Vulnerability: Authentication Bypass RCE Family: PSYRAT Type: PE32 MD5: 0e6e40aad3e8d46e3c0c26ccc6ab94b3 Vuln ID: MVID-2024-0677 Disclosure: 04/01/2024 Description: The PsyRAT 0.01 malware listens on...

Customers

Newsletter

{subscription_form_2}